SOAPOPERAFANZINE

#TheMysticIssue

Let's talk

IL LIBRO INFERNALE

// It is not books which are dangerous, but people's intentions

WORDS BY FEDERICA CIUCI PRIORI

I’ve always been attracted to the paranormal.
From the idea of the occult, of the supernatural… magic, the unearthly, the mystery.
Although I was a pretty scared child, I was excited about the cemetery lights that you could see from our house, listening to stories of fear in the dark sitting in the back of the villa by the sea and then run away like a desperate screaming, passing in front of the chapel of my elementary school (catholic) and staring the golden tabernacle in the centre of the altar curiously.
How could it ever be possible that inside that little box was God in person? With Jesus and also the Holy Spirit?
It was not very clear to me despite the catechism.

This has certainly not improved in adulthood.
Obsession with disappearances (Chi L’Ha Visto), attraction for various and eventual spirits (Mistero), tarot, numerology, horoscopes. The santini. It goes without saying that when we decided to dedicate this sixteenth issue to mysticism, I was pervaded by a wave of anxiety mixed with excitement. How could I have chosen the best topic to deal with for my essay? Should I have interviewed one or more experts? Meet psychics or take part in a session with the afterlife?
No, this article had to have the taste of self-taught. Curiosity towards the occult world had to make its own way, among dusty shelves, sleepy casualties, confused directions and a bit of healthy spirit of adventure.

And so it was that, on a rainy February afternoon, I thought of turning myself into a modern witch momentarily, a bit awkward a little bit lost and, after setting aside google and various instagram profiles of 100k followers, I started full of optimism in the centre of Milan dragging all the positive vibrations and also my bottom up to the fourth floor of the Hoepli, directed to the department that, I hoped, would have been able to give me great emotions.

But, just as I sat rather discouraged sitting on a small stool, amidst angelic volumes, witches at the stake, various illuminated and random books on yoga (?!?), Simona – the friend that everyone should have your side during mystical crises – she patiently found out what I was looking for.
He was there, proud but silent.

“Il libro infernale, treasure of the occult sciences”.
A fuchsia and fancy font, at times grainy, dominated the cover framed by a full and redundant Greek, in the center the coloured drawing of a devil strutting a skull-shaped mandolin, in the company of what appeared to be a witch, a snake with a cat’s head and a blue sphinx, all passionately wrapped in a cloud of ghostly smoke. As expected!

No author, no indication of the year of the first draft, only a long list of reprints. On the back a brief description that classified this “manual” as a large and complete collection of ancient and rare grimoires supplemented by various treatises on occultism from different eras.
Witchcraft, magic, demonology, alchemy, necromancy.

Mysterious visions wrapped in the thickest veil of the secret, of the fantastic, of the unreal, terrible alliances between humanity and the occult forces that surround it.
In a nutshell: that fear. A fear that I paid with my credit card and I took home on the spot.
But what is a grimoire? And how is this strange, evil book structured?

A grimoire is a book of magic.
Books of this kind were written mostly between the late Middle Age and the early eighteenth century.
Above all they contained astrological correspondences, lists of angels and demons, instructions to create spells, prepare medicines and potions, invoke supernatural entities and make talismans.
One of the possible explanations on the origin of the word “grimoire” is derived from the ancient French “gramarie”, word having the same root as “grammar”: and the term “grammar” denoted, among the various meanings, that of a book containing instructions.
Exactly what I found on the first page “Ai Lettori” (To the readers):

“Noting that there is no organic and complete publication on the complex subject of the Occult Sciences, we have assumed the non-slight task of filling the gap. Eager to conscientiously fulfill the commitment, we have, after careful investigation, gathered together in a single book all the most important notions concerning abstruse science and its multiple explanations.
Each scholar of this subject will thus find on our publication the branch she-he preferres, dealt exhaustively, without being obliged to resort to other kind of publications ”.

Well well, I had found what I was looking for.
A nice intensive course of black magic and co., directly from an unidentified past that promised to update me last minute on everything I had missed.The ambitious work carried out by unknown persons was divided into 8 parts:

  1. The Book of Saint Cyprian, which includes the preliminaries for the exercise of Magic, the philosophy of Magic (and so far so clear) and The Clavicle of King Solomon (not very clear).
  2.  (Continuation of the book of Saint Cyprian) The Red and Black Supreme Magic, which deals with invocations, exorcisms, spells, Red Dragon, Infernal Goat, Astrology, great Grimoire or blood pact and many other funny and amusing little things not to redo at home.
  3.  The Magic of Alchemy, which contains the secrets of the Black Hen (google please). The ancient Magic: Jewish, Chaldean and Egyptian. But also the secrets of Queen Cleopatra! (top chapter).
  4.  The work of Alberto Il Grande (google again), his “wonderful” arcana and the studies on the natural essence of man and woman, the dung of animals (inevitable), metals and infirmities; the influence of celestial bodies on human life, etc. etc.
  5.  Palmistry and Chironomy, that is the revelation of the destiny and temperament of the individual by consulting the lines, the signs and the conformation of the hand. (“Prendi quest mano zingara…”)
  6. Fortune telling, also known as the art of throwing cards according to all the best known systems, for the divination of the present, past and future (a great classic).
  7.  Suggestion, Magnetism and Hypnotism, main phenomena and means and methods of practicing them.
  8.  Spiritism, its fundamental principles, human relationships with divine spirits. Mediumistic experiments.

Having learned the internal organisation of the magic book, I began my evening sessions by plunging into the copious “source of science” also defined – always by the anonymous authors – “the true treasure of the modern magician”.
It was immediately clear to me that – leaving aside the fascinating atmosphere in which I tried to immerse myself between four candles and a lime-flavoured herbal tea – I would have put very little into practice the notions that the book tried to inculcate me. How to make a magic wand with the hazelnut tree on a Sunday in June between 2 and 20 by repeating a prayer addressed to unidentified male characters, did not seem to me a very practical thing to do for a lazy person like me (especially on Sundays).

This did not prevent me from marking the titles of the paragraphs that struck me most as for example:
“Dressed as a Magician and way of preparing them”, “Why Simone the magician flew away. How people can fly “,” Special way to tie a man “,” To make a naked woman dance”, “Recipe for a man to surrender to a woman’s desires“ or “To live a long time without eating” (this one is pretty hot if you want to prepare for the bikini body).
Or if we want to go more on the classic, I also pointed out voices like “To be loved”, “Get rid of the evil eye”, “Secret to get perpetual youth” and so on.
I must say that the chapter on the secrets of Queen Cleopatra would envy any blog dedicated to organic skincare and DIY.
Very charming.
Abundant, obviously, the number of a little uncomfortable and not very ethical situations like cutting gorges toads at nightfall or at sunrise, on a day in April before or after a storm, etc. etc.
In my opinion, it is difficult to perform in Parco Sempione especially during the Design Week.

Needless to say, however, that in my story I will skip over the invocations.
It doesn’t matter how many episodes of Buffy you have seen or how much each of us can be fans of the Exorcist.
Don’t try to do it again at home.
With the end of the last chapter, I decided to complete my rambling journey into the world of the infernal book as only a normal person could ever do in 2019: googling here and there in search of additional opinions and information. It turned out that, in the infinite space of the web, there would seem to be no great indications on the birth and credibility of this book except for a long series of testimonies on the reading of the same that date back as far as – drum rolls – to the Middle Ages.
And if this, according to many, would certainly seem to be one of the most extraordinary and compelling works of magic ever appeared in Italy, capable of satisfying any need of lovers of occult sciences, (between terrified voices that strongly advise against reading), many others instead are still indignant in the various esoteric forums, pointing to the text as a great century-old hoax, obsolete and perfect for taking dust on the shelves (very spectacular).

So, a magnificent anthology of sacrileges and obscure knowledge or amusing decorative object?
Harmless to buy it or rather something to avoid?
As my new friend Oniria says directly from the “Sentiero Wicca” forum:

“It is not books which are dangerous, but people’s intentions”.

And since mine was just to snoop around in the world of esotericism and occult sciences without hurting a toad, I leave you the only spell you’ll ever need after reading this book, (if you ever wish to to buy it…):

TO MAKE HAPPY DREAMS (Part Three, Alchemy, Chapter 2, page 162)

“Happy dreams can be procured in various ways; or by means of figures, signs and words of enchantment, or using mixtures of opium and other narcotics with a few grains of moss diluted in generous wine. Use a cotton ball to soak it with the mixture and pass it over the temples before bedtime. Sometimes it is enough to obtain the same effects as an apple of the queen caught on St. John’s Day as the moon grows. “

Magic kisses.

*
*
*

ITA

*
*
*

Sono sempre stata attratta dal paranormale.
Dall’idea dell’occulto, del soprannaturale… la magia, l’ultraterreno, il mistero.
Pur essendo una bambina abbastanza fifona, mi emozionavano le lucine del cimitero che si vedevano dalla nostra casa, farmi raccontare storie di paura al buio sul retro della villa al mare per poi scappare come una disperata urlante, passare davanti alla cappella della mia scuola elementare (cattolica) e fissare incuriosita il tabernacolo dorato al centro dell’altare.
Come poteva mai essere possibile che dentro quella piccola scatola c’era Dio in persona? Con Gesù e pure lo Spirito Santo?
Non mi era molto chiaro nonostante il catechismo.

La cosa non è di certo migliorata in fase adulta.
Ossessione per le scomparse (Chi L’Ha Visto), attrazione per spiriti vari ed eventuali (Mistero), tarocchi, numerologia, oroscopi. I santini.

Va da se che, quando abbiamo deciso di dedicare questo sedicesimo numero al misticismo, sono stata pervasa da una ondata di ansia mista ad eccitazione.
Come avrei potuto scegliere l’argomento migliore da trattare per il mio saggio?
Avrei dovuto intervistare uno o più addetti ai lavori? Incontrare sensitivi o partecipare a qualche seduta con l’aldilà?
No, questo articolo doveva avere il sapore dell’autodidatta.
La curiosità verso il mondo occulto doveva farsi strada da sola, tra scaffali impolverati, casualità assonnate, direzioni confuse e un pò di sano spirito di avventura.

Ed è così che, in un piovoso pomeriggio di Febbraio, ho pensato di trasformarmi momentaneamente in una strega moderna, un pò goffa un pò allo sbaraglio e, dopo aver accantonato google e vari profili instagram di stregoni da 100k followers, mi sono avviata piena di ottimismo in centro a Milano trascinando tutte le vibrazioni positive e anche il mio sedere fino al quarto piano dell’Hoepli, diretta al reparto che, speravo, avrebbe saputo regalarmi grandi emozioni.

Ma, proprio mentre me ne stavo seduta piuttosto scoraggiata su un piccolo sgabello, tra volumi angelici, streghe al rogo, illuminati vari e libri random sullo yoga (?!?), Simona – l’amica che tutti dovreste avere la vostro fianco durante le crisi mistiche – scovò pazientemente quello che stavo cercando.
Era li, fiero ma silenzioso.

“Il Libro Infernale, tesoro delle scienze occulte”.
Un font fucsia e arzigolante, a tratti sgranato, dominava la copertina incorniciato da una greca piena e ridondante, al centro il disegno colorato di un diavolo intento a strimpellare un mandolino a forma di teschio, in compagnia di quella che sembrava essere una strega, un serpente con la testa di un gatto e una sfinge blu, tutti appassionatamente avvolti da una nube di fumo spettrale. Come da copione!

Nessun autore, nessuna indicazione sull’anno della prima stesura, solo un lungo elenco di ristampe.
Sul retro una breve descrizione che classificava questo “manuale” come una grande e completa raccolta di antichi e rari grimories integrati da vari trattati di occultismo di epoche diverse.

Stregoneria, magia, demonologia, alchimia, negromanzia.

Misteriose visioni avvolte nel velo più fitto del segreto, del fantastico, dell’irreale, alleanze terribili tra l’umanità e le forze occulte che la circondano. In poche parole: che paura.
Una paura che pagai con il bancomat e che portai a casa seduta stante.
Ma che cos’è un grimorio?
E come è strutturato questo strano libro malefico?

Un grimorio è un libro di magia.

I libri di questo genere vennero scritti in gran parte tra la fine del Medioevo e l’inizio del XVIII secolo.
Contenevano soprattutto corrispondenze astrologiche, liste di angeli e demoni, istruzioni per creare incantesimi, preparare medicine e pozioni, invocare entità soprannaturali e fabbricare talismani.

Una delle possibili spiegazioni sull’origine della parola “grimorio” viene fatta derivare dal francese antico “gramarie”, parola avente la stessa radice di “grammatica”:
E il termine “grammatica” denotava, tra i vari significati, quello di un libro contenente
istruzioni.

Esattamente quelle che trovai nella prima pagina rivolta “Ai Lettori”:

“Constatato che manca una pubblicazione organica e completa sulla complessa materia delle Scienze Occulte, ci siamo assunti l’incarico, non lieve, di colmare la lacuna.
Desiderosi di assolvere coscienziosamente l’impegno, abbiamo dopo accurate indagini, riunite in un unico libro tutte le più importanti nozioni riguardanti l’astrusa Scienza e le sue multipli esplicazioni.
Ciascuno studioso di questa svariata materia troverà così sulla nostra pubblicazione  il ramo da lui preferito trattato esaurientemente, senza essere obbligato di ricorrere ad altre pubblicazioni di genere”.

Bene bene, avevo trovato quello che cercavo.
Un bel corso intensivo di magia nera and co., direttamente da un passato non ben identificato che prometteva di aggiornarmi last minute su tutto quello che mi ero persa.

L’ambiziosa opera a carico di ignoti si presentava suddivisa in 8 parti:

  1. Il Libro di San Cipriano, che comprende i preliminari per l’esercizio della Magia, la filosofia della Magia (e fin qui tutto chiaro) e La Clavicola del Re Salomone (non molto chiaro).
  2. (Continuazione del libro di San Cipriano) La Magia Suprema Rossa e Nera, che tratta delle invocazioni, scongiuri, esorcismi, sortilegi, Drago Rosso, Capra Infernale, Astrologia, gran Grimorio o patto del sangue e tante altre simpatiche e divertenti cosucce da non rifare a casa.
  3. La Magia Alchimistica, che racchiude in se i segreti della Gallina Nera (google please). Le antiche Magie: ebraica, caldea ed egiziana. Ma anche i segreti della regina Cleopatra! (capitolo top).
  4. L’Opera di Alberto Il Grande (google again), I suoi “meravigliosi” arcani e gli studi sull’essenza naturale dell’uomo e della donna, lo sterco degli animali (immancabile), i metalli e le infermità; l’influenza dei corpi celesti sulla vita umana ecc ecc.
  5. La Chiromanzia e la Chironomia, ossia la rivelazione del destino e del temperamento dell’individuo consultando le linee, i segni e la conformazione della mano. (Prendi questa mano zingara)
  6. Cartomanzia, anche detta arte di buttar le carte secondo tutti i migliori sistemi conosciuti, per la divinazione del presente, passato e avvenire (un grande classico).
  7. Suggestione, Magnetismo e Ipnotismo, fenomeni principali e mezzi e metodi di praticarli.
  8. Spiritismo, suoi principi fondamentali, relazioni dell’uomo con gli spiriti divini. Esperimenti medianici.

Appresa l’organizzazione interna del libro magico, iniziai le mie sessioni serali tuffandomi nella copiosa “fonte di scienza” anche definita – sempre dagli anonimi autori – “il vero tesoro del mago moderno”.

Mi fu subito chiaro che – tralasciando l’affascinante atmosfera nel quale tentai di immergermi tra quattro candele e una tisana al tiglio – avrei messo ben poco in pratica le nozioni che il libro tentava di inculcarmi.
Come fabbricare una bacchetta magica con l’albero di nocciole una domenica di giugno tra il 2 e il 20 ripetendo una preghiera rivolta a personaggi maschili non ben identificati, non mi sembrava una cosa molto pratica da eseguire per una pigra come me (soprattutto la domenica).

Questo non mi impedì comunque di segnarmi i titoli dei paragrafi che più mi colpivano come ad esempio:
 “Vestiti da Mago e modo di prepararli”, “Perchè volava Simone il mago. Come possono volare le persone”, “Modo speciale per legare un uomo”, “Per far danzare una donna nuda”, “Ricetta perché un uomo si arrenda ai desideri di una donna” o ancora “Per vivere molto tempo senza cibarsi” (questa a ruba con l’arrivo dell’estate).

O se vogliamo andare più sul classico, segnalo anche fatture del genere “Per farsi amare”, “Liberarsi dal malocchio”, “Segreto per ottenere la perpetua gioventù” ecc.
Devo dire che il capitolo sui segreti della Regina Cleopatra farebbe invidia a qualsiasi blog dedicato allo skincare biologico e DIY. Molto affascinante.
Abbondanti, ovviamente, il numero di situazioni un pò scomode e non molto etiche come tagliare gole a rospi al calar di luna o al sorgere del sole, in un giorno di aprile prima o dopo una tempesta ecc ecc.
Difficile da eseguire a Parco Sempione a mio avviso soprattutto durante il Salone Del Mobile.

Inutile invece dire che tralascerò nel mio racconto la parte sulle invocazioni.
Non importa quante puntate di Buffy si siano viste o quanto ognuno di noi possa essere fan di dell’Esorcista.
Non provate a rifarle a casa.

Con la fine dell’ultimo capitolo, decisi di portate a termine il mio viaggio sconclusionato nel mondo del libro infernale come solo una persona normale nel 2019 potrebbe mai fare: googlando qua e la alla ricerca di pareri e informazioni aggiuntive.
Ne uscì fuori che, nello spazio infinito del web, non sembrerebbero esserci grandi indicazioni sulla nascita e sulla credibilità di questo libro se non una lunga serie di testimonianze sulla lettura dello stesso che risalgono fino – rullo di tamburi – al medioevo.
E se questo a detta di molti sembrerebbe certamente essere una delle opere più straordinarie e avvincenti di magia mai apparse in Italia, capace di appagare qualsiasi esigenza dei cultori di scienze occulte, (tra voci terrorizzate che ne sconsigliano vivamente la lettura), tanti altri invece si indignano tutt’ora nei vari forum di esoterismo, additando il testo come una grande bufala secolare, obsoleto e perfetto per prendere polvere sugli scaffali (molto scenografico).

Quindi, magnifica antologia di sacrilegi e conoscenze oscure o divertente oggetto da arredamento?
Innocuo comprarlo o meglio evitarlo?
Come dice la mia nuova amica Oniria direttamente dal forum “Sentiero Wicca”:

“Non sono i libri pericolosi, ma le intenzioni delle persone”.

E visto che la mia era solo quella di ficcanasare un pò nel mondo dell’esoterismo e delle scienze occulte senza far male ad un rospo, vi lascio l’unico incantesimo del quale avrete mai bisogno dopo aver letto questo libro, (semmai avrete intenzione di comprarlo…):

PER FARE SOGNI FELICI
(Parte Terza, Alchimia, Capitolo 2, pag. 162)

“I sogni felici si possono procurare in vari modi; o per mezzo di figure, segni e parole d’incantamento, o usando miscele di oppio e di altri stupefacenti con qualche grano di muschio diluito in vino generoso.Si usa inzuppando con la miscela un batuffolo di cotone e passandolo sulle tempie avanti di coricarsi.
Talvolta basta per ottenere gli stessi effetti una mela della regina colta il giorno di San Giovanni al crescere della luna.”

Baci magici

*
*
*
Words by Federica Ciuci Priori.

Translation by Amanda Luna Ballerini.

Images from “Il Libro Infernale” Edizioni Mediterraneo.

Buy it here.
FOLLOW US ON - INSTAGRAM - FACEBOOK - PINTEREST - VIMEO - YOUTUBE
#TheTravelIssue
placeholder
#TheMenuIssue
placeholder
#TheWorkIssue
placeholder
#TheItalianIssue
placeholder
#ThePuppyIssue
placeholder
SoapOpera
Culture is the best served on high heels
© SoapOpera Fanzine 2014-2019