SOAPOPERAFANZINE

#TheTravelIssue

Let's Talk

CENTOBOLINE

// The lonely sea seen by a woman

AN INTERVIEW BY SIMONA DELL'UNTO

Marianna De Micheli, the historic and award-winning face of CentoVetrine in the role of Carol Grimani, after a long career between theater and set, decides to sail alone. Centoboline is the story of her life and experience in the sea on board of a sailboat with her cat Jingjok. A story of courage through fear, joy of life and a discovery: we do not need anything, except our own independence.

S. What is the most significant journey you have made?
M. Difficult to choose. I am reminded of the very first trip I took at seventeen from Milan to Genoa. I left to join my boyfriend of the time, an actor. I had asked for a loan from a friend and that was the first time I took the train alone. When I arrived at my destination, I got into a taxi and told the taxi driver that I was looking for an actor who worked in a company and he, very pretty, did his best to find out where he was. I remember watching Genoa as if I had discovered America. A feeling of incredible freedom.

S. Was there anything that scared you when you decided to sail?
M. All. On a theoretical level I knew how I would have to move, but the practical act is certainly different. All the boats around appeared to my eyes always too close, when in reality they were very far. I tried to calculate all the movements in advance, which I do even now, but I had very little experience with the sailboat and it was the first time I was alone in the open sea. I was stressed and scared.

S. What was the hardest thing to leave on the terraferma?
M. Nothing concrete, because you actually realise that we do not need anything. This is also the beauty of discovering life on a sailing boat that frees us from all those things that we accumulated, that seem vital, but that turn out to be futile and superfluous. Getting to the point of forgetting them is vital.

S. What would you take of the sea on land if you could?
M. I have traveled mostly alone, so I would take that feeling of making a choice independently, without interference, without someone continually telling you what is right and wrong. Maybe you make mistakes of evaluation and obviously you are alone in dealing with the consequences, but it is nice to experience that feeling of total independence.

S. Speaking of your Centoboline book, where does the idea of wanting to share this experience with the world came from?
M. When I left for this solo trip, I did not think about touring Italy. The initial plan was to reach Marseille. My first stop was Santa Margherita Ligure for the Vela Festival that was held in those days. There I met some sailing journalists who began to suggested to go around Italy. Initially I have to admit that I was skeptical about it. Then I arrived in Saint Tropez and I convinced myself. The journalist who instigated me to change plans works for La Stampa and asked me to write a blog while I was traveling. I accepted and that was just the beginning. Once I finished my solo trip, I went to the Salone di Genova, where I met the Nutrimenti publishing house. They were impressed by the blog and asked me to write a book that told my experience. So I spent the following winter in front of the computer. I would therefore say that it was an external input and I believe that, in a sense, it could not have been otherwise. I was too busy, I was really scared. The problem was not practical things, which turned out to be less tragic than imaginable, but solitude. I had to learn to be alone.

S. Imagining to repeat a similar trip, do you think it would make you company to compose a logbook, this time live?
M. Yes sure. Writing keeps company, even if it is a great effort for me. I’m not one of those people who write by following a natural and spontaneous flow. Somehow I suffer, I am very self-critical and for this I think it would make me a lot of company while surfing.

S. Inside Centoboline, is there an episode in particular that has something magical for you?
M. The story of the Giraglia regatta comes to mind. In that race we were two and took turns to rest. It was therefore a bit like being alone, even if, technically, it is very different. However, that experience was magical: the first time at night alone in the middle of the sea brings something unique with it.

S. Returning to your solo experience, tell me something about your unusual travel buddy Jingjok. A cat on the boat is something both poetic and surreal…
M. Today, yes, but perhaps because we do not know what happened in ancient boating. Once a cat on board was very normal indeed.

