SOAPOPERAFANZINE

#Weekly

SOAPOPERA MEETS ACK

// Say ciao to summer with our last swimsuit diary 

AN INTERVIEW BY FEDERICA CIUCI PRIORI

Summer is basically over.
Your tan is almost gone, no more freckles on your face and the hair are getting darker again.
Radiant skin? It belongs to the past now.
Ah what a drama! City can be so cruel.
But we’re not ready to say ciao summer yet, at least not before sharing with you our august diary featuring our favourite swimwear line.
Last month we choose some pieces from our friend Rebecca’s brand ACK, we took two of our girls on the Roman Coast and start playing with the sunset light, sand and lycra.
We took the chance to chat with Rebecca about her passion for all things sea and surf, the different female shapes and her typical day. 
Enjoy our last summer serie before jumping seriously into the new season!


Federica. Ciao Rebecca! Can you shed a light on your career path?
Rebecca. As soon as I finished my studies in Fashion Marketing in Florence, I was offered an internship position as an assistant stylist by Pig magazine.
Under the same roof was being born SUPER and Daniel, my current boss asked me if I was interested in attending also projects for them.
So, over the years, I have become SUPER’s style manager and now I work with them for 7 years.
ACK was born two years ago, I have been driven by the desire to express myself with another type of product and beachwear was a natural choice because for me it has always been an important thing.

F. Describes ACK in 3 words
R. Sexy, true and strong.

F. Tell us something more about  your label.
R. ACK offers different looks who want to enhance various types of women, it’s not a brand born only for tall and skinny models.
I have a mediterranean body which I didn’t appreciate when I was a teenager because I wanted the scandinavian physique of my mom. Over the years I began to love my shape and to realize that you have to know your body to learn how to choose the right clothes for it.
We all have different breasts, butts, busts and legs and I am pretty sure that, in the ACK collection, every woman can find at least one model that emphasizes her physical characteristics and hides the flaws.

F. Why have you decided to design a swimwear line instead of anything else? Would you love ACK to grow including also accessories in the line at some point?
R. My dream is to move one day in a place where is summer all the year and where I will not need much more than a pair of sunglasses and a swimsuit!
The idea of including in the collection other products over beachwear it’s in my head since I founded ACK but I don’t think is the right time yet.
I want to have more time that I have right now to work on something nice and well done so, stay tuned!

F. In order to be special, how a swimwear should be? How the process and the materials you use inform you work?
R. First of all the fitting as I explained before, and the quality of course.
Beachwear was born as technical clothing and it’s fundamental to not forget its primary function, so the choice of the materials is fundamental. We have different types of Lycra in collection, from the most powerful to the the most aesthetically attractive, but you can wear both and swim and sunbathing anyway!

F. From Viareggio to Milan. How much the places where you come from and where you live influence your career?
R. Growing up in a city like Viareggio made me sea-addict and ACK is now a way to express my love and my incredible passion for the sea and the beach.
When I was a child I wanted to become a marine biologist, and even today, especially when I’m sick of the whole fashion system, I wonder why I never really hit that road. Milan has made my dreams real, it’s a city that definitely helps you to give shape to ideas and projects. In my case the people I met at work and in private life helped me to give birth to ACK; some of them have also contributed directly at a practical level, while others have inspired and motivated me, but all of them are equally important for me and for my brand.

F. Where do you find inspiration and how do you organize it?
R. I find the inspiration anywhere but, what helps and stimulates me more than anything is traveling. It opens my mind, is the fuel to set my creative process in motion.

F. Your vision is so self confidence, clean but fresh and inspiring at the same time. How important is the photography and the styling in your aestethic?
R. Photography and styling are definitely two key elements to the brand’s aesthetic, because ACK is a basic product and usually, the simple things are the most difficult to understand.
A good story and well made photos are a great communication support for me. For the lookbook and the campaign I have always  worked with my dear colleague and friend Sean Micheal Beolchini, we know each other very well, professionally and personally, and we always bring home a beautiful and interesting work that is the result of our understanding.

F. You design for RetroSuperFuture and now you have your own thing. How you handle both? How much the first influences the other?
R. I prefer to keep the two things separate because they have different needs and identities. Creatively speaking, working on two projects is very intense and it’s definitely a challenge, it helps me being more productive, it’s a continuous stimulus.

F. Describe you typical day!
R. 7am wake up
7.30 am  boxe/yoga
8.30 am  breakfast, one of the best moments of the day, I love breakfast!
9.30 am SUPER’s office
1pm  lunch break while checking ACK emails
2.30-6.30 pm SUPER again
6.30 pm back home to my husband, we have dinner and then I work again form ACK.
It could sounds like a super standard day, but believe me it’s super intense and it’s impossible for me to get in the details because actually everyday is so different from another!

F. Tell us about the girl of your dream.. Who are the muses in your editorials? Who are the women who buy your items?
R. My style icon is Chloe Sevigny, I like her versatility and her being sexy and tom boy at the same time. But when it comes to professionalism, my muse is Beyoncè, I admire her ability to be sensitive and decisive, she’s an amazing business women as well as, of course, be a very talented artist.

F. If ACK were a movie, which one would be?
R. Hard choice! I would say a mix of the vintage’s James Bond, Blue Lagoon, Somewhere by Sofia Coppola and Ariel of course.

F. Last but not least: as an independent business female owner, what advice would you share with every girl interest in starting her own brand?
R. It’s very important to have clear in mind where you want to go and what you want to show the world. In fashion there is so much competition and the market is fairly saturated, so, clarity and a strong identity are a great starting point to build a winning project. You must be determined and ready to face so many obstacles but also to be flexible and able to recognize when it is better to follow the flow of things and let yourself go.


Photo // Erika Grupillo
Special thanks to Eleonora Priori and Pia D’Onofrio

Meet Rebecca and ACK here www.ackwork.com

 


Federica. Ciao Rebecca! Parlaci di te.
Rebecca. Non appena finii i miei studi di Fashion marketing a Firenze, mi venne offerta una posizione di stage come assistente stylist da Pig magazine.
Sotto lo stesso tetto stava nascendo SUPER e Daniel, il mio attuale capo mi chiese se fossi interessata a seguire dei progetti anche per loro.
Così, col passare degli anni, sono diventata style Manger di Super e ormai sono in azienda da 7 anni.
ACK nasce due anni fa, sono stata spinta dal desiderio di esprimermi con un altro tipo di prodotto e il beachwear è stata una scelta naturale perchè per me è sempre stato un capo fondamentale.

F. Descrivi ACK con 3 aggettivi
R. Sexy, reale e forte.

F. Raccontaci qualcosa in più su ACK
R. ACK offre modelli che vogliono valorizzare diversi tipi di donne, non è un brand nato solo per modelle magre e alte.
Ho un fisico mediterraneo che da piccola non apprezzavo, volevo il fisico scandinavo di mia mamma. Con gli anni ho iniziato ad amare le mie forme e a realizzare che bisogna conoscere il proprio corpo per imparare a scegliere i capi giusti che lo valorizzano. Abbiamo tutte seni, sederi, busti e gambe diverse e sono sicura che all’interno della collezione di ACK ogni donna può trovare almeno un modello che enfatizzi le sue caratteristiche fisiche e nasconda i difetti.

F. Perché hai deciso di disegnare una linea di costumi piuttosto che altri capi? Ti piacerebbe che ACK si espandesse fino ad includere anche una capsule di accessori?
R. Il mio sogno è  quello di trasferirmi un giorno in un posto dove è estate tutto l’anno, dove non avrò bisogno di molto oltre ad un paio di occhiali da sole e un costume da bagno! L’idea di inserire in collezione altri prodotti oltre il beachwear è nella mia testa sin da quando ho fondato ACK, ma non credo sia ancora il momento. Voglio avere più tempo rispetto a quello che ho a disposizione adesso per lavorare a qualcosa di bello e ben pensato, quindi stay tuned!

F. Come dovrebbe essere il costume ideale? Quanto il processo di realizzazione e i materiali usati influenzano il tuo lavoro?
R. Prima di tutto il fitting, come spiegavo sopra ed ovviamente la qualità.
Il beachwear nasce come abbigliamento tecnico e non bisogna dimenticare la sua funzione primaria, per questo la scelta dei materiali è molto importante. In collezione abbiamo diversi tipi di Lycra da quella più performante a quella più esteticamente attraente, ma indossando entrambe puoi comunque fare mille bagni e prendere il sole!

F. Da Viareggio a Milano. Quanto hanno influenzato la tua carriera i posti ai quali appartieni e i luoghi dove vivi ora?
R. Crescere in una città come Viareggio mi ha reso mare-dipendente ed ACK è un modo per esprimere questo mio amore e questa mia incredibile passione verso il mare. Da piccola volevo diventare una biologa marina e ancora oggi, in particolare quando sono stufa di tutto il fashion system, mi chiedo perché non ho mai realmente intrapreso quella strada. Milano ha reso i miei sogni concreti, è una città che sicuramente ti aiuta a dare forma alle idee e ai progetti. Nel mio caso le persone che ho conosciuto a livello lavorativo e personale hanno aiutato a far nascere ACK;  c’è chi ha contribuito direttamente anche a livello pratico, mentre altre persone mi hanno ispirato e stimolato, ma tutte sono importanti in ugual modo per me e per il mio brand.

F. Dove trovi ispirazione e come la incanali?
R. Trovo ispirazione veramente ovunque, ma la cosa che mi ha sempre aiutata e stimolata di più sono i viaggi; viaggiare apre un sacco la mente, è il carburante per mettere in moto il mio processo creativo.

F. La tua visione è molto “self-confident”, pulita ma fresca e di ispirazione allo stesso tempo. Quanto sono importanti per te la fotografia e lo styling  all’interno della tua estetica?
R. Fotografia e styling sono sicuramente due elementi fondamentali per l’estetica del brand,  perché ACK è un prodotto piuttosto basico e spesso le cose semplici sono quelle più difficili da capire. Una storia e delle foto ben fatte sono un supporto fondamentale per me nella comunicazione. Per il lookbook e per la campagna ho sempre lavorato con un mio caro collega e grande amico, Sean Micheal Beolchini, ci conosciamo molto bene professionalmente e personalmente e portiamo a casa sempre un lavoro interessante e coerente, frutto della nostra intesa.

F. Lavori full time per RetroSuperFuture e ad ora hai anche una tua linea. Come riesci a gestire entrambe le cose? Quanto la prima influenza la seconda?
R. Preferisco tenere le due cose separate  perché hanno identità ed esigenze diverse. Creativamente parlando, dedicarsi a due progetti è molto intenso ed è sicuramente una sfida, mi aiuta ad essere più produttiva, è uno stimolo continuo.

F. Descrivici una tua tipica giornata
R. 7.00 sveglia
7.30 boxe o yoga
8.30 colazione, uno dei momenti della giornata che preferisco, adoro fare colazione!
9.30 Arrivo in ufficio da Super
13.00 Pausa pranzo e controllo mails ACK
14.30 – 18.30 Di nuovo SUPER
18.30 torno a casa da mio marito, ceniamo e dopo di nuovo al lavoro per ACK.
Può sembrare una giornata qualunque, ma credetemi, è super intensa ed è impossibile per me scendere nei dettagli perché ogni giorno in realtà è completamente diverso dall’altro nelle piccole cose!

F. Parlaci della ragazza dei tuoi sogni.. Chi sono le muse nei tuoi editoriali? Chi sono le donne che comprano e indossano i tuoi costumi?
R. La mia icona di stile è Chloè Sevigny, mi piace la sua versatilità e il suo essere sexy ma anche tom boy allo stesso tempo. Ammiro invece la professionalità di Beyoncé, il suo saper essere sensibile e decisa, è una business woman incredibile oltre ad essere ovviamente una artista molto talentuosa.

F. Se ACK fosse un film, quale sarebbe?
R. Difficilissimo! Direi un mix tra i vintage di James Bond, Laguna Blu, Somewhere di Sofia Coppola and Ariel ovviamente.

F. Ultima ma non meno importante: in quanto giovane donna indipendente e fondatrice di un brand, quale consiglio vorresti condìvidere con tutte le ragazze interessare ad iniziare una propria linea?
R. E’ fondamentale avere ben chiaro dove si vuole arrivare e cosa si vuole comunicare. Nella moda c’è tanta concorrenza e il mercato è piuttosto saturo, quindi chiarezza e una forte identità sono un ottimo punto di partenza per realizzare un progetto vincente. Bisogna essere determinate e pronte ad affrontare tanti ostacoli, ma anche saper essere flessibili e saper riconoscere quando è meglio adattarsi e seguire il flusso delle cose.


FOLLOW US ON - INSTAGRAM - FACEBOOK - PINTEREST - VIMEO - YOUTUBE
#TheMysticIssue
placeholder
#TheTravelIssue
placeholder
#TheMenuIssue
placeholder
#TheWorkIssue
placeholder
#TheItalianIssue
placeholder
SoapOpera
Culture is the best served on high heels
© SoapOpera Fanzine 2014-2022