SOAPOPERAFANZINE

#Weekly

CAROLINA DI DOMENICO

// SoapOpera meets the italian anchorwoman and modern muse

INTERVIEWED BY SILVIA PISANU AND LENSED BY ALAN CHIES

The sex, drugs and rock’n’roll life is not for her: Carolina Di Domenico wanted to be behind the camera but one day she makes an audition and becomes one of the MTV superheroes.
On the set she see her as an “elfica” creature but also a modern and faithful alien because she loves the same man since eighteen years. 
Mother of Pietro and Andrea, she tells about when she decided to give birth at home and how, if it was needed, a plan B doesn’t scare her at all.

An invitation? “Let’s focus on what we know how to do”.

*
*
*

 

Silvia. Let’s start from the beginning. From your roots. I did not know you were from Naples.
Carolina. I am, because my father is Neapolitan and I was born there but I lived in Naples only the first year of life, my mother is Roman and we moved on her side. I like Rome, it’s a marvellous city but very complicated to live, in fact I have been living for ten years in its outskirts even if I am about to move back.
Rome to me is love and hate: it is a complex city to deal with.

Silvia. How was your MTV entry and how did it feel like to be one of the main faces of a reality that was a reference for many young people? Did you aspire to or it just happened, if we can say, casually?
Carolina. The first experience I did was the Disney Club which I conducted for four years and that, yes, it really started by chance. I was an entertainer for children’s parties, I gave repetitions of English and French, I would untangle myself in various jobs. Among these, after the suggestion of a friend, I started working in advertising, it took a little time and I earned good money. So I joined an agency that one day told me: “Go, and do this audition”. It was MTV and even if I had no particular expectations it was just how I started the TV path. In my life I wanted to do production but I told myself: “Let’s see what happens” and it was an incredible school, here I had the chance to learn a job. Music was one of my passions, already at the Disney Club I tried to deal mainly with this and I spent the days watching videos on MTV. I was very happy with the jump I made but the impact was strong: I came from another type of television, from an approach by RAI authors and a certain type of institutionalism, I found myself in a situation where everything was very amplified, the Vj were treated like super heroes but actually with no real responsibility.
The first thing they told me to do was the MTV Day: a bit like entering the chicken coop just when there is a rooster war. It was also amazing that each of us had a person to accompany us everywhere, the fear was that you were not on time on stage and for me, accustomed to respecting every detail, it was strange. I always felt a little different. They were wonderful years, without realizing it was the period when you had the most beautiful music, the most beautiful music programs and the opportunity to have many direct contacts with great artists. My intention has always been going deeper and deeper, so in some moments, for example with A Night with, I felt in my shoes, when instead I did TRL was more tough because I did not have that approach. With hindsight, especially since Musical television is dead and I’m still having good relations with many people who have worked there, there is great nostalgia for those moments when everything happened very quickly and we were often able to complain but we were part of the everyday, seen as a model. We were also curious from the aesthetic point of view, we were precursors of so many fashions, there was the concept that we first, and foremost of the others, had to be dressed in a certain way. I followed the model Paola Maugeri, I entered thinking of her as my absolute myth. I am always very proud when someone is assigned to me that was hers before and it often happened, like a destiny that crosses us.

Silvia. You were the presenter of the last Dopofestival. A real challenge for an event that, for criticism or less, can channel the attention for entire weeks… How did you work with Edoardo Leo?
Carolina. I had already experienced the Festival many times with the radio and with TIM MUSIC for which I cover with various interviews to the artists from time to time, so I knew a bit about the ambience.
I have also been in the artistic commission of young people for four years so I have always lived the Festival from various angles. It was definitely a new approach anyways but I had no anxiety of performing because it was set up quite simple as a television product, we had no idea of what would happen, we had a lineup but not a detailed one also for the fact to go on air late. For me it was a bit difficult to enter the dynamics of the group of friends who are Edoardo Leo, Sabrina Impacciatore and Rolando Ravello. Edoardo was the one with the “house keys”, I came as the one who understands television and music even if he himself is a big fan. I was more dedicated to the part of journalists, to the dynamics we call institutional. They have been friends for twenty years and they are actors so they have a slightly different approach, I felt the responsibility of keeping the television box firmer, they had the desire to create something that was kind of a living room of friends, the authors were looking at me for a little more order: each one then got his own space. I was more frightened by the time, I’m the kind of person who goes to bed early and we were live at half past one but there was adrenaline that made everything very intense and possible.