S. What do you think would write Jingjok on his board diary?
M. I think he would ask me a question: “But this water, this sea, What is it? How comes that I see it there, but if I try to put a paw in it sinks? “.
He was definitely fascinated and at the same time skeptical in looking at all this water. This fact that he saw me immersing and somehow sinking into the sea, left him perplexed. He is very attracted to water, drops, splashes, movement, but then he does not like to get wet and so he does not get it. In addition I think that he realised that, if you jump, you could not rest his legs afterwards…

S. A curiosity, Jingjok has suffered from seasickness or earth ache?
M. Absolutely not. I think he’s a bit like us, there are people who suffer and others do not. Maybe it’s also a matter of habit, I do not know. My cat does not suffer at all, in fact, I must say that reacts much better than me. Imperturbable I would say.

*
*
*

ITA

*
*
*

CENTOBOLINE
Il mare in solitaria visto da una donna.

Marianna De Micheli,, dopo una lunga carriera tra teatro e set, volto storico e premiato diCentoVetrine nel ruolo di Carol Grimani, decide di salpare in solitaria. Centoboline  e? il racconto della sua vita e dell’esperienza in mare a bordo di una barca a vela con il suo gatto Jingjok . Una storia di coraggio, attraverso paure, gioia di vivere e una scoperta: non abbiamo bisogno di nulla, eccetto che della nostra indipendenza.

S. Qual e? il viaggio piu? significativo che hai fatto?
M. Difficile scegliere. Mi viene in mente il primissimo viaggio che ho fatto a diciassette anni da Milano a Genova. Ero partita per raggiungere il mio fidanzatino dell’epoca, un attore. Avevo chiesto i soldi in prestito ad un’amica e quella e? stata la prima volta che ho preso il treno da sola. Arrivata a destinazione, sono salita su un taxi e ho detto al tassista che stavo cercando un attore che lavorava in una compagnia e lui, carinissimo, si e? prodigato per trovare dove fosse. Mi ricordo che guardavo Genova come se avessi scoperto l’America. Una sensazione di liberta? incredibile.

S. C’e? stato qualcosa che ti ha fatto paura quando hai deciso di salpare?
M. Tutto. A livello teorico sapevo come mi sarei dovuta muovere, ma l’atto pratico e? sicuramente diverso.Tutte le barche attorno apparivano ai miei occhi sempre troppo vicine, quando in realta? erano lontanissime. Cercavo di calcolare tutti i movimenti in anticipo, cosa che faccio anche adesso, ma avevo pochissima esperienza con la barca a vela ed era la prima volta che mi trovavo sola in mare. Ero stressata e impaurita.

S. Qual e? stata la cosa piu? difficile da lasciare sulla terra ferma?
M. Di concreto niente, perche? in realta? ti rendi conto che non abbiamo bisogno di nulla. Questa e? anche la bellezza di scoprire la vita in barca vela che ci libera da tutte quelle cose che accumuliamo, che ci sembrano di vitale importanza, ma che si rivelano futili e superflue. Arrivi al punto di dimenticarle.

S. Cosa porteresti del mare sulla terra ferma se potessi?
M. Io ho viaggiato per lo piu? in solitaria, quindi mi porterei dietro quella sensazione di fare una scelta in maniera autonoma, senza interferenze, senza che qualcuno in continuazione ti dica cosa sia giusto e cosa sbagliato. Magari si commettono errori di valutazione e ovviamente si e? soli nell’affrontare le conseguenze, ma e? bello vivere quella sensazione di totale indipendenza.

