SOAPOPERAFANZINE

#TheWorkIssue

Let's Talk

GRETA MENARDO

// Freestyler Baby Lady

AN INTERVIEW BY SIMONA DELL'UNTO

Greta Menandro at only 19 years old is one of the most known freestyle kitesurfer.
A full and tireless life, narrated to us in front of a coffee and a copy 
of
the “Count of Montecristo”.

Simona. How is your current life in Milan?
Greta. I was born in Lodi and I’ve always been naturally attracted to big cities.
I admit that Lodi has always been too tight for me because of its provinciality, but
I was lucky to grow near Milan. The first thing I did when I finished high school was
coming to study here, joining the Law faculty. I like Milan, but I don’t feel like I found
my place yet. I’m still searching for a place and I’m still unsure about what I really want
to do in my future.

Simona. Do you feel that Milan is suffocating as an Italian city or are
there  other reasons behind this atmosphere?

Greta. I love Italy, it’s one of the most beautiful countries in the world and Italians are beautiful people too. It is a very warm and inviting country but it feels a bit too narrow
minded to me. Personally I see my future in a big metropolis, seeing new people everyday, maybe all coming from different parts of the world. I’m always looking for new incentives.
In Milan I obviously found a lot, but I honestly see my future else where.
Maybe cities like London or New York.

Simona. Since you’ve always travelled a lot, did you ever think
“this is the place where I’m going to stay”?

Greta. I did all my trips when I was very young so this didn’t really happen.
It would have happened during adulthood but most of my journeys took place between
my 16s and 17s so I didn’t have this chance. If I had to dream about it, I would say
Barcelona or maybe the Hawaii, places that I didn’t want to leave at all. There was
an hurricane when I was there and I was hoping for the airport to shut down for ever.
Then Thailand, particularly Bangkok, a city where I don’t think I could ever live,
but that really got me for its incredible culture.

Simona. All these places have the sea in common. Which sensations do
you have when you’re in touch with it?

Greta. Peace and symbiosis. I’m completely uncoordinated in every aspect of my life,
beside from when I’m in water. It is the only habitat where I feel completely at ease.
I would like to find a place combining my passion for sea and big cities.
My origins speak about cities but I must say that when I see salty water and sand I
transform into another person: I don’t wear make up, I don’t comb my hair, I live
wearing shades, flip flops and nothing else. I surely have a bit of an ambivalent personality.

Simona. Have you ever feared the ocean?
Greta. At first I would say it never happened. But actually when I was small I had a couple
of bad experiences with the kite that made me really scared. I’m referring to great falls
between one wave and the other and yes, I got really scared, but I always feel very
comfortable in the sea. I feel free.

Simona. In these last years you must have had a very busy and enriching life.
Do you think the adolescent Greta missed something?

Greta. I missed my childhood friends all the time, because they’re like sisters to me.
In the summer I was always gone for three months and they would go on holidays together
or out partying every night while I was practising in the water and had no energy for the night.
I missed my family a lot, because staying away from home it’s not easy sometimes.
I think this is the only thing I suffered, but it was a fair price I paid to gain everything
I  have back. I must say that travelling alone made me grow really fast since I had to do everything on my own. I learned to confront myself with other people, learn english from
mistakes and corrections, so I think I really grow up fast. If I had to make a comparison
between everything I saw and did and what I missed, there would be no competition.
The first two would win.

Simona. Especially when you were younger, you managed the high level of
your sport practise, going to high school and all the rest thanks to a kind of
naivete? or more of a willpower ?

Greta. I’ve always thought that with organisation and a bit of rigour, you really have the
possibility to do what you want. I never though that kite could become all my life, I knew it would have never been enough. I like to read, study, living the city and I always gave the
right space to everything, because I knew I couldn’t have spent my whole life on a beach.
I’ve never been a “9 on 10” student, I always did just fine for being in that kind of school.
Looking back, traveling and studying something so “squarish” gave me a lot.
My parents were right in being so strict: if I wanted to do kite, school had to go along with it.
I can say I’m satisfied of what I become and I owe it a lot to them.

Simona. Are your parents sporty people too?
Greta. Yes, absolutely! I practise sport since I was born. They made me ski,
snowboard, practise hockey, fencing, a bit of everything. Kite was born from my parent’s
necessity actually: I was quite of an exuberant kid, so I would basically become
unmanageable If I didn’t unload. The problem was becoming a real issue during the
summer, when all activities interrupted and we were off for holidays. Looking for a sport
that could involve me and make me also tired, I finally found kite and everything was born.