Silvia. For more than ten years you have a relationship with Pierluigi Ferrantini, leader of the musical group VELVET. What are the foundations thanks to which you go through time?
Carolina. Eighteen to be exact. We have been working on the radio together for about five years: we present a program that airs every night on Rai Radio 2 called Rock and Roll Circus, and Radio2 Live. I’m very lucky and that’s all about the luck to have found and to have a lot of balance. I was twenty-one when we got together. We compensate ourselves as characters and we found ourselves regarding the education of children. The game I think is also that the work we do together is not our only commitment so we have spaces for mutual autonomy but we are complementary: he is coming from a musical past and deals with research and the structural part of the program, I give the conduction rhythm. We have obtained these roles in an absolute natural way and they work pretty well.

Silvia. How is Carolina mother version (with Andrea and Pietro), what is the biggest challenge of the role?
(she begins with an exclamation and we burst out laughing).
Carolina. Yes, I am very rigid indeed, they prefer the father (and we laugh again). I am convinced that education starts from this, from having rules. My mother was a very strong and independent woman, certainly not of extreme rules but on certain things she had a certain level of rigidity. In part I took from her and then I have a speed that weighs on the males. Mothers have a more onerous task because they spend more time with their children. The biggest challenge is first of all a mother, a role that involves a series of unknowns: nobody teaches you how to do it and you always make a kind of comparison with your past. Even seeing them in perspective is a challenge because in growing them you must think that they will be adults and above all, if they are males, the men of tomorrow. You can not complain about what you find around if you are not the first to educate them in a certain way. The challenges are many but even if it’s the most banal thing they really are the most beautiful in life and I am a supporter of this. Even the path that I wanted to take from the beginning giving birth at home, in water, without anaesthesia, I found it important, I wanted to experience it in a certain way. Obviously it is a circumstance that you can choose if you have a whole series of parameters. I absolutely respect the choice of those who go to the hospital to give birth but do not prefer it, I am one, and I saw it with the first child because in this case I only did the labor at home, that in my comfort zone I was a bomb, once I got to the hospital I gave birth thirteen hours later. I do not like that environment, it gives me performance anxiety. I am very confident of the choice I made and would make a third child just to be able to give birth again.

Silvia. Carolina woman and women today. Where are we at? Which conquests? What still misses?
Carolina. We are at a rather critical point: I believe there is a tendency to highlight ourselves only in events in which we are weak. Denouncing something wrong is clearly right, but it is always good to show the other side, which is the most realistic of the woman, absolutely, without any doubt, and not because I am a feminist but because it is a fact of life, the bearer of a DNA superior to man. Without wanting to say “we are more cool than you”, I think it’s about genetic reality. Said the most trivial thing, we are able to do many more things at the same time. I find it difficult to be a woman in some areas where I was compared to other women. Even banally television, there is a tendency to think that the male presenter is more reassuring and I think that compared to other women because of my character I have had more difficulty in relating to this. I do this work, but perhaps I never decided for it, not having had this myth, I do it with great firmness, with great professionalism and with little coquetry. I have given other priorities to my life that are precisely the children, growing them trying to be present even if not obsessively. Mothers must work, they must have their own spaces otherwise they grow as less independent children. My work is also made up of trends and contacts, but I find it hard to take care of these aspects and especially when it is on trend, a person is difficult to unhinge from certain positions even if you were much better. I’ve been doing this job since ’98, it’s been twenty years, and I have reached awareness of my professionalism, I’m happy to have remained in my space. There were also times when I did something else: for example, when I was pregnant with my second child. With the first I was still at MTV and it was very cool to go on air with my bump, in the other case I went to work in a restaurant because I needed and I’m happy not to have an attachment and the possibility to change my job tomorrow. I think this is a great fortune because it keeps me with my feet on the ground and distinguishes me from the others. It is what saved me in many situations. In the same way I believe that the moment you give me a product, television or not, I manage to do it well. So let’s focus on what we can do. Lately there is a tendency to think “Who can be a plumber can be a mechanic too”, but i don’t agree. There is this intersection of things where everyone does everything. I’m not going to make Eleonora Duse at the theater because I’m not capable and it rudes me if a program is conducted by an actor, this thing should be a bit “resized”.

