SOAPOPERAFANZINE

#Beauty

SOAPBEAUTY: HERE AFTER

// No walls needed

AN INTERVIEW BY SILVIA PISANU

I met the stylist Alice Manfroni in front of a red wine glass not only because it helps with the chit chat but also because, as we all know, wellness starts from pleasure, not intended as exaggeration, but more as one of the noblest form of self-knowledge we can aspire to.
She told me a bit about her project Here After: seven essential oils which stand for other seven important things scattered around the world.

Silvia. Hello Alice. So tell me a bit.
Who is Alice Manfroni and how does she relate to the beauty world ?

Alice. I am a proper fashion stylist: I studied for it and I’m actually doing it so everything went pretty how it was supposed to go. I enjoy my job a lot, especially exploring the new future ways of styling beyond the editorial side of it, which can include consulting and many other things. Trying to make things work here and there, from rushing to one appointment to the other in the milanese everyday’s stressful life and also because I’ve been passionated to this practise for all my life, I finally started practising yoga 4 years ago.
Practising it became something holy to me, it is mostly related to getting to know ourselves first: I call it “psychoanalysis without the psychoanalyst”. It helps you understand who you are, what you like or dislike, not to get stuck in situations which aren’t good for you anymore and makes you feel more opened towards people you were judging and had prejudices about.
Yoga opens (and closes) the right doors for you.
It is the perfect natural medicine in this moment of my life and I feel like it will always be because it is just right for every moment of our existence.
Listening to your own breath for one hour and a half is something you wouldn’t normally do, let’s be honest. Feeling the air going inside from your nostrils and entering the whole body it is quite of an amazing sensation. I read an article about introducing this technique in schools instead of PE. Quite interesting, uh?
All this meditating started a kind of more business related topic: something that could associate yoga practise with essential oils. I already used some from this super hippie brand and I already perceived the benefit they were bringing. They help you with breathing in your micro environment constituted by their fragrance, you and your exercise mattress. After a while I finally asked myself..why not starting making my owns? I met this guy who owns an herbal medicine’s company and we thought of introducing HERE AFTER, a collection created by me in the name and packaging but mostly together when inventing the various blends – he also practises yoga, loves to travel and being in contact with wild nature.
The logo was created from a dear friend of mine from Rimini. She inserted the two moons because the mystic world is something which always fascinated me.
I felt really like an alchemist when I was testing weekly the perfumes which were proposed to me through a glass cannula…. That’s how my various fragrances were born, a diverse blend with can perfuse different kinds of people.

Silvia. What do you want to communicate with the name?
Alice. HERE AFTER is a name which sounds good first of all, I really like the yoga related idea which says: “Here we face, we cure, we elegy ourselves, trying to be better people with ourselves and with others. We try to be balanced healthy people, opening ourselves to the rest of the world with no walls needed. I need the others to know me for what I am.’’

Silvia. From outer appearance to inner curation: do you think one goes with the other?
Alice.
I do really think so. I always look for gorgeous people and spaces, searching a kind of extreme beauty in everything and I think that before searching for a nice holiday spot, a beautiful dress, a fancy restaurant and so on, the main point is feeling good about yourself in order to be able to see that beautiful image. Otherwise you wouldn’t be able to understand it, ending up with being grateful for a beautiful outline and feeling horrible deep inside. It doesn’t make sense.

Silvia. Why a limited edition line?
Alice. The oils are limited because I know I will always feel the need to change the blends, either because I will get tired of them or simply because I’ll discover something new.

Silvia. How did you follow the practical phases in the products creation?
Alice. This was the step which took away most of my time. A portion of time which I consciously gave away.
Mr. Ermanno personally asked me to participate to the mixing process.
His way of working is more technical, mine mostly follows the instincts.
Once a week i was going to try the new oils he was preparing.
He cultivates a huge variety of things, including sage which I also sell after it get dry in greenhouses structures.
In the Here After line there are also two incenses, Palo Santo and Salvia, which can be burnt at home for a purifying and hyper natural effect. Basically I literally put my nose in it defining the specific perfumes.
I am a patchouli lover, which I think is the only scent to have its own life and soul.

Silvia. Which are the benefits that come with it?
Alice. You can put them on your chest, neck and wrists before practising…
They last longer and they’re also absorbed from skin differently from other perfumes. They ease from tension and stress. You can use them to create your own peculiar smell inside a space as an ambient fragrance. You can mix them with massage cremes.
Some of them are very good for breathing problems too.

Silvia. The oils are seven. Is it random ?
Alice. It’s a number which casually came when we were preparing them because they ended up being exactly that amount. Thinking about it later, 7 are also the days part of a week and solar system planets. Seven are the chakras and the names of the spirit by Rudolf Steiner.

