SOAPOPERAFANZINE

#Weekly

SOAPOPERA MEETS VIRGO

// About the land of sparkling and girl power

AN INTERVIEW BY SOFIA TIEPPO

We met Giulia and Giangi, the minds behind Virgo: following the “Girl Power” trend, it is one of the fanciest events in Milan if you want to party on Friday night. The first things you notice when you enter The Rocket is its pink neon sign “Virgo” as well as the two lovely humans (Giulia and Giangi) that welcome you inside, and buy you a drink every now and then. On this Friday, just before Christmas, two new girls are joining the girly team: Cipria and Pailette. Together they’re part of three different groups girly and witty, sharing the claim “Be the girl you want to be”.  Virgo is an event that comes from different minds, all with a common desire: give a space to all girls where they can be free to express themselves. With some glitters from the 70’s soft porn, this is the girl night where everyone can party, dance and have fun.

 


Sofia. Ciao Giulia and Giangi! A brief presentation
Giulia. I live in Milan, but I often go back to Veneto where I work. I arrived in Milan six years ago to study Art Direction & Graphic Design in Naba. Now I work in a totally different sector, but if I hadn’t studied the basis of visual communication and program application , certainly I wouldn’t be here. My job is focused on two equally important tasks: on one side, Virgo, one the other I work as a Knitwear consultant for the clothing industry (thanks to my studies in Politecnico di Milano). About Virgo, my job is its Creative and Product Direction for which I also have to thank Giangi, all the girls and the Rocket’s team without whom the project wouldn’t exist.
Giangi. My family is from Milan and Amalfi, but I was born in Crema, a small town in Lombardia in the province on Cremona. After I finished my studies in the fashion department of the Istituto Europeo di Design in Milan, I started working together with the director Luca Guadagnino as Visual Researcher and Fashion Consultant, position that I still enjoy after more than three years of working. My job is focused on the aesthetic research, especially in the fashion area, and this brought me to work together with many brands such as Philosophy and Lorenzo Serafini. Now I live in Milan, and, together with Giulia, I carry on the Virgo project, of which I am Art Director.

S. Describe yourself in three words
Giulia. Pane marmellata e me
Giangi. Visionary, dramatic, frivolous

S. How does Virgo begin? Why did you decide to create this event in Milan? What does it mean to you?
G&G. The idea of Virgo starts from casual talking in a coffee shop, last winter, in the afternoon. Since we were both passionate supporters of Girl Power we felt that we needed to create a group of girls of strong personality, that wanted to express themselves. Subsequently, the Rocket came on, legendary club of the Milanese underground scene, and it grew interest in our project, so it offered us to run its Friday night. Since then the club became our private space, our “room”, where the girls of our group, “Le Virgo”, are the undisputed masters, and Friday night is now our weekly appointment to celebrate femininity in every form and aspect, where every girl can be free of her inhibitions and insecurities, and have fun without feeling ashamed for being herself and a woman. Carrying on a Girls Night was very hard in the beginning, but now we’re getting a lot of approval and, most of all, we see that girls around us were really waiting for an event like this. This means a lot to us.

S.Where does your aesthetic and your mood research begin?
G&G. The aesthetic background of Virgo find its roots in the erotic universe of the 70’s, the years of the sexual revolution, one of the highest periods of freedom for the woman’s body and sexuality. Our research rotates around the soft-porn, the cinema, fashion and music of those years. Everything has been re-interpreted and actualized with a girly and ironic mood, witty and ingenuous, and filtered with colourful pastels, neon lights and glitters. For these reasons we find Cicciolina as one of our most important references, both conceptually and stylistically. With her flowers and wreaths and her sugary world she became of symbol of an era. She fought against moralism and patriarchy using the most dangerous weapon: her body.

S.What is the reason of this collaboration? Do you have others in mind?
G&G. We did a lot in these months and we wanted to find the best way to celebrate the birth of this project. We’re always open to work with others that share our ideals, so we thought we could invite Alice, founder of Cipria, and the girls of Paillette, to join us and have fun while dancing disco-music. Joining our forces and build a net of connection between these three pink words, our message will be stronger. We believe that mutual support is very important, especially among women. Society brings competition, now the time to show that women can cooperate has come, and when they do, they do it with excellent results. We have a lot in mind for the future, but for now, it’s still work in progress. Keep it quiet!