Silvia. Your relationship with food. I read that you are vegan, And with the most wider aspects of wellness and natural beauty that represents you. Do you have a daily routing?
Carolina. I’m not a vegan anymore, I’ve only been there for a while, but I do not eat meat. From the point of view of personal care I like baths full of creams but I can not do it all the time. In this sense I am lazy, I have a lack of constancy while being convinced that it has benefits. Instead I like physical activity, I go to the gym and it makes me feel good. On the diet they are extremely painterly but more than anything else for a health aspect: between the ethical aspect and the health one I prefer the second. I am convinced that the meat does not do well but I’m not an extremist: regarding my children there is no compulsion but I try to make them eat very little even though they are great lovers but they also eat tofu. Being a matter of awareness, I hope that over time this will work as a personal choice rather than an imposed one. The great lack of our time is that the information network has grown so much that it is difficult to choose the real ones and I refer to a whole strand related to health, food, vaccines… it becomes difficult to make decisions, make an opinion, and it’s not easy to be always updated.

Silvia. One thing that you gave up for lack of time, courage or ostentation. Do you believe in luck or is it always a question of will?
Carolina. I think that renunciations, if they are made in a conscious way, also occur naturally. It is clear that in moments when you make choices you automatically give up something else. In my life I think I have made more choices than renunciations: I prefer to call them like that. There isn’t something I regret, I am very convinced of the roads I undertook. Here’s one thing you give up when you have children, but it’s a choice, it’s disorganization and this is something that I miss a bit: the possibility to choose only for yourself and change your mind whenever you want and not having to account to a third party. But I do not find all this after all a renunciation as I find it to be of great benefit because having children opens you to another world that is worth living.

Silvia. The working future of Carolina is…?
Carolina. I have just followed the Eurofestival with both the radio that is fixed for me and Rai4.
On the radio I do not want to give up, comes after the TV but it is something that has given me so much, even stability in the work: it was a big discovery. We have also been behind the scenes of the May Day concert. On the 14th of may a zero episode of a new program was broadcasted on Sky 1 – the original format is called Find my first love – and it is practically the search for a person’s first love, obviously a first love that is not on social networks. It was a lot of fun to shoot it but it’s a zero. In July we will follow the concerts around Italy as we always do with the radio. August holidays, and then we move out of our house.

Carolina Di Domenico lensed by Alan Chies, 20th of April 2018, Milan.

Styled by Sara Castelli Gattinara @ Factory4, grooming by Simona Parrella, producer Erika Grupillo, photographer assistant Giorgia Caboni.

Interview by Silvia Pisanu and translation by Amanda Ballerini.

Special thanks to Factory4 and Simone Rutigliano.

  1. Dress by Alberta Ferretti and earring by Bernard Delletretz
  2. Shirt and jeans by Stella McCartney, shoes by Sergio Rossi, rings by Bernard Delletretz
  3. Shirt by Alberta Ferretti, earring by Go Go Philip and necklaces by Iosselliani
  4. Coat and jumpsuit by Alberta Ferretti, earring by Bernard Delletretz
  5. Total look by Fendi
  6.  Coat and jumpsuit by Alberta Ferretti
*
*
*
ITA

Questa vita sesso, droga e rock’n’roll? Non la sua: quella di Carolina Di Domenico che voleva stare dietro le telecamere ma un giorno ha fatto un provino ed è diventata una dei supereroi di MTV. Sul set l’abbiamo definitiva elfica ma a tratti dire un’aliena moderna e fedele perchè da diciotto anni ama lo stesso uomo. Mamma di Pietro ed Andrea mi racconta di quando ha deciso di partorire in casa e di come, se ce ne fosse bisogno, un piano B non la spaventi affatto.

