SOAPOPERAFANZINE

#TheMysticIssue

Let's talk

GHOST FINDERS

// We are not Ghost Busters

AN INTERVIEW BY SIMONA DELL'UNTO

Who is a Ghost Hunter?
“Certainly he is not a ghost hunter, but rather he who seeks rational motivations for paranormal phenomena.”
Francis Pianari, founder of Ghost Finder, told us about it.

Simona. How is your association born?
Francis. At eighteen, I enjoyed going to unmask false psychics. I enjoyed trying to learn their secrets.
I was feigning body movements or giving half answers, to make sure that the psychic on duty gave me exactly what I wanted and somehow I tried to unmask him. Then one day I met a psychic who literally cheated me and it was impossible to give a rational and scientific explanation. It will seem a contradiction, but I am a skeptic. My main job is to be a programmer, so I am totally immersed in the world of numbers and rationality, but when it is not possible to find rational answers, in any way, I realise that we need to go deep and get informed. Even my wife was and is deeply passionate about the paranormal, so we studied the beginnings of ghost hunting, which is an absolutely modern discipline, and we realised that there were logical discrepancies in the analysis. We have therefore put ourselves in the field and have tried to understand the reason for these phenomena.
My imprint has been and remains skeptical, but totally open to the possibility and the desire to understand more and more.

Simona. Looking back on your adventure, what was the most exciting experience?
Francis. It may seem absurd, but surely where I haven’t found anything paranormal. Sometimes we found ourselves in situations so heavy that they created a feeling of great discomfort, even to a skeptic like me. I remember that we were on Lake Idro in a former abandoned children’s colony. The situation was decidedly grim: in the most complete darkness an expanse of children’s beds along the sides of the rooms, drawings on the ground and suddenly a black cat jumped in front of me.
I can assure you that even though there was nothing going on with the ghosts, I was immersed in a psychological situation so heavy that I had to remember the first rule of ghost hunting: never run away.

Simona. How much then does suggestion influence?
Francis. A lot. I spent years trying to stay still in the event of any problem during an inspection. By problem I do not mean a phenomenon related to the paranormal. Enough, trivially, a door that opens wide suddenly. It is almost impossible not to be afraid, but I worked on control. Autosuggestion is very dangerous, but on the other hand it is also the one that protects you from not risking too much. The danger to a ghost hunter is never a ghost or supposed one, or the energies or the paranormal. What can really create danger is the animal on duty, you who run away in the dark, steps, chasms, structural collapses in abandoned places. In small, tangible dangers.

Simona. In Italy there are areas with higher density of reports?
Francis. We receive many reports and requests at the national level, more than anything else of analysis rather than inspections, also because it would be impossible to manage them. What I can say is that central Italy is certainly the most interested area.

Simona. Is there a specific reason in your opinion or is it more of a cultural issue?
Francis. Certainly cultural. In the south there is a different modality of help, we say more linked to the folklore and traditions of the places. In the real North of Italy we do not receive any reporting or almost zero, because culturally these facts are hidden and rejected. In central Italy I must say that I have seen greater openness over the years. Evidently there is already a knowledge on how to move and who to contact, obviously also thanks to the media that have helped a lot.

Simona. Your inquiries are totally free and you prefer to intervene in private houses. Can one then say that your study and study of paranormal phenomena goes hand in hand with concrete help to people?
Francis. Most of our interventions are not even mentioned on our portal, because they relate to private homes.
The key thing for us is to reiterate that all our activities are completely free, because we want to go deep into the inner search to find answers. The most important thing in ghost hunting is the help to the real person rather than the inspection in the castle or in the haunted forest. The private house is one where you meet people who are really suffering and have problems.
Our role is to mediate between concrete problems and those related to the paranormal, we must leave various possibilities open.