Simona. How important it was to start really young with a sport like that ?
Great. A lot, really. If you do free style kite, with jumps and evolutions, you have to possess
a bit of recklessness inside you. Starting young helped me a lot because I didn’t ask myself a
lot of questions and I was basically never scared. I would just push myself into the thing,
which is also what I do now. After I broke my knee, dislocated my shoulder and so on,
I have a bit more consciousness about it. I’m never scared, I won’t be, also because I’m able
to control it now. In the competition universe there are a series of evolutions which proceed
step by step increasing the difficulty level. My trainings consist in a long mechanical
repetition of the same movement until I get them, so I became used to fall 100 times a day. With the falling the falls’ control comes.

Simona. Did you ever feel like giving up?
Great. Yes, for sure. For example when I was receiving a lot of pressure about kite
I felt that passion was lacking a bit and I panicked. I realised that a lot of people around
me had really high expectations and the atmosphere was making me nervous.
I’m a person that stands back in front of impositions. I doubted the securities I had,
but in less than one month I found my strength again, thanks to the necessity I felt to kite.

Simona. Kite is a solo activity, how do you feel in this dimension?
Greta. To me kite means breaking free, it is cathartic and mind releasing. I can do whatever
I want, I sing, I scream and I enjoy it a lot. It helps me. When I kite is the only moment in
my life when I don’t think about other things, apart from doing what I’m doing in that
moment and enjoying being alone in the sea with the wind and the sun as my companions.
It doesn’t give me worries, on the contrary it makes them all fade away.

Simona. Do you have superstitious rituals?
Greta. When I was little I had a little pendant with the olympic symbols on it because I
was dreaming about participating one day. Before entering water I would always instinctively hold it tight. Now I must say I don’t have these kind of rituals anymore, but I’m still
really superstitious.

Simona. You will be 20 soon. What do you expect from this new decade?
Greta. I’m scared about growing up, I wish I’d stay this age for the rest of my life.
I realise that time really flies and I wish it slowed down a little. I like these 20s idea,
maybe the most intense time of life. It scares me and excites me at the same time, but I
feel happy about it. Probably the fact of having such a full life influences my point of view
on this, if I did less things time would be more dilated to me.
Sure thing is I would rather go for the quick intense life than for long and boring one.
When you get bored you don’t enjoy the time you live, so it doesn’t even make sense
that it actually goes on slower.

Translation by Amanda Luna Ballerini.
Greta lensed by Andy Massaccesi, Milan, January 2018.

Greta is wearing Arthur Arbesser, Antonelli Firenze, Gabriele Colangelo, Olivier Theyskens and Paul Smith. 

Styling by Chiara Ficola.
Hair & Make Up by Serena Congiu.

Special thanks to Francesca Benedetto.

Meet Greta here and here!

Greta is now represented by #specialbeauties, a collective of talents in arts connected  to the fashion industry, based in Milan.

 

ITA

Greta Menardo a soli 19 anni è una delle kitesurfer freestyle più conosciute. Una vita piena
e senza sosta, raccontata davanti a un caffè e una copia de “Il Conte di Montecristo”.

Simona. Come ti trovi a Milano?
Greta. Sono nata a Lodi e sono sempre stata affascinata dall’ambiente della grande città. Confesso che Lodi mi è stretta per il suo ambiente di provincia, ma ho avuto la fortuna di crescere vicino ad Milano. La prima cosa che ho fatto appena finito il liceo è stato venire a studiare qui, iscrivendomi a Giurisprudenza. Mi piace Milano, ma non lo sento ancora come
il mio posto. Sono ancora alla ricerca di un luogo e di cosa voglio fare realmente nel mio futuro.

Simona. Pensi che Milano ti stia stretta in quanto città italiana o i motivi sono altri?
Greta. Io amo l’Italia, secondo me è uno dei paesi più belli al mondo e anche gli italiani in sè. L’Italia è un paese molto caloroso e ospitale, però allo stesso tempo mi sembra una realtà un po’ chiusa in se stessa. Personalmente il mio futuro lo vedo in una grande metropoli, dove ogni giorno vedo gente nuova, magari proveniente da tutto il mondo. Ho bisogno di avere sempre nuovi stimoli. A Milano ovviamente ho trovato tanto, però il mio futuro lo vedo altrove.
Mi piacerebbero posti come Londra o New York.