Un invito? “Concentriamoci su quello che sappiamo fare”.

*
*
*

Silvia. Partiamo dall’inizio. Dalle tue origini. Non sapevo fossi Napoletana.
CarolinaLo sono perché mio padre è napoletano e io sono nata lì però ho vissuto a Napoli solo il primo anno di vita, mia madre è romana e ci siamo trasferiti sul suo versante. Roma mi piace, è una città meravigliosa ma molto complicata per viverci infatti abito, da dieci anni, poco fuori anche se mi ci sto per ritrasferire. La vivo con amore e odio: è particolarmente complessa da affrontare.

Silvia. Com’è avvenuto il tuo ingresso a MTV e com’è stato essere uno dei volti di punta di una realtà che è stata un riferimento per tantissimi giovani? Ambivi a questo salto o è avvenuto, se così possiamo dire, casualmente?
Carolina. 
La prima esperienza che ho fatto è stata il Disney Club che ho condotto per quattro anni e questo, sì, è iniziato veramente per caso. Facevo animazione alle feste per bambini, davo ripetizioni di inglese e francese, mi districavo in lavoretti vari. Tra questi, sotto suggerimento di un amico, ho iniziato a fare pubblicità, si impiegava poco tempo e si guadagnava bene. Sono entrata quindi a far parte di un’agenzia che un giorno mi ha detto: “Vai, e fai questo provino”. Si trattava appunto di MTV ma non avevo particolari aspettative invece è stato proprio così che ho intrapreso la strada della tv. Io nella vita volevo fare produzione ma mi sono detta: “Vediamo cosa succede” ed è stata una scuola incredibile, qui ho avuto la possibilità di imparare un mestiere. La musica era una delle mie passioni, già al Disney Club tentavo di occuparmi principalmente di questo e passavo le giornate a guardare i video su MTV. Sono stata felicissima del salto ma l’impatto è stato forte: venivo da un altro tipo di televisione, da un’impostazione di autori RAI e da un certo tipo di istituzionalità, mi sono trovata in una situazione dove era tutto molto amplificato, i Vj erano trattati come dei super eroi ma senza responsabilità. La prima cosa che mi hanno fatto fare è stato l’MTV Day: un po’ come entrare nel pollaio proprio nel momento in cui c’è la guerra dei galli. A stupirmi era anche il fatto che ognuno di noi avesse una persona ad accompagnarci ovunque, la paura era che tu non fossi puntuale sul palco e per me, abituata a rispettare ogni minimo dettaglio, è stato strano. Mi sono sempre sentita un po’ diversa. Sono stati anni meravigliosi, senza che ce ne rendessimo conto è stato il periodo in cui avevi la musica più bella, i programmi televisivi musicali più belli e la possibilità di avere tanti contatti diretti con grandi artisti. La mia intenzione è sempre stata l’approfondimento quindi in alcuni momenti, per esempio con A Night with, mi sono sentita nei miei panni, quando invece ho fatto TRL è stata più tosta perché caratterialmente non ho quell’approccio. Con il senno di poi, soprattutto da quando è morta la tv musicale e avendo ancora ottimi rapporti con tante persone che hanno lavorato lì, c’è grande nostalgia di quei momenti in cui avveniva tutto molto in fretta e spesso eravamo anche capaci di lamentarci ma eravamo parte del quotidiano, visti come un modello, facevamo curiosità anche dal punto di vista estetico, siamo stati precursori di tante mode, c’era il concetto che noi per primi e prima degli altri dovessimo essere vestiti in un certo modo. Io seguivo il modello Paola Maugeri, sono entrata pensando a lei come il mio mito assoluto. Sono sempre molto orgogliosa quando mi viene passato un testimone che poco prima è stato suo ed è capitato spesso, come un destino che ci incrocia.