Silvia. Is there a connection with Rudolf Steiner in your work?
Alice. His essay explores the various steps of self knowledges starting from a body, the shell, transforming into a spirit-soul to finally become the internal part, the fulcrum, of what we are and nobody can see in our whole existences. These steps refer to different stages of knowledge and my oils, which are not referring to a more distant or closer stage, are kind of all on the same level, there to help through a smell.
A smell that can guide you in a journey through memories and sensations.

Silvia. Where can we find your oils ?
Alice. At the moment they’re on my website.
I will soon have different appointments with various realities interested in my work – one of which I will quote, regardless of their final answer would be, since I’m really proud of their interest: 10 CORSO COMO.

(After our meeting Alice had the confirmation that her oils were really appreciated and will soon be inserted in the store!).

Silvia. Feedbacks and future ideas?
Alice. The direct messaging on Instagram is what I love the most. I even shipped outside of Italy! I feel it is more confidential than emails or website contacts.
It is kind of a face to face service. It may not stay this way for ever because it is kind of a long chatting procedure. I wish the future to be more of an instant buying, but people today feel the need to get to know the product so I had to deserve my customers some of my time to pamper them and make them fall in love with the products.
In the meantime I’m moving to find more retailer contacts in Milan, Cesena and Romagna.. the last two dued to my origins.

Silvia. What do we miss today for a concrete “wellness”?
Alice. We essentially miss listening to ourselves and love each other a bit more. Doing what we really want to do in that actual moment is really hard. I often lost time stuck in circumstances that didn’t provide me with anything essential and that time is gone now…

Silvia. If you had a magic wand and one unique desire what would be the eternal and certain thing to gift yourself?
Alice. Happiness that I must find within myself because I won’t find it in anyone else and that’s exactly how what we talked about comes around: it is kind of a circle which finally closes.

Meet HERE AFTER here!

Words by Silvia Pisanu
Translation by Amanda Luna Ballerini.

 

ITA

Ho incontrato la stylist Alice Manfroni davanti a un bicchiere di rosso perché concilia le chiacchiere e soprattutto perché il benessere parte anche dal piacere che non è esagerazione ma la più vicina e possibile conoscenza di se stessi. Mi ha raccontato del progetto Here After: sette oli essenziali come sette sono tante altre cose sparse per il mondo.

Silvia. Chi è Alice Manfroni e cosa la mette in relazione con il mondo beauty?
Alice.
Sono una stylist: ho studiato per questo e faccio il lavoro per il quale ho studiato quindi tutto fila nella norma. Mi diverte ancora molto il mio mestiere e mi diverte soprattutto esplorare le nuove frontiere dello styling che non è prettamente editoriale ma può essere anche consulenza e le tante altre cose che ne derivano ma, forse, per cercare di “starci dentro” con il discorso delle tempistiche, della fretta, della quotidianità milanese e un po’ perché è stata sempre una disciplina che mi ha affascinata ho cominciato, quattro anni fa, a praticare yoga.
Praticare yoga è santissimo.
È un discorso legato al conoscersi: lo definisco “la psicologia di se stessi senza andare dallo psicologo”. Ti porta a sentirti, a capire che cosa hai voglia o non hai voglia di fare, ti aiuta a non violentarti dentro situazioni in cui non vuoi più stare, a essere più aperta verso persone che valutavi “no” e verso le quali avevi pregiudizi. Ti apre e ti chiude, allo stesso tempo, verso i giusti canali. È la medicina naturale perfetta per me in questo momento e probabilmente non l’abbandonerò mai perché va bene in ogni istante della vita. Per un’ora e mezza ascolti il tuo respiro e quando mai ti capita di farlo durante la giornata? Sentire che entra nelle narici e scorre nel corpo: una sensazione bellissima. Ho letto un articolo che racconta della volontà di introdurlo nelle scuole al posto dell’attività fisica.
Da tutto questo è partito un discorso più vicino al business: qualcosa che potesse coadiuvare lo yoga con gli oli essenziali. Li usavo già di una marca molto fricchettona e ne vedevo i benefici. Aprono la respirazione, ti annusi in un micro nucleo in cui sei tu e il tuo tappetino e con il tempo mi sono detta: perché non crearne qualcuno mio?
Ho conosciuto un signore che ha un’azienda di erboristeria e insieme abbiamo pensato di introdurre HERE AFTER, collezione nata da me nel nome e nel packaging ma nata insieme a lui, altro praticante yoga, viaggiatore e amante della natura incontaminata, nelle miscele. Il logo, invece, l’ha ideato una mia cara amica riminese. Ha inserito le due lune perché un altro mondo che mi affascina è