Simona. In these interventions for private individuals, do you remember one particularly interesting from the paranormal side?
Francis. One of the most passionate cases was certainly in the mountains of the Tuscan-Emilia Apennines.
An inspection by the purchaser of a property with a paranormal historian had been requested. We were contacted to provide pseudo-scientific information and a psychic of our knowledge, in order to have a feedback on the pure paranormal environment. There were also two necromancers, psychics involved in unleashing energy to make sure we could hook them up and study them. Once in place, the house was without active users, in total renovation and very isolated, without any kind of neighbourhood.
As usual we placed all our equipment, while the psychics took care of activating any pseudo-paranormal energies.
Once everything was finished and checked that there was nobody in the structure – animals included – we went to eat a pizza nearby. I had the house keys in my pocket and constantly checked the entrance to make sure no one could sneak in. After about three quarters of an hour we saw smoke coming out of the structure. We obviously rushed to the scene and we noticed that the fire – immediately tamed – had flared up due to black candles affixed by psychics. We collected our equipment and returned home to study the material collected. I couldn’t imagine having in my hands one of the most fascinating recordings ever made. In one of these rooms there were several beams of support for the restructuring that will be weighed between eight and ten kilos each. In a scarce hour of recording a myriad of physical noises followed one another: the beams flew, dragging noises, shaking objects. All this is then increased during the fire phase. As if the structure was rebelling against the flames. Much of the work of Ghost Hunting is a posteriori. During the investigation you tend not to see and perceive anything, when you go to analyse the material collected, you find anomalies. In this case the anomalies, the sounds, were not the classic noises related to the paranormal, but real, of every kind. Fantastic.

Simona. How do you select your ghost hunters?
Francis. We often organise public meetings, not only the classic conferences, but also those that we call Ghost Experience. Let the common people experience the ghost hunting. These people are selected on the basis of technical and professional characteristics, they can be psychologists, psychics or even without any kind of experience, but deeply interested in the subject. They are combined in groups and a real investigation is conducted in person with our instruments. We obviously also provide a contribution of theoretical training upstream and we take concrete action only in need of help. On these occasions, we have identified particularly gifted people, interested over time, even in the theoretical phase, and we have begun to collaborate.

Simona. How do you imagine the future of the reality of a Ghost Finder?
Francis. Our future is certainly linked to the question “Does the paranormal exist or does it not exist?”
From my point of view, I can say that I believe more in the potential of the human brain than in the actual paranormal.
On the other hand, there are overt and now scientifically accepted theories that speak of other dimensions.
The point of arrival for future instrumentation will be to really get in touch with these other dimensions, to understand if we are ourselves in another level or if there are other forms. Moreover, in relation to the paranormal, we never have the certainty of who is responding to it. We must therefore understand if future equipment will give us more concrete proof, but I believe it is something very far away. I obviously hope for a positive development. In fact, at the end of my conferences, generally, as a good skeptic, I always say this: The time I take a kick in the ass from a ghost, it will be the maximum of inner fulfilment, because it would be the demonstration that I was wrong and would open a whole new world.
That’s why a skeptic like me continues to move forward despite the doubts.

*
*
*

ITA

*
*
*

Chi e? un Ghost Hunter?
“Certamente non e? un cacciatore di fantasmi, piuttosto e? colui che ricerca delle motivazioni razionali a fenomeni paranormali.”
Ce lo ha raccontato Francis Pianari, fondatore di Ghost Finder.

Simona. Come nasce la vostra associazione?
Francis. A diciotto anni mi divertivo ad andare a smascherare falsi sensitivi. Mi divertiva cercare di carpire i loro segreti. Fingevo delle movenze del corpo o davo delle mezze risposte, per fare in modo che il sensitivo di turno mi desse esattamente quello che volevo e in qualche modo cercavo di smascherarlo. Un giorno poi ho incontrato un sensitivo che mi ha letteralmente fregato ed e? stato impossibile dare una spiegazione razionale e scientifica. Sembrera? un controsenso, ma io sono uno scettico.
Il mio lavoro principale e? fare il programmatore, quindi sono totalmente immerso nel mondo dei numeri e del razionale, pero? quando non e? possibile trovare risposte razionali, in nessuna maniera, mi rendo conto che bisogna andare affondo e informarsi. Anche mia moglie era ed e? profondamente appassionata del paranormale, cosi? abbiamo studiato gli albori del ghost hunting che e? una disciplina assolutamente moderna, e abbiamo capito che nell’analisi c’erano delle discrepanze logiche.
Ci siamo messi quindi in campo e abbiamo cercato di capire il perche? di questi fenomeni.
La mia impronta e? stata e rimane scettica, ma totalmente aperta alla possibilita? e alla voglia di capire sempre di piu?.