Silvia. Sei stata la presentatrice dell’ultimo DopoFestival. Ansia da prestazione per un evento che, per critiche o meno, canalizza l’attenzione per intere settimane? E com’è stato lavorare con Edoardo Leo?
Carolina. Il Festival l’avevo già vissuto tante volte con la radio e con TIM MUSIC per la quale faccio copertura con varie interviste agli artisti di volta in volta in gara per cui conoscevo un po’ l’ambientazione. Sono stata anche nella commissione artistica dei giovani per quattro anni quindi l’ho sempre vissuto da varie angolazioni. Quest’ultimo è stato sicuramente un approccio nuovo ma non avevo ansia da prestazione perché era impostato in maniera abbastanza semplice per quanto riguarda un prodotto televisivo, non avevamo idea di quello che sarebbe successo, avevamo sì una scaletta ma non dettagliata questo anche per il fatto di andare in onda tardi. Per me è stato un po’ difficile entrare nella dinamica del gruppo di amici che sono Edoardo Leo, Sabrina Impacciatore e Rolando Ravello. Edoardo era quello con le chiavi di casa, io sono arrivata in quanto colei che capisce di televisione e di musica anche se lui stesso ne è un grande appassionato. Ero dedicata più alla parte dei giornalisti, alla dinamica diciamo istituzionale. Loro sono amici da vent’anni e poi sono attori quindi hanno un approccio un po’ diverso, io sentivo la responsabilità di tenere il contenitore televisivo più fermo, loro avevano giustamente la voglia di creare qualcosa che fosse veramente un salotto di amici, gli autori puntavano su di me per avere un po’ di ordine: ognuno si è quindi ricavato il proprio spazio. Ero più terrorizzata dall’orario, io sono una che va a letto presto e si andava in onda all’una e mezza ma c’era l’adrenalina a rendere tutto molto intenso.

Silvia. Da oltre dieci anni hai una relazione con Pierluigi Ferrantini, leader dei VELVET. Quali sono le fondamenta grazie alle quali si supera il tempo?
Carolina. Diciotto per l’esattezza. Lavoriamo anche in radio insieme da circa cinque anni: presentiamo un programma che va in onda tutte le sere su Rai Radio 2 che si chiama Rock and Roll Circus, e Radio2 Live.
Sono molto fortunata, di base credo ci sia questo. La fortuna di essersi trovati e di avere molto equilibrio. Avevo ventuno anni quando ci siamo messi insieme. Ci compensiamo come caratteri e ci siamo trovati per quanto riguarda l’educazione dei figli. Il gioco credo sia anche che il lavoro che facciamo insieme non è il nostro unico impegno quindi abbiamo degli spazi di autonomia reciproca ma anche qui siamo complementari: lui arrivando da un passato di musica si occupa della ricerca e della parte strutturale del programma, io gli do il ritmo di conduzione. Questi ruoli ce li siamo ricavati in maniera assolutamente naturale e funzionano.

Silvia. Com’è Carolina in versione mamma di Pietro ed Andrea? Qual’è la sfida più grande di questo ruolo?(Esordisce con un esclamazione e scoppiamo a ridere).
Carolina. Sì, sono molto rigida infatti preferiscono il padre (e ridiamo di nuovo). Io sono convinta che l’educazione parta proprio da questo, dall’avere delle regole. Mia madre è stata una donna molto forte e indipendente, sicuramente non di regole estreme però su certe cose ha avuto un certo livello di rigidità. In parte ho preso da lei e poi ho una velocità che sui maschi pesa. Le mamme hanno un compito più oneroso anche perché trascorrono maggior tempo con i figli. La sfida più grande è innanzitutto esserlo una madre, ruolo che comporta una serie di incognite: nessuno ti insegna come fare e hai sempre almeno in parte il confronto con il tuo di passato. Anche vederli in prospettiva è una sfida perché nel crescerli devi pensare che saranno degli adulti e soprattutto, se maschi, gli uomini di domani. Non ti puoi lamentare di quello che trovi in giro se non sei tu la prima a educarli in un certo modo. Le sfide insomma sono veramente tante ma è la cosa banalmente detta più bella del mondo e io sono fautrice di questo. Anche il percorso che ho voluto fare sin dall’inizio partorendo in casa, in acqua, senza anestesia, lo trovavo importante, volevo vivermelo in un certo modo. Ovviamente è una circostanza che puoi scegliere se hai tutta una serie di parametri. Rispetto assolutamente la scelta di chi va in ospedale a partorire ma non lo preferisco, sono una, e l’ho visto con il primo figlio perché in questo caso ho fatto solo il travaglio in casa, che nella mia zona di comfort stavo una bomba, una volta arrivata in ospedale ho partorito tredici ore dopo. Non amo quell’ambiente, mi dà ansia da prestazione. Sono straconvinta della scelta che ho fatto e farei un terzo figlio solo per poter nuovamente partorire.