S. Parlando del tuo libro Centoboline, da dove nasce l’idea di voler condividere questa esperienza con il mondo?
M. Quando sono partita per questo viaggio in solitaria, non pensavo di fare il giro d’Italia. Il piano iniziale era quello di raggiungere Marsiglia. La mia prima tappa e? stata Santa Margherita Ligure per il Vela Festival che si teneva in quei giorni. Li? ho conosciuto dei giornalisti di vela che hanno cominciato a suggerirmi di fare il giro d’Italia. Inizialmente devo ammettere che ero scettica a riguardo. Poi sono arrivata a Saint Tropez e mi sono convinta. Il giornalista che mi ha istigata a cambiare i piani lavora per La Stampa e mi aveva chiesto di scrivere un blog mentre viaggiavo. Ho accettato e quello e? stato solo l’inizio. Una volta terminato il mio viaggio in solitaria, sono andata al Salone di Genova, dove ho conosciuto la casa editrice Nutrimenti. Erano rimasti colpiti dal blog e mi hanno chiesto di scrivere un libro che raccontasse la mia esperienza. Cosi? ho passato l’inverno successivo davanti al computer. Direi, quindi, che e? stato un input esterno e credo che, in un certo senso, non sarebbe potuto essere altrimenti. Ero troppo presa, avevo veramente paura. Il problema non sono state le cose pratiche, che si sono rivelate meno tragiche di quello che si possa immaginare, ma la solitudine. Ho dovuto imparare a stare da sola.

S. Immaginando di ripetere un viaggio simile, pensi che ti farebbe compagnia comporre un diario di bordo, questa volta in diretta?
M. Si? certo. La scrittura fa compagnia, anche se per me e? un grande sforzo. Non sono una di quelle persone che scrivono di getto seguendo un flusso naturale e spontaneo. In qualche modo patisco, sono molto autocritica e per questo credo che mi farebbe molta compagnia durante la navigazione.

S. All’Interno di Centoboline, c’e? un episodio in particolare che per te ha qualcosa di magico?
M. Mi viene in mente il racconto della regata della Giraglia. In quella regata eravamo in due e si faceva a turno per riposarsi. Era quindi un po’ come essere soli, anche se, tecnicamente, e? molto diverso. Comunque, quell’esperienza la ricordo come magica: la prima volta in notturna da sola in mezzo al mare porta con se? qualcosa di unico.

S. Tornando alla tua esperienza in solitaria, dimmi qualcosa del tuo insolito compagno di viaggio Jingjok. Un gatto sulla barca e? un qualcosa di cosi? poetico e surreale…
M. Ad oggi si?, ma forse perche? non conosciamo quello che e? successo nella nautica antica. Una volta era normale il gatto di bordo.

S. Cosa pensi che scriverebbe Jingjok nel suo diario di bordo?
M. Credo che mi farebbe una domanda: “Ma quest’acqua, questo mare, Cos’e?? Come mai la vedo li?, ma se provo a metterci una zampa affonda?”.
Era decisamente affascinato e allo stesso tempo scettico nel guardare tutta questa acqua. Questo fatto che mi vedesse immergere e in qualche modo affondare in mare, lo lasciava perplesso. E’ molto attratto dall’acqua, dalla gocce, dagli schizzi, dal movimento, ma poi non gli piace bagnarsi e quindi non si butta. In piu? credo che si renda conto che, qualora si buttasse, non potrebbe poggiare le zampe…

S. Una curiosita?, Jingjok ha sofferto il mal di mare o il mal di terra?
M. Assolutamente no. Credo che sia un po’ come noi, ci sono persone che lo soffrono e altre no. Forse e? anche questione di abitudine, non lo so. Il mio gatto non soffre minimamente, anzi, devo dire che reagisce molto meglio di me.
Imperturbabile direi.

*
*
*
Marianna De Micheli interviewed by Simona Dell’Unto.
All images courtesy of Marianna De Micheli.
Translation by Amanda Luna Ballerini.

 

FOLLOW US ON - INSTAGRAM - FACEBOOK - PINTEREST - VIMEO - YOUTUBE
#TheMenuIssue
placeholder
#TheWorkIssue
placeholder
#TheItalianIssue
placeholder
#ThePuppyIssue
placeholder
#TheMovieIssue
placeholder
SoapOpera
Culture is the best served on high heels
© SoapOpera Fanzine 2014-2018