Simona. Ripensando all’inizio della tua avventura, qual e? stata l’esperienza piu? elettrizzante?
Francis. Sembrera? assurdo, ma sicuramente dove non ho trovato nulla di paranormale.
Alle volte ci siamo trovati in situazioni talmente pesanti che hanno creato, anche a uno scettico come me, una sensazione di forte disagio. Ricordo che ci trovavamo sul lago d’Idro in una ex colonia per bambini completamente abbandonata.
La situazione era decisamente tetra: nel buio piu? totale una distesa di lettini per bambini lungo i lati delle stanze, disegni in terra e d’improvviso un gatto nero mi e? saltato davanti. Posso assicurarti che nonostante non c’entrasse nulla con i fantasmi, ero immerso in una situazione psicologica talmente pesante che ho dovuto ricordarmi della prima regola del ghost hunting: non scappare mai.

Simona. Quanto influisce quindi la suggestione?
Francis. Tantissimo. Ho impiegato anni per riuscire a rimanere fermo nel caso di un qualsiasi problema durante un sopralluogo. Con problema non intendo un fenomeno legato al paranormale. Basta, banalmente, una porta che si spalanca all’improvviso. E’ quasi impossibile non avere paura, ma ho lavorato sul controllo. L’autosuggestione e? molto pericolosa, ma d’altro canto e? anche quella che ti tutela dal non rischiare troppo. Il pericolo per un ghost hunter non e? mai un fantasma o presunto tale, oppure le energie o il paranormale. Cio? che puo? creare davvero pericolo e? l’animale di turno, tu che scappi al buio, scalini, voragini, crolli strutturali in posti dismessi. Insomma, pericoli tangibili.

Simona. In Italia ci sono delle aree con maggiore densita? di segnalazioni?
Francis. Riceviamo moltissime segnalazioni e richieste a livello nazionale, piu? che altro di analisi che per sopralluoghi, anche perche? sarebbe impossibile gestirle. Quello che posso dire e? che sicuramente il centro Italia e? quello maggiormente interessato.

Simona. C’e? un motivo specifico a tuo avviso o e? piu? che altro una questione culturale?
Francis. Sicuramente culturale. Nel meridione c’e? una modalita? differente di aiuto, diciamo piu? legata al folklore e alle tradizioni dei luoghi. Nel vero e proprio Nord d’Italia non riceviamo alcuna segnalazione o quasi zero, perche? culturalmente questi fatti si nascondono e vengono rifiutati. In centro Italia devo dire che ho riscontrato negli anni una maggiore apertura. E’ gia? presente evidentemente una conoscenza relativa al come muoversi e a chi rivolgersi, ovviamente anche grazie ai media che hanno aiutato moltissimo.

Simona. Le vostre indagini sono totalmente gratuite e prediligete intervenire su case private. Si puo? dire quindi che il vostro studio e approfondimento dei fenomeni paranormali, vada di pari passo con l’aiuto concreto alle persone?
Francis. La maggior parte dei nostri interventi non vengono nemmeno nominati sul nostro portale, perche? sono relativi ad abitazioni private. La cosa fondamentale per noi e? ribadire che tutte le nostre attivita? sono completamente gratuite, perche? vogliamo andare affondo alla ricerca interiore per trovare delle risposte. La cosa piu? importante nel ghost hunting e? l’aiuto alla persona reale piu? che il sopralluogo nel castello o nel bosco infestato. La casa privata e? quella dove incontri persone che realmente stanno soffrendo e hanno problemi. Il nostro ruolo e? quello di mediare tra problemi concreti e quelli legati al paranormale, bisogna lasciare aperte varie possibilita?.