Silvia. Carolina donna e le donne. A che punto siamo? Quali conquiste. Quali mancanze. Quali ulteriori necessità.
Carolina. Siamo in un punto piuttosto critico: credo ci sia la tendenza a metterci in luce solo per vicende in cui risultiamo deboli. È chiaramente giusta la denuncia ma è sempre bene mostrare anche l’altro lato che poi è quello più realistico della donna che è assolutamente, senza dubbio, e non perché io sia femminista ma è proprio un dato di fatto nella vita, portatrice di un DNA superiore rispetto all’uomo. Senza voler dire “siamo più fighe noi”, credo sia una realtà proprio genetica. Detta la cosa più banale siamo capaci di fare contemporaneamente molte più cose. Io la difficoltà di essere donna in alcuni ambiti devo ammettere di averla trovata rispetto ad altre donne. Nel panorama anche banalmente televisivo c’è una tendenza a pensare che il presentatore uomo sia più rassicurante e credo che rispetto ad altre donne per via del mio carattere io abbia avuto più difficoltà a relazionarmi. Faccio questo lavoro però forse non avendolo mai a priori deciso, non avendo avuto questo mito, lo faccio con grande fermezza, con grande professionalità e con poca civetteria. Ho dato altre priorità alla mia vita che sono appunto i figli, crescerli cercando di essere presente anche se non in maniera ossessiva, le mamme devono lavorare, devono avere dei propri spazi altrimenti crescono figli poco indipendenti. Il mio lavoro è fatto anche di mode e contatti ma io faccio fatica a curare questi aspetti e soprattutto quando va di moda una persona è difficile scardinarla da determinate posizioni anche se magari sei molto meglio tu. Faccio questo lavoro dal’98, sono passati vent’anni, e ho raggiunto consapevolezza della mia professionalità, sono contenta di essere rimasta nel mio. Ci sono stati anche dei momenti in cui ho fatto altro: per esempio quando ero incinta del secondo figlio. Con il primo ero ancora a MTV ed era fighissimo andare in onda con la pancia, nell’altro caso sono andata a lavorare in un ristorante perché ne avevo bisogno e sono felice di non avere attaccamento e di poter cambiare lavoro domani, credo che questa sia una gran fortuna perché mi tiene con i piedi per terra e mi distingue dalle altre. È la cosa che mi ha salvata in tante situazioni. Allo stesso modo credo che nel momento in cui mi dai un prodotto, televisivo e non, io la conduzione la so fare bene. Concentriamoci quindi su quello che sappiamo fare. Ultimamente c’è la tendenza a pensare “quello fa l’idraulico mettiamolo a fare il meccanico, ma no”. C’è questo incrocio di cose dove tutti fanno tutto. Io non vado a fare Eleonora Duse a teatro perché non sono capace e a me rode se un programma lo conduce un attore: questa cosa andrebbe un po’ ridimensionata.

