SOAPOPERAFANZINE

#Weekly

SOAPOPERA MEETS CIPRIA

// Be kind and get the party started

AN INTERVIEW BY FEDERICA CIUCI PRIORI

Who run the world? Girls.
Who organize the most magical parties? Always girls.
Welcome to the Marshmellow Disco where dancing is a super democratic activity, sensuality is in the air and everybody are kind and full of love.
Cipria is by girls for girls and is changing the female vision in the clubbing world.
Magnetic, sweet but sassy, they are trying to share some values about races, class, gender and economic quality, and they’re doing it on the dancefloor. Oh yeah.
Meet Alice, the founder of Cipria and find more about our new favourite (pink) nightlife experience.


Federica. Ciao Alice! Tell us about your background. How did you get to where you are now?
Alice. Hi! I’m Alice, I’m a dj, I’ve got a degree in psychology and I used to play the bass guitar as a teenager. A few years ago I decided to start a project with a female touch and so that’s how everything begun…

F. “Cipria is not a night for posers, is a party for human beings”. I would spend hours telling you how much I love you after reading this, but I’d rather use this time asking you more about this mesmerising project.
A. At Cipria We aim to give rebirth to the imagery of the NYC ’70-’80s Disco Diva in a contemporary version, with kindness and a lot of love. It’s all related to female creativity nowadays but it’s not a night for posers, is a party for human beings. It meens that experience is more important than image and good vibes are the elective instrument to spread these feelings. The crew is the main element of this potion.

F. Describe Cipria in 3 words
A. Shiny, happy, hectic.

F. You and your crew are constantly working on new ideas to explore your kind of nightlife experience: Maria Antonietta’s Snack, BBQ Party, Tea with Biscuits but most  important.. Instant Styling Point and Cipria Listening, tell us more!
A. Well, assuming that our focus is the “feeling good” experience we want to ensure to all the participants at our events, we’re always looking for something that can surprise them and make them smile (because surprise it’s important in life, in general).
We can see a lot of different things through all the networks we’re involved but experience them in life is another thing.
The instant styling point was born just to be a site of interaction among people from an horizontal point of view at the beginning of the party. It was a sort of game everyone could partecipate, so you didn’t need to be drunk or stoned to get in touch with other people. A little bit regressive as a point of view but once you feel like an adolescent in an environment full of people you don’t know, it’s nice and you can have fun with a certain intensity.
Cipria listening was instead oriented to invite people to come and listen to the music at the place of necessarely “move”. We did it once in the secret garden of a Castle. People were invited to lay down on the grass, watch at the stars and listen to the journey prepaired by one of our dj- resident, Cristiano Nonnato (wich is a sort of contemporary guru). Some of them felt asleep and dreamt and after that they spontaneously came to us to tell the experience etc… it was pretty nice, even because we did it with a super naïf attitude (not that kind of new age/holistic approach at all).

F. Why go in a smelly dark club when you can dance in villas, castles or on a boat sailing along the Venetian lagoon at sunset?
Tell us why locations are one of Cipria’s key elements and how you can find these incredible places where to party.
A. So, if you’re pretty bored with everything that surrounds you it’s easy to find nice places to do things in. You just need to watch around and find beauty where nobody see it. If you have a good inner radar you don’t need anything more and a little (but just a little) of courage to experiment.

F. You often talk about soft feminist approach, female touch and sensuality in the air when it comes to CIPRIA.
And you are doing a great job in terms of girl power in the clubbing word! But in your opinion, in what others fields close to you, women still should create their own spaces?
A. Everywhere. I never tolerated the victimistic approach to life. If you don’t like something you can try to change it doing things at least in your small environment. Anyway I’m preatty realistic and I think that we have to deal daily with prejudice and sometimes I think that injustices will never end because it’a metter of power, absence of courage and masochism.
In any case I find Cipria a very nice social experiment  .

F. We love Cipria’s artwork so much! Why have you decided in most cases to put illustrations on the events posters instead of other pictures?
A. So, at the beginning it was an ideological choice. Longely the presence of girls in club was related to a metter of image. Their bodies were the ones devoured by guy looks, according to a merely erotic pulsion. I wanted to bring sensuality in club but I needed to clean the field from all that ambiguity before. So for a couple of season we only had illustrations on the events posters. Once our audience understood that we had a different approach I could re-introduce the girls body in our communication.
Because we have to admit: there’s nothing more beauty of happy girls dancing. It brings such a great energy in a room, it’s star dust…

F. What about the boys? Do you have many male dancers attending your party and what’s their thoughts about Cipria?
A. We have all kinds of dancers at our parties. We have a lot of “emancipated” boys (I like to call them like this) because they arrive and they enjoy the party in all their aspects, they don’t go to Cipria only because “there’s a lot of girls”.

F. CIPRIA is an italian word and we couldn’t be more happy about that choice. How much is important for you and your crew doing something in your own country for all the italian girls, with such big resources like the FAI by your side (damn girl!)?
A. It’s being great for us to do our events for two summers at Villa Dei Vescovi (wich is a FAI site) because it matches a lot with our beauty seeker side. We have plenty of beautiful sites in our country, it’s taken for granted, so why don’t party in them?
When we started to play at Villa dei Vescovi in 2015 it seemed to be in a Wes Anderson moovie, so why go in a basement? (indeed I adore basements, as all the small rooms, because you can get a lot of intensity, good pression and energy, but I’m sure you understand what I mean).
Cipria is an Italian word and it comes from the past because we find that value system closer to our approach but it’s not a metter of following tendencies. It’s just the way it is, a sort of Weltanschaung.

F. Thinking about Cipria, we can see a bright, shining, smart and pink (oh lots of pink) future. Which plans do you have in mind for Cipria in the next few years?
A. We hope to give more space and attention to the connection with art. We’re working on the presentation of our last editorial at Ono Arte Gallery in Bologna and we want to do more things related to contemporary art. We will go on seeking beauty even where is super hidden and also we will try to spread the word in other places. I think that the world needs more Cipria .

F. We, SoapOpera girls, like to call ourselves #busysexyeasy (or at least we try!) If you had to choose an hashtag that represents CIPRIA which one would it be?
A. The hashtag would be #shinyhappyhectic even if I’m using a lot in these period #poracciamadiva which meen #pennylessbutdiva. It’s just because I started to work as a waiter durign summer when I was 16 to buy records and go to concerts. So I’m pretty used to work a lot to achieve what I desire and that hashtag represent me very well.
Than if you check our Instagram posts you will find a lot of #disco #mirrorball #glitter etc…

F. If CIPRIA were a movie, a place and a singer which ones would be?
A. It would be the The Three colours Trilogy by Krzysztof Kie?lowski, In The mood for Love by Wong Kar-Wai and a lot of movies from The Nouvelle Vague.
Too much places to be just one (I think that’s why we’re pretty wandering) and as a singer Cipria would be an hybrid among Loleatta Holloway, Evelyn King, Norma Jean Bell & St. Vincent.

F. And if SoapOpera were a cocktail served at your party, which one would be?
A. It would be our next pink cocktail (invented by Luca Sabbadin from Aperitivo al Verde for our next event): Vodka, cherry liquor, raspberry liquor, earl grey tea, lime.


Meet Alice and Cipria here www.cipria.org

All pictures courtesy of Cipria


Federica. Ciao Alice! Parlaci di te e del tuo background.
Alice. Ciao, mi chiamo Alice, sono una dj, ho una laurea in psicologia e durante l’adolescenza suonavo il basso. Qualche anno fa ho deciso d’iniziare un progetto dedicato al femminile e  così che è iniziato tutto…

F. “Cipria non è dedicato a posers ma agli esseri umani che sanno divertirsi”. Raccontaci di più di questo fantastico progetto.
A. Cipria s’ispira all’immaginario della Disco Diva sbocciato e sviluppatosi nel solco della NYC disco negli anni ’70 ed ’80 e cerca di elaborarlo in una versione contemporanea, con delicatezza, cura e molto amore. A Cipria cerchiamo di relazionarci con la creatività al femminile oggigiorno ma non è un party pensato per posers, perché siamo molto più interessate agli esseri umani in generale. Accordiamo più importanza all’esperienza che all’immagine e le good vibes sono il nostro strumento elettivo per trasmettere questo sentire. La crew è il catalizzatore di quest’energia che da una dinamica di gruppo si propaga al resto dei partecipanti.

F. Descrivi Cipria con 3 aggettivi.
A. Scintillante, felice, iper attiva.

F. Cipria è un progetto che si impegna tanto anche nel presentare al proprio pubblico una versione inedita della nightlife tramite varie esperienze quali: La merenda di Maria Antonietta, Tè con Biscotti, BBQ Party, ma soprattutto.. Il punto di Instant Styling e il Cipria Listening! Raccontaci di più.
A. Partendo dal presupposto che il nostro obiettivo è legato all’esperienza positiva che vogliamo trasmettere ai partecipanti durante i nostri eventi, cerchiamo sempre qualcosa che li possa sorprendere o che possa suscitare in loro un sorriso (è così difficile lasciarsi sorprendere). Siamo tutti immersi in un continuo flusso d’immagini e quindi possiamo credere di conoscere o avere già visto tutto ma l’esperienza di un determinato momento è quella che fa la differenza.
Il punto d’instant styling era nato proprio come spazio d’ interazione tra le persone all’inizio del party. Una specie di gioco a cui tutti potevano partecipare, con un piglio un po’ regressivo, adolescenziale. A quel punto poi veniva più spontaneo lasciarsi andare alla serata, spesso in modo intenso.
Cipria listening invece è un progetto nato con lo scopo d’invitare le persone anziché a ballare a sdraiarsi sull’erba, guardare le stelle e sentire il dj-set d’ascolto che avevamo preparato per loro. L’abbiamo fatto una sola volta con il nostro sciamano contemporaneo Cristiano Nonnato (uno dei dj-resident di Cipria), alcune persone si sono addormentate, altre hanno sognato e poi finito il set sono andate spontaneamente verso il dj per raccontare quello che era successo. Però l’abbiamo fatto con un approccio ultra ingenuo, senza tutte quelle sovrastrutture new age/olistiche che si portano dietro proposte del genere. Non pensavamo di svoltare la vita a nessuno o di suscitare chissà quali illuminazioni ecco, ci sembrava una cosa sensata e l’abbiamo fatto.

F. Perchè andare in un locale buio e dal cattivo odore quando puoi ballare in una villa, in un castello o in una barca al tramonto costeggiando la Laguna? Parlaci di come la location è diventata uno degli elementi chiave di Cipria e di come riuscite a trovare gli incredibili luoghi che fanno da sfondo ai vostri party.
A. Quando sei un po’ stufo di tutto quello che hai intorno (e se lo sei tu perché non lo dovrebbero essere anche gli altri?) non è così difficile trovare posti carini in cui fare le cose, basta guardarsi un attimo intorno e magari prestare attenzione a luoghi che nessuno sta prendendo in considerazione, perchè spesso sono nati e configurati per altri scopi. Alla fine basta osservare, non dare nulla per scontato ed avere un filino di coraggio per assumersi dei rischi e fare dei tentativi.

F. Quando si parla di Cipria, usate spesso termini come Femminismo Soft, tocco femminile e sensualità nell’aria. E direi che state facendo un ottimo lavoro in quanto, visto e considerato che siete riuscite a creare un ambiente davvero female friendly all’interno del mondo clubbing! Ma secondo te, in quali altri campi vicini al tuo, le donne devono ancora ritagliarsi e far evolvere il proprio spazio?
A. Direi un po’ dappertutto. Non noto particolare evoluzione nel ruolo della donna anche all’interno della società occidentale. Detto questo, in generale, non ho mai sopportato l’approccio vittimista. Se non ti vanno bene delle cose fai direttamente qualcosa per provare a cambiarle, con un minimo di lucidità sia chiaro. Credo sia un dovere provare a fare qualcosa nel proprio raggio di azione, all’interno della comunità di cui si fa parte. Non ho mai pensato che si potesse cambiare il mondo e credo che certi sistemi siano veramente troppo complessi da modificare perché in ballo ci sono delle dinamiche di potere molto strutturate e che coinvolgono anche le paure degli esseri umani fino ad arrivare a volte ad un certo livello di masochismo.
In ogni caso Cipria mi sembra un esperimento sociale molto simpatico e leggero che, nel suo piccolo, qualcosina fa.

F. Adoriamo le illustrazioni realizzate per Cipria! Per quale motivo avete deciso, nella maggior parte dei casi, di utilizzarle come locandine degli eventi al posto delle più comuni foto?
A. Inizialmente era una questione ideologica. Storicamente la presenza della donna in club è sempre stata contemplata attraverso un investimento plastico rispetto al suo corpo. O era la cubista, o la bambolina che ballava dietro il dj, oppure quella con cui bisognava provarci. Ho sempre desiderato che la sensualità fosse protagonista delle serate ma smarcata da un vettore così sessualizzato (a quel punto tanto vale stare in macelleria). Quindi per smarcare il progetto da quel tipo di ambiguità vischiosa aveva senso comunicare in un modo che non aveva nulla a che vedere con quel repertorio. Per le prime due stagioni le nostre locandine sono quasi sempre state solo illustrate. Quando si è capito che il progetto aveva a che fare con altro ed anche il nostro pubblico ha recepito questa cosa allora è stato possibile introdurre il corpo femminile anche nella comunicazione. Anche perché, diciamocelo, poche cose sono belle come delle ragazze che ballano felici, è praticamente polvere di stelle…

F. Per quanto riguarda i ragazzi? Contate molti maschietti all’interno dei party di Cipria? Cosa pensano del progetto?
A. Abbiamo abbastanza tutte le tipologie di dancers rappresentate a Cipria. Non mancano quelli che io definisco i ragazzi “evoluti” nel senso che vengono al party per goderne a pieno in tutte le sue sfaccettature e non per provarci con le ragazze.

F. CIPRIA è una parola italiana e noi non potremmo esserne più felici. Quanto è importante per te e per la tua crew, realizzare qualcosa per le giovani donne italiane nel tuo paese, utilizzando anche grandi risorse quali ad esempio il FAI, ente con la quale collaborate da ben due anni?
A.  L’esperienza con Villa dei Vescovi (bene del FAI), nostra residenza estiva nell’estate 2015 e 2016 è stata molto positiva perché fa il paio con il nostro progetto che è legato alla bellezza (non quella standardizzata sia chiaro, la bellezza che si può nascondere in molte cose). Quando abbiamo iniziato a fare gli eventi lì ci sembrava di stare in un film di Wes Anderson, a quel punto perché andare a fare party in un basement? (che poi, sia chiaro, io adoro i basement, come tutte le room piccole –dico sempre, dj piccola, room piccola- spazi che io prediligo perché si riesce a raggiungere sempre un bel livello d’intensità, pressione ed energia anche con dischi molto complessi da suonare in pubblico).
Cipria è stato scelto come nome perché è italiano e si rifà ad un sistema di valori d’antan. Questo al netto della tendenze, è un modo di vedere il mondo molto più ampio.

F. Pensando a Cipria, noi prevediamo un futuro brillante, pieno di grandi e piccoli traguardi tutti rosa. Quali piani avete in serbo per Cipria?
A. Speriamo di riuscire a creare più occasioni d’interazione con la creatività al femminile nell’arte. Stiamo lavorando alla presentazione del nostro ultimo editoriale realizzato da Giulia Agostini  alla Galleria Ono Arte di Bologna e vogliamo implementare quel nostro lato di sperimentazione. Continueremo a cercare bellezza dove nessuno la vede o dov’è molto nascosta e proveremo anche a stendere la Cipria in altri luoghi. Ho sempre pensato che non dovesse essere Cipria ad adattarsi al resto del mondo ma dovesse essere il mondo a diventare un po’ più Cipria.

F. A noi di SoapOpera piace definirci #busysexyeasy, o almeno ci proviamo? Qual’è l’hashtag di Cipria?
A.  Gli hashtag sarebbero #shinyhappyhectic anche se in questo periodo sto usando molto #poracciamadiva. Ho iniziato a lavorare come cameriera durante le stagioni estive a 16 anni per avere dei soldi da usare quando era ora di comprare dischi ed andare ai concerti. Mi sono sempre fatta il mazzo per riuscire a fare ciò che desideravo ed ho sempre detestato gli ambienti posh o quelli in cui si misurava il valore delle cose in base alla loro ricchezza intrinseca, quindi direi che mi rappresenta parecchio come hashtag. Oltretutto svolgendo attività in ville, castelli e palazzi è un attimo che si crei confusione rispetto al fine ultimo (che poi è quello di rendere la bellezza di certe esperienze accessibile a tutti e non appannaggio di pochi).   Se si va sul nostro account instagram poi gli altri hashtag che non mancano mai sono #disco, #mirrorball, #glitter etc…

F. Se Cipria fosse: un film, un luogo e una cantante, quali sarebbe?
A. Se Cipria fosse un film sarebbe tanti film in realtà: la Trilogia dei colori di Kie?lowski, In The mood for Love di Wong Kar- Wai ed un sacco di opere della Nouvelle Vague.
Se Cipria fosse un luogo, sarebbe infiniti posti (sarà per quello che ci siamo date al nomadismo?), se invece fosse una cantante sarebbe una miscela di Loleatta Holloway, Evelyn King, Norma Jean Bell & St. Vincent.

F. E se SoapOpera fosse un cocktail servito ad un party di Cipria, quale sarebbe?
A. Sarebbe sicuramente il nostro prossimo pink cocktail (ne abbiamo fatte mille varianti ma quella inventata da Luca Sabbadin di Aperitivo al Verde per in nostro prossimo evento, è la più SoapOpera)= Vodka, Liquore alla ciliegia, Liquore al Lampone, Earl Grey Tea e Lime .


FOLLOW US ON - INSTAGRAM - FACEBOOK - PINTEREST - VIMEO - YOUTUBE
#TheMysticIssue
placeholder
#TheTravelIssue
placeholder
#TheMenuIssue
placeholder
#TheWorkIssue
placeholder
#TheItalianIssue
placeholder
SoapOpera
Culture is the best served on high heels
© SoapOpera Fanzine 2014-2022