Simona. Viaggiando tanto, hai mai avuto un momento in cui ti sei detta “rimango qui”?
Greta. Se avessi fatto tutti i viaggi che ho fatto in età più adulta probabilmente sarebbe successo, ma dato che ho viaggiato tantissimo tra i miei 16 e 17 anni, non ho avuto questa possibilità. Sognando, direi sicuramente Barcellona o forse le Hawaii da cui realmente non volevo più andare via. C’era un uragano quando ero lì e io pregavo che chiudessero l’aeroporto per sempre. E poi la Thailandia, in particolare Bangkok, città dove non credo potrei mai vivere, ma che mi ha colpito tantissimo per la sua cultura.

Simona. Tutti questi posti hanno in comune il mare. Che sensazioni hai quando sei a contatto con il mare?
Greta. Pace e simbiosi. Sono scoordinata in ogni ambito della mia vita, ma dentro l’acqua è l’unico habitat in cui mi sento totalmente a mio agio. Vorrei cercare un posto che combini la mia passione per il mare e la metropoli. Per le mie origini ho sicuramente un’indole cittadina, ma devo dire che poi quando vedo l’acqua del mare e la sabbia, mi trasformo completamente: non mi trucco, lascio i capelli come sono, vivo con gli occhiali da sole, le infradito e non ho bisogno di altro. Ho sicuramente una personalità ambivalente.

Simona. Ti ha mai fatto paura il mare?
Greta. Su due piedi ti direi che non è mai successo. In realtà quando ero piccola ho avuto un paio di esperienze con il kite che mi hanno fatto paura; parlo di cadute importanti tra le onde e si, mi sono spaventata, però devo dire che nel mare mi sento sempre a mio agio. Mi sento libera.

Simona. In questi anni avrai avuto sicuramente una vita piena di impegni e ricchissima di esperienze. Pensi che alla Greta adolescente sia mancato qualcosa?
Greta. Ho sentito molto la mancanza delle mie amiche storiche che per me sono delle sorelle. L’estate ad esempio io ero via tre mesi e loro andavano a fare le vacanze insieme, ogni sera andavano a ballare io invece ero tutto il giorno in acqua ad allenarmi e la sera non avevo alcuna forza. Mi è mancata tanto anche la mia famiglia, perchè stare tanto lontana da casa alle volte non è semplice. Credo che questa sia l’unica cosa che ho sofferto, ma penso anche che sia un prezzo equo da pagare per tutto quello che ho avuto in cambio. Devo dire che aver viaggiato tanto da sola mi ha fatto crescere enormemente, perchè me la dovevo sbrigare da sola. Ho dovuto imparare a confrontarmi con le persone, ho dovuto imparare l’inglese a furia di sbagliare e essere corretta, quindi si mi rendo conto di essere cresciuta velocemente. Se dovessi mettere a paragone tutte le cose che ho fatto e visto rispetto a quelle che ho perso, non c’è gara.

Simona. Specialmente da più piccola, pensi di essere riuscita a tenere in piedi lo sport a un livello così alto, il frequentare un liceo classico e tutto il resto per incoscienza o per volontà?
Greta. Io ho sempre pensato che se c’eè organizzazione e un minimo di rigore, puoi fare ciò che vuoi. Non ho mai pensato che il kite potesse diventare tutta la mia vita, anche perchè so che non mi sarebbe bastato. Mi piace leggere, mi piace studiare, mi piace vivere in città e ho sempre cercato di dare spazio a tutto, perchè sapevo che non avrei mai potuto pensare di passare tutta la mia vita su una spiaggia. Non sono mai stata una studentessa da nove, ma me la sono sempre cavata dignitosamente per essere in una scuola del genere. Devo dire che guardandomi indietro, viaggiare tanto e studiare un qualcosa di così quadrato, mi ha dato tantissimo. I miei genitori sono stati giustamente molto rigorosi: se volevo fare kite, la scuola doveva andare di pari passo. Posso dire di essere soddisfatta della mia persona e per gran parte è merito loro.

Simona. I tuoi genitori sono degli sportivi?
Greta. Assolutamente! Io faccio sport da quando cammino. Mi hanno fatto sciare, fare snowboard, hockey, scherma, di tutto. Infatti il kite è nato da un’esigenza più dei miei genitori
che mia: ero una bambina abbastanza esuberante, per cui se non mi sfogavo diventavo ingestibile. Il problema si faceva più pressante d’estate, quando tutte le attività si interrompevano e noi andavamo in vacanza. Cercando uno sport che mi potesse coinvolgere
e stancare, ho visto fare kite, mi sono impuntata nel voler provare e da lì è nato tutto.