S. We of SoapOpera like to define ourselves #busysexyeas, or at least we try. What’s your hashtag?
G&G. Our hashtage is #bethegirlyouwanttobe, and it will be also the title of our event on 16 December. It’s a true claim for all girls, and for every woman even if not biological. It’s a encouragement to be yourself and to accept yourself, your diversity and flaws, differently how the society wants you to be. Our Virgo girls and our two “Virgo Boys” are the perfect ambassadors of this thinking, they’re authentic people, smart, with a strong individuality and desire to express themselves. They’re perfect in their normality and with their flaws, and they share the same ideal as us: be whatever you want to be and don’t let anyone stop you.


Meets Virgo here:
Virgo on Facebook
Virgo on Instagram
and don’t miss the last Virgo of the year here https://www.facebook.com/events/334239326960779/

 


Abbiamo incontrato Giulia e Giangi, le menti dietro a Virgo: la realtà girl power diventata una delle serate più frizzantine per ballare il venerdì a Milano. All’entrata del Rocket verrete accolti dall’insegna neon rosa Virgo e da loro due, che vi faranno sentire come a casa, allungandovi dei drinkini di tanto in tanto. Questo venerdì, poco prima di Natale, accoglieranno nella loro “cameretta” personale le componenti di due realtà girly: Alice di Cipria e le ragazze di Pailette. Tre collettivi indipendenti, femminili e ironici uniti sotto il claim “Be the girl you want to be”. Una serata campeggiata da tre anime distinte ma con un desiderio comune: dare spazio a tutte le ragazze di sentirsi libere di esprimere se stesse. Quindi eccoci qui, dai reference soft-porn glitterati anni’70 alla girls night in cui divertirsi, abbracciarsi e ballare.

 


Sofia. Ciao Giulia e Giangi, Presentatevi (excursus personale: dove vivete, studi, di cosa vi occupate)
Giulia. Vivo a Milano, ma torno molto spesso in Veneto dove lavoro. Sono arrivata a Milano sei anni fa per studiare Art Direction & Graphic Design alla Naba. Ora faccio tutt’altro, ma se non avessi mai studiato le basi della comunicazione visiva e l’applicazione dei programmi, sicuramente non sarei qui. Ad oggi mi occupo di due cose a parità d’importanza, da un lato Virgo e dall’altro consulenza di maglieria (studiata precedentemente al Politecnico di Milano). Per Virgo mi occupo di tutta la direzione creativa e di prodotto, certo è che senza Giangi, tutte le ragazze Virgo e il team del Rocket questo progetto non esisterebbe.
Giangi. Le mie origini sono milanesi e amalfitane, ma sono nato a Crema, una piccola e borghesissima città lombarda in provincia di Cremona. Dopo aver portato a termine gli studi nel dipartimento moda dell’Istituto Europeo di Design di Milano ho iniziato a collaborare con il regista Luca Guadagnino come Visual Researcher e Fashion Consultant, ruolo che continuo a ricoprire da più di tre anni a questa parte. Il mio lavoro, incentrato sulla ricerca estetica, ha un costante focus sulla moda, e questo mi ha portato a collaborare, oltre che in ambito cinema e video, anche con brand e uffici stile, come per esempio Philosophy di Lorenzo Serafini.
Oggi vivo a Milano, e insieme a Giulia, porto avanti il progetto Virgo, di cui sono Art Director.

S. Descrivetevi in tre parole
Giulia. Pane, marmellata e me.
Giangi. Visionario, drammatico, frivolo.

S. Come nasce Virgo? Come mai avete deciso di creare questa serata a Milano? Che cosa rappresenta per voi?
G&G. L’idea di Virgo nasce da una nostra chiaccherata piuttosto casuale in un bar, un tardo pomeriggio dell’inverno scorso. Siamo entrambi degli accaniti sostenitori del Girl Power e abbiamo sentito quindi l’esigenza di creare un collettivo di ragazze dalla forte personalità, che avessero qualcosa da dire, che avessero voglia di esprimersi e di confrontarsi. Successivamente è subentrato il Rocket, storico locale della scena underground milanese, che, interessato al nostro progetto, ci ha proposto di prendere in mano la gestione del venerdì sera. Il club è quindi diventato il nostro spazio privato, la nostra “cameretta”, dove le ragazze del nostro collettivo, “Le Virgo”, sono le padrone di casa indiscusse, e il venerdì è ormai il nostro appuntamento settimanale di celebrazione della femminilità in ogni sua sfaccettatura, il momento in cui ogni ragazza si libera delle proprie insicurezze e inibizioni e si diverte, senza nessuna vergogna di essere se stessa e di essere donna. Portare avanti una girls night è stato faticoso, ma stiamo raccogliendo consensi e soprattutto, vediamo che le ragazze attorno a noi sembravano non aspettare altro che un momento tutto dedicato a loro. Questo ci rende davvero felici.

S.Da dove parte la vostra estetica e la vostra ricerca a livello di mood?
G&G. Il background estetico di Virgo trova le sue radici nell’universo erotico degli anni ‘70, decennio della rivoluzione sessuale, in cui le rappresentazioni della corpo della donna e della sessualità femminile raggiungono uno dei livelli più alti di libertà. La nostra ricerca si muove continuamente tra il soft-porn di quegli anni, il cinema, la moda e la musica. Tutto ciò è stato reinterpretato e attualizzato in un mood ironico e girly, maliziosamente ingenuo, filtrato attraverso colori pastello, luci al neon e glitter scintillanti. Per queste ragioni possiamo identificare Cicciolina come una delle nostre references più importanti, sia concettualmente, sia dal punto di vista stilistico. Con le sue coroncine di fiori e il suo mondo di zucchero è diventata simbolo di un’epoca, ha lottato contro il moralismo e il potere maschile utilizzando la più rischiosa delle armi: il proprio corpo.

S. La serata Virgo in occasione della chiusura invernale collaborerà con Paillette e Alice, la fondatrice di Cipria, che sarà anche dj-guest della serata. Come mai questa collaborazione? Avete in programma altre collaborazioni per la prossima stagione?
G&G. Abbiamo fatto tanto in questi mesi e volevamo trovare un modo per celebrare al 100% la nascita del progetto Virgo. Cerchiamo sempre di collaborare con mondi esterni ma affini a noi e al nostro pensiero, quindi abbiamo pensato di unirci ad Alice, fondatrice di Cipria, e alle ragazze di Paillette, perché sono dei collettivi femminili come noi, che si esprimono e si divertono a colpi di disco-music. Unendo le nostre forze e creando una rete di connessioni tra questi tre mondi in rosa, il nostro messaggio avrà sicuramente una voce più forte. Crediamo inoltre che il supporto reciproco sia molto importante, soprattutto tra donne. La società è sempre pronta a creare competizione, è giunto il momento di dimostrare che le ragazze sanno collaborare, e quando lo fanno in modo corretto, i risultati sono ottimi. Per quanto riguarda il futuro abbiamo in progetto molte cose, ma è ancora tutto work in progress. Segreti, segretissimi!

S. A noi di SoapOpera piace definirci #busysexyeasy, o almeno ci proviamo. Qual è il vostro hashtag?
G&G. Il nostro hashtag è #bethegirlyouwanttobe, e sarà anche il titolo della nostra serata il 16 Dicembre. E’ un vero e proprio claim per tutte le ragazze, e per chiunque si senta una ragazza anche se non è biologicamente femmina. E’ un incoraggiamento ad essere se stessi e a volersi bene così come si è, accettando la propria diversità e i propri difetti aldilà dei canoni imposti alla massa. Le nostre Virgo, e i nostri due “Virgo Boys”, sono gli ambassadors perfetti di questo pensiero, sono ragazzi veri, con un cervello, una forte individualità e una forte voglia di affermare loro stessi. Sono bellissimi nella loro normalità e con le loro imperfezioni, tutti diversissimi tra loro ma uniti dalla causa che stanno portando avanti con noi: sii qualunque cosa tu voglia essere, e non permettere a nessuno di impedirtelo.

 

 

FOLLOW US ON - INSTAGRAM - FACEBOOK - PINTEREST - VIMEO - YOUTUBE
#TheMysticIssue
placeholder
#TheTravelIssue
placeholder
#TheMenuIssue
placeholder
#TheWorkIssue
placeholder
#TheItalianIssue
placeholder
SoapOpera
Culture is the best served on high heels
© SoapOpera Fanzine 2014-2022