Silvia. Il tuo rapporto con il cibo. Ho letto che sei vegana. E con gli aspetti più ampi del benessere e di una bellezza piuttosto naturale che ti rappresenta. Hai una routine?
Carolina. Vegana non lo sono più, lo sono stata solo per un periodo però non mangio carne. Dal punto di vista della cura della persona mi piacciono i bagni pieni di creme ma io non ce la faccio. In questo senso sono pigra, ho mancanza di costanza pur essendo convinta che abbia benefici. Invece mi piace l’attività fisica, vado in palestra e mi fa stare bene. Sull’alimentazione sono estremamente rompipalle ma più che altro per un aspetto legato alla salute: tra l’aspetto etico e quello della salute prediligo il secondo. Sono convinta che la carne non faccia bene ma non sono un’estremista: nei confronti dei miei figli non c’è costrizione ma cerco di fargliela mangiare pochissimo anche se loro ne sono grandi amanti però mangiano anche il tofu. Essendo una questione di consapevolezza spero che nel tempo questa cosa funzioni poi come scelta personale piuttosto che scelta imposta. La grande mancanza di questo tempo è che si è ampliata talmente tanto la rete di informazioni che è difficile scegliere quelle reali e penso a tutto un filone legato alla salute, al cibo, ai vaccini… diventa difficile prendere delle decisioni, farsi un’opinione e non è facile essere sempre aggiornati.

Silvia. Una cosa alla quale hai rinunciato per mancanza di tempo, coraggio od ostinazione. Credi alla fortuna o è sempre una questione di volontà?
Carolina. Io penso che le rinunce se sono fatte in maniera consapevole avvengano anche in maniera naturale. È chiaro che nei momenti in cui fai delle scelte automaticamente rinunci a qualcos’altro. Nella mia vita penso di aver fatto più delle scelte che delle rinunce: preferisco chiamarle così. Non c’è qualcosa che rimpiango, sono molto convinta delle strade che ho preso. Ecco una cosa a cui rinunci nel momento in cui hai dei figli, però è una scelta, è la disorganizzazione, questa è una cosa che un po’ mi manca, la possibilità di scegliere solo per te stesso e cambiare idea ogni volta che vuoi e non dover rendere conto a una terza parte. Ma non trovo tutto questo poi in fondo una rinuncia quanto trovo che sia di grande beneficio perché avere dei figli ti apre tutto un altro mondo che vale la pena di vivere.

Silvia. Il futuro prossimo lavorativo di Carolina è…
Carolina. Ho appena seguito l’Eurofestival sia con la radio che è per me fissa, sia con rai4. Alla radio non voglio proprio rinunciare, arriva dopo la tv ma è una cosa che mi ha dato tanto, anche stabilità nel lavoro: è stata una grossa scoperta. Siamo anche stati dietro le quinte del concertone del Primo Maggio. Il 14 invece è andata in onda una puntata zero su Sky 1 di un programma – il format originale si chiama Find my first love – ed è praticamente la ricerca del primo amore da parte di una persona, ovviamente un primo amore che non è sui social. È stato molto divertente girarla ma è una zero. A luglio seguiremo i concerti in giro per l’italia come facciamo sempre con la radio. Agosto vacanze, e il trasloco.

Carolina Di Domenico fotografata da Alan Chies, 20th Aprile 2018, Milan.

Styling a cura di Sara Castelli Gattinara @ Factory4, grooming  Simona Parrella, producer Erika Grupillo assistente fotografia Giorgia Caboni.

Intervista a cura di Silvia Pisanu e traduzione a cura di Amanda Ballerini.

Un ringraziamento speciale a Factory4 e a Simone Rutigliano.

  1. Abito Alberta Ferretti ed orecchino Bernard Delletretz
  2. Camicia e jeans Stella McCartney, scarpe Sergio Rossi, anelli Bernard Delletretz
  3. Vestaglia Alberta Ferretti, orecchini Go Go Philip e collane Iosselliani
  4. Capospalla e tuta Alberta Ferretti, orecchino Bernard Delletretz
  5. Total look Fendi
  6.  Capospalla e tuta Alberta Ferretti

 

FOLLOW US ON - INSTAGRAM - FACEBOOK - PINTEREST - VIMEO - YOUTUBE
#TheTravelIssue
placeholder
#TheMenuIssue
placeholder
#TheWorkIssue
placeholder
#TheItalianIssue
placeholder
#ThePuppyIssue
placeholder
SoapOpera
Culture is the best served on high heels
© SoapOpera Fanzine 2014-2019