Simona. Quanto conta aver iniziato da piccola a fare uno sport del genere?
Greta. Tantissimo. Già se fai kite free style, quindi salti e evoluzioni, devi avere dentro di te un po’ di incoscienza. Il fatto di avere iniziato da piccola mi ha aiutato tanto, perchè non mi ponevo mai domande e fondamentalmente non avevo paura. Mi buttavo e basta. E’ un po’ quello che faccio anche adesso, però dopo essermi rotta il ginocchio, lussata la spalla e così via, ho qualche pensierino in più o forse coscienza maggiore. La paura non c’è mai, non potrebbe esserci, anche perchè si impara a gestirla. Nell’agonismo, ci sono una serie di evoluzioni che procedono per step incrementando la difficoltà. I miei allenamenti consistono quindi in una ripetizione meccanica degli stessi movimenti finchè non riescono, quindi sono abituata a cadere cento volte al giorno e a furia di cadere impari anche a controllare le cadute.

Simona. C’è mai stato un momento in cui hai pensato di mollare?
Greta. Si, quando mi sembrava di ricevere troppe pressioni per il kite, ho sentito che la passione stava venendo meno e mi sono spaventata. Mi ero resa conto che intorno a me diverse persone avevano molte aspettative e l’atmosfera mi stava agitando, in più sono una persona che di fronte alle imposizioni, fa un passo indietro. Devo ammettere di aver messo in dubbio le certezze che avevo, ma tempo un mese o poco più, ho ritrovato la forza, grazie alla mia necessità di dover fare kite.

Greta. Il kite è uno sport in solitaria, come ti trovi in questa dimensione?
Simona. Il kite per me è una valvola di sfogo, è catartico e liberatorio. Posso fare quello che voglio, ammetto di cantare, urlare e mi piace moltissimo. Mi aiuta molto. Il kite è l’unico momento della mia vita in cui non penso a niente, se non a quello che devo fare in quel momento e a godermi il fatto di essere in mare sola con il vento e il sole. Non mi da preoccupazioni.

Greta. Hai riti scaramantici?
Simona. Da piccola mi ero fatta fare il ciondolo con i cerchi olimpici, perchè il mio sogno
era arrivare alle olimpiadi. Prima di entrare in acqua lo stringevo sempre, quasi in maniera istintiva. Adesso devo dire che non ho più riti scaramantici, ma sono molto superstiziosa.

Greta. Tra pochissimo compirai vent’anni, che cosa ti aspetti da questa decade?
Simona. Mi fa paura crescere, se dipendesse da me vorrei avere questa età per tutta la vita.
Mi rendo conto che il tempo vola e vorrei che rallentasse un minimo. Mi piace però l’idea dei vent’anni, forse è l’età più intensa della vita. Mi eccita e spaventa allo stesso tempo, ma sono felice. Probabilmente il fatto di avere una vita così piena influisce su questa visione, forse se facessi meno avrei una percezione più dilatata del tempo. Certo è che se dovessi scegliere tra una vita lunga e noiosa e una vita percepita come breve, ma intensa, sceglierei sicuramente la seconda. Quando ci si annoia, non si gode del tempo che si vive, quindi non ha nemmeno senso che passi più lentamente.


Intervista di Simona Dell’Unto.
Traduzione a cura di Amanda Luna Ballerini.

Greta fotografata da Andy Massaccesi, Milano, Gennaio 2018.

Greta veste Arthur Arbesser, Antonelli Firenze, Gabriele Colangelo, Olivier Theyskens e Paul Smith.

Styling by Chiara Ficola.
Hair & Make Up by Serena Congiu.

Un ringraziamento speciale a  Francesca Benedetto.
Incontra Greta qui and qui!
Greta è rappresentata da #specialbeauties.
FOLLOW US ON - INSTAGRAM - FACEBOOK - PINTEREST - VIMEO - YOUTUBE
#TheTravelIssue
placeholder
#TheMenuIssue
placeholder
#TheWorkIssue
placeholder
#TheItalianIssue
placeholder
#ThePuppyIssue
placeholder
SoapOpera
Culture is the best served on high heels
© SoapOpera Fanzine 2014-2019