Simona. In questi interventi per privati, ne ricordi uno particolarmente interessante per il versante paranormale?
Francis. Uno dei casi che piu? mi ha appassionato e? stato sicuramente sulle montagne dell’Appennino Tosco Emiliano. C’ era stato richiesto un sopralluogo dall’acquirente di in una proprieta? con uno storico paranormale. Eravamo stati contattati noi per fornire delle informazioni pseudo-scientifiche e una sensitiva di nostra conoscenza, per avere anche un riscontro dell’ambito paranormale puro. C’erano anche due negromanti, dei sensitivi addetti a scatenare eventuali energie per fare in modo che noi potessimo agganciarle e studiarle. Una volta giunti sul posto, la casa era senza utenze attive, in totale ristrutturazione e decisamente isolata, senza alcun tipo di vicinato. Come da prassi abbiamo posizionato tutte le nostre attrezzature, mentre i sensitivi si occupavano dell’attivazione di eventuali energie pseudo paranormali. Terminato il tutto e controllato che non ci fosse nessuno nella struttura – animali compresi – siamo andati a mangiare una pizza poco distante. Io avevo le chiavi della casa in tasca e controllavo costantemente l’entrata per essere sicuro che nessuno potesse intrufolarsi. Dopo circa tre quarti d’ora abbiamo visto uscire del fumo dalla struttura. Ci siamo ovviamente precipitati sul posto e abbiamo notato che l’incendio – subito domato – era divampato per delle candele nere apposte dai sensitivi. Abbiamo raccolto le nostre attrezzature e siamo tornati a casa per studiare il materiale raccolto. Non potevo immaginare di avere tra le mani una delle piu? affascinanti registrazioni mai fatte. In una di queste stanze c’erano svariate travi di sostegno per la ristrutturazione che saranno pesate fra gli otto e i dieci chili l’una. In un’ora scarsa di registrazione si sono susseguiti una miriade di rumori fisici: le travi volavano, rumori di trascinamento, oggetti sbattutti. Tutto questo e? poi aumentato in fase di incendio. Come se la struttura si stesse ribellando alle fiamme. Molto del lavoro del Ghost Hunting e? a posteriori. Durante l’indagine tendenzialmente non vedi e non percepisci nulla, quando vai ad analizzare il materiale raccolto, trovi delle anomalie. In questo caso le anomalie, i suoni, non erano i classici rumori legati al paranormale, ma reali, di ogni genere. Fantastico.

Simona. Come selezionate i vostri ghost hunters?
Francis. Organizziamo spesso degli incontri pubblici, non solo i classici convegni, ma anche quelli che noi chiamiamo Ghost Experience. Facciamo vivere a persone comuni l’esperienza del ghost hunter. Queste persone vengono selezionate in base a caratteristiche tecniche e professionali, possono essere psicologi, sensitivi o anche senza alcun tipo di esperienza, ma profondamente interessate all’argomento. Vengono abbinate in gruppi e viene condotta una vera indagine in prima persona con le nostre strumentazioni. Diamo ovviamente anche una apporto di formazione teorica a monte e interveniamo concretamente solo in bisogno di aiuto. In queste occasioni, abbiamo individuato delle persone particolarmente dotate, interessate nel tempo, anche nella fase teorica, e abbiamo cominciato a collaborare.

Simona. Come immagina il futuro di realta? come Ghost Finder?
Francis. Il nostro futuro e? sicuramente legato all’interrogativo “Il paranormale esiste o non esiste?”. Dal mio punto di vista, posso dire che credo maggiormente alla potenzialita? del cervello umano che al paranormale effettivo. D’altro canto esistono teorie conclamate e ormai accettate dal punto di vista scientifico che parlano di altre dimensioni. Il punto di arrivo delle strumentazioni future, sara? quello di entrare in contatto realmente con queste altre dimensioni, per capire se siamo noi stessi in un altro livello oppure se ci sono altre forme. In piu?, relativamente al paranormale, non abbiamo mai la certezza di chi ci stia rispondendo. Bisogna capire quindi se le strumentazioni future ci sapranno dare prove piu? concrete, pero? credo sia qualcosa di molto lontano. Io spero ovviamente in uno sviluppo positivo. Infatti, alla fine dei miei convegni, generalmente, da buono scettico, dico sempre questo: La volta che prendero? un calcio nel sedere da un fantasma, sara? il massimo dell’appagamento interiore, perche? sarebbe la dimostrazione che avevo torto e si aprirebbe un intero nuovo mondo.
Ecco perche? uno scettico come me continua ad andare avanti nonostante i dubbi.

*
*
*
Words by Simona Dell’Unto.
Translation by Amanda Luna Ballerini

Images courtesy of Ghost Finder.
(www.ghostfinder.it)

FOLLOW US ON - INSTAGRAM - FACEBOOK - PINTEREST - VIMEO - YOUTUBE
#TheTravelIssue
placeholder
#TheMenuIssue
placeholder
#TheWorkIssue
placeholder
#TheItalianIssue
placeholder
#ThePuppyIssue
placeholder
SoapOpera
Culture is the best served on high heels
© SoapOpera Fanzine 2014-2019