SOAPOPERAFANZINE

#TheMenuIssue

Let's talk

ROSALBA PICCINNI

// Music, flowers, food and resilience

AN INTERVIEW BY SIMONA DELL'UNTO

The mind and property of the famous Potafiori in Milan is one of a strong woman, always smiling and full of words. His passion for flowers, food and the world meet in one place, where time seems to bounce suspended over a thousand changes of light. The common thread was and remains the music. A love that Rosalba, the “cantafiorista”, continues to pursue through all the unpredictable and possible paths of life.
You know when you complicate your life because what you have is never enough? Here you’re in the right place!

*
*
*

Simona. Looking back, where do you think all of this comes from?
Rosalba. From my family. A beautiful large family, we were ten. Food abounded and for me it always meant family, union, sharing of ideas, projects discussions and so on because we sit at the table, we eat and automatically talk. I opened a restaurant, because it really was the sum up of what I am, the bridge which connected all of my passions.
It all started with concerts in my flower shops, offering an aperitif realised by me. The idea was to offer a few things, studied consciously, with a consistency: a memory of beer, bread and pork, or bread, salami and red wine. Everything was always served in a certain way, with deep love and respect.

Simona. So your music has always been a soundtrack?
Rosalba. Sure. I am myself a jazz songwriter. I used to jam in my flower shops, one in Bergamo, one in Milan and up to 500 people used to come. Given the great success and continuous request, I decided to open Potafiori. I could not afford to go on without a certain organization behind me, that’s why I opened a restaurant.

Simona. Was it therefore a necessity?
Rosalba. Yup! Sometimes I say to myself “who made me do it!” Others “thank goodness”. So many things have happened here, thanks to Potafiori. It is really true that with the sacrifice you raise yourself and go far. In my own way, I’m doing things that I never would have thought.

Simona. So having a restaurant was not your original dream?
Rosalba. Absolutely not, I wanted to be a singer. I did everything in my life: I sewed, I was a maid and a bartender. Through all of this I am here today, to go back to singing. I try to tell my story in an unusual way, for example now I’m writing a book that will come out with Vallardi publisher.
It’s ironic, I have an editor and I do not have a record label. I sing since I was a child, I did everything: important weddings, 12 dates sold out at the Blue Note. One might think that the world goes against you, but I think that all my path, accompanied by a bit of luck, is slowly repaying me back. Even if you’re halfway through many things, when you firmly believe in a project and you commit yourself, in the end you can do it. I am 48 years old, I’m on the my third album, I’m next to the release of my book, I have my flowers, the restaurant, I draw coffins…
Yes, coffins! You can do everything if you want to, obviously with the right timing and a deep love, because you do not have to be in a hurry. Things just come.

Simona. Is there therefore also a lot of instinct?
Rosalba. I learned to feel my instinct, that inner push that tells me: “go in that direction!”. Then maybe I’ll use it in 20 years, but anyway I’ll put my whole self in it. You can get rich right away if you want, maybe hurting others, I do not want to. I want to arrive with resilience, with time, patience and the right respect for others. For example, when I presented the coffin line, people looked at me incredulously and hesitantly. I was and I’m so happy with this project that I decided to call Potalove. For those who understand it has a very logical sense, it is full of love and respect for death and the people who leave us.
It is not my presumption, but once I am happy and I understand that something has reason to exist, the bulk of the work is done.

Simona. This is synonymous with enormous serenity and peace with oneself.
Rosalba. Surely! When I was a domestic maid, for example, I was happy. As well as when I sewed overalls and sweatshirts or worked as a bartender. For me it was all a synonymous of beauty, because I was still in contact with the world, people and different realities that could be useful. Now I can make a delicious cappuccino! Every step of life, every love, every apparent disappointment, you need to go further. Obviously, for those who want to understand it.

Simona. Renzo Arbore once said: “Improvisation has marked a whole life. Mine’’
What is your own art of improvisation?
Rosalba. Listening to myself. Understanding when you know inside that you want to get “there”, but you do not know yet what exactly that destination is. Then suddenly you improvise, because it means living. For me improvisation is to live and grasp every part of it.

Simona. What would you do better with a second chance?
Rosalba. I think I give people too much confidence, but I’m like that. My mother always told me “Rosalba, you’re too genuine, too available”. Every now and then you have to protect yourself, but I can never understand what the right time is to do it. Maybe today I’m a little more careful not to talk too much. It’s true, with age you become a bit more wise, but otherwise I’m in love with the world, people and I think that in the end everyone has to make their own experiences.
We must give love, also because everyone is the architect of their own destiny, of their own success and of their own conscience.

Simona. If you had to compose a bouquet of your life, which flowers would you insert?
Rosalba. Wildflowers. Every flower, every herb, from artichokes, thistles, from the ferula, to all the succulent plants that grow on the rocks, hiding something incredible. It is the beauty of the spontaneity of nature.
If I would ever marry a second time, I would pick flowers in a field, even weeds. I would take what is there at that time and make my composition. It would be beautiful.

Simona. What kind of people do you admire?
Rosalba. All the people who made the difference by remaining true to themselves. Women out of the canons, strong, magnetic like Maryl Streep, or Mina for example. Or masters like Gillo Dorfles. When he entered my shop in Via Broggi, I remained astonished: an elegant, brave, avant-garde man. I would also name Miuccia Prada for her inspiration and courage. Beautiful and true I would say! Concrete and courageous.

Simona. Speaking of courage, when do you think you have tested your resilience?
Rosalba. Always. When I speak of resilience, I do it because in the moment of despair, of suffering, I tell myself that it is life and that it has to be lived with all its difficulties. When I opened Potafiori it was like this: the first year was a delirium, but all this gave me the impetus to question myself. It will seem trivial, but it is precisely in the moment of despair, of unease, that we take courage out.
After all, whatever you do, I understand that the important thing is to risk and always tell your passion, for better or for worse.

*
*
*
Rosalba Piccinni interviewed by Simona Dell’Unto and lensed by Claudia Difra.
Milan, May 2018.

Discover Potafiori here.
Translation by Amanda Luna Ballerini

Special thanks to Mimosa Misasi.

*
*
*
ITA

*
*
*

La mente e proprietaria del noto Potafiori di Milano è una donna forte, sorridente e piena di parole.
La sua passione per i fiori, il cibo e il mondo si incontrano in unico luogo, dove il tempo sembra rimbalzi sospeso su mille cambi di luce. Il filo conduttore era e rimane la musica. Un amore che Rosalba, la Cantafiorista, continua a inseguire attraverso tutte le imprevedibili e possibili strade della vita.

Hai presente quando ti complichi la vita perchè non ti basta mai niente? Ecco, sei nel posto giusto!

*
*
*
Simona. Guardandoti indietro, da dove pensi venga tutto questo?
Rosalba. Dalla mia famiglia. Una bella famiglia numerosa, eravamo in dieci. Il cibo abbondava e per me ha sempre significato famiglia, unione, condivisione di idee, progetti discussioni, perchè ci si siede a tavola, si mangia e si parla.
Ho aperto un ristorante, perchè infondo era il collante di ciò che sono, il ponte che collega le mie passioni.
Tutto è iniziato facendo dei concerti nei miei negozi di fiori, offrendo un aperitivo fatto da me. L’idea era offrire poche cose, studiate, con una coerenza: ricordo di birra, pane e porchetta, oppure pane, salame e vino rosso. Tutto era sempre servito in una certa maniera, con profondo amore e rispetto.

Simona. La tua musica quindi ha sempre fatto da colonna sonora?
Rosalba. Certo. Io canto musica cantautorale in chiave jazz.
Facevo della jam nei miei negozi di fiori, uno a Bergamo, uno a Milano e arrivavano anche 500 persone. Dato il grande successo e la continua richiesta, ho deciso di aprire Potafiori. Non potevo permettermi di continuare senza una certa organizzazione alle spalle, questo è il motivo per cui ho aperto un ristorante.

Simona. È stata quindi una necessità?
Rosalba. Sì! A volte mi dico “chi me l’ha fatto fare!” altre “meno male!”. Sono successe tantissime cose qui, grazie a Potafiori. È proprio vero che con il sacrificio ti elevi e vai lontano.
Nel mio piccolo, sto facendo delle cose che mai avrei pensato.

Simona. Quindi avere un ristorante non era il tuo sogno originale?
Rosalba. Assolutamente no, io volevo fare la cantante. Ho fatto di tutto nella mia vita: ho cucito a macchina, ho fatto la domestica e la barista. Attraverso tutto questo sono qui oggi, ma ancora per tornare a cantare. Cerco di raccontare la mia storia in una maniera inusuale, ad esempio ora sto scrivendo un libro che uscirà con Vallardi Editore.
È ironico, ho un editore e non ho un discografico. Canto da quando ero una bambina, ho fatto di tutto: matrimoni importanti, 12 date sold out al Blue Note. Uno potrebbe pensare che il mondo vada proprio al contrario, ma credo che tutta la mia semina, accompagnata da un pizzico di fortuna, piano piano mi stia ripagando. Anche essendo a metà su tante cose, quando credi fermamente in un progetto e ti impegni, alla fine ce la fai. Io ho 48 anni, sono al terzo disco, sono prossima all’uscita del mio libro, ho i miei fiori, il ristorante, disegno bare… Sì, casse da morto!
Si può far tutto se lo vuoi, ovviamente con i tempi giusti e profondo amore, perchè non bisogna avere fretta.
Le cose arrivano.

Simona. C’è quindi anche tanto istinto?
Rosalba. Ho imparato a sentire il mio istinto, quella spinta interiore che mi dice : “vai in quella direzione!”. Poi magari ci impiego 20 anni, ma comunque ci metto tutta me stessa. Puoi diventare subito ricco se vuoi, magari facendo del male agli altri, io non voglio. Voglio arrivare con la resilienza, con il tempo, la pazienza e il giusto riguardo nei confronti del prossimo. Ad esempio quando ho presentato la linea di bare, la gente mi guardava incredula e titubante. Io ero e sono felicissima di questo progetto che ho deciso di chiamare Potalove. Per chi lo capisce ha un senso molto logico, è pieno di amore e di rispetto per la morte e le persone che ci lasciano.
Non è presunzione la mia, ma una volta che sono contenta e ho capito che qualcosa ha motivo di esistere, il grosso del lavoro è fatto.

Simona. Questo è sinonimo di enorme serenità e pace con se stessi.
Rosalba. Sicuramente! Quando facevo la domestica ad esempio, ero contenta. Così come quando cucivo a macchina le tute e le felpe o facevo la barista. Per me era tutto sinonimo di bellezza, perchè ero comunque a contatto con il mondo, la gente e realtà diverse che mi sono tornate utili. Adesso so fare un buonissimo cappuccino! Ogni passaggio della vita, ogni amore, ogni apparente delusione, ti serve per andare lontano. Ovviamente, per chi lo vuol capire.

Simona. Renzo Arbore dice: “L’improvvisazione ha scandito una vita intera. La mia”.
Qual’è la tua arte dell’improvvisazione?
Rosalba. Ascoltarmi. Capire quando dentro di te sai che vuoi arrivare “li?”, ma non sai ancora cosa sia esattamente quella meta. Allora improvvisi, perchè vuol dire vivere la vita. Per me l’improvvisazione è vivere e cogliere ogni significato.

Simona. Cosa faresti meglio avendo una seconda possibilità?
Rosalba. Credo di dare troppa fiducia alle persone, ma io sono fatta così. La mia mamma mi diceva sempre “Rosalba, sei troppo genuina, troppo disponibile”. Ogni tanto bisogna proteggersi, ma non riesco mai a capire quale sia il momento giusto in cui farlo. Magari oggi sono un po’ più attenta a non parlare troppo. È proprio vero, con l’età si diventa un po’ più saggi, ma per il resto sono innamorata del mondo, della gente e penso che alla fine ognuno debba fare le proprie esperienze.
Bisogna dare amore, anche perchè ognuno è artefice del proprio destino, del proprio successo e della propria coscienza.

Simona. Se dovessi comporre un bouquet della tua vita, che fiori inseriresti?
Rosalba. Fiori di campo. Ogni fiore, ogni erbetta, dai carciofi, ai cardi, dalla ferula, a tutte le piante grasse che crescono sulle rocce, nascondono qualcosa di incredibile. È la bellezza della spontaneità della natura. Dovessi mai sposarmi una seconda volta, raccoglierei dei fiori in un campo, anche le erbacce. Prenderei quello che c’è in quel momento e farei la mia composizione. Sarebbe bellissimo.

Simona. Che tipo di persone ammiri?
Rosalba. Tutte le persone che hanno fatto la differenza rimanendo fedeli a se stessi. Donne fuori dai canoni, forti, magnetiche come Maryl Streep, o Mina ad esempio. Oppure maestri come Gillo Dorfles. Quando entrava nel mio negozio in Via Broggi rimanevo estasiata: un uomo elegante, coraggioso, all’avanguardia. Nominerei anche Miuccia Prada per il suo estro e coraggio. Belli e veri direi! Concreti e coraggiosi.

Simona. Parlando di coraggio, quando credi di aver messo alla prova la tua resilienza?
Rosalba. Sempre. Quando parlo di resilienza, lo faccio perchè nel momento di disperazione, di sofferenza, mi dico che è la vita e che è da vivere con tutte le sue difficoltà. Quando ho aperto Potafiori è stato così: il primo anno è stato un delirio, però tutto questo mi ha dato la spinta per mettermi in discussione. Sembrerà banale, ma è proprio nel momento della disperazione, del disagio, che tiriamo fuori il coraggio.
In fin dei conti, qualsiasi cosa faccia, ho capito che l’importante è rischiare e raccontare sempre la tua passione, nel bene e nel male.

*
*
*
Rosalba Piccinni intervistata da Simona Dell’Unto e fotografata da Claudia Difra.
Milano, Maggio 2018.

Scopri Potafiori qui.
Traduzione a cura di Amanda Luna Ballerini.

Un ringraziamento speciale a Mimosa Misasi.

 

FOLLOW US ON - INSTAGRAM - FACEBOOK - PINTEREST - VIMEO - YOUTUBE
#TheMysticIssue
placeholder
#TheTravelIssue
placeholder
#TheMenuIssue
placeholder
#TheWorkIssue
placeholder
#TheItalianIssue
placeholder
SoapOpera
Culture is the best served on high heels
© SoapOpera Fanzine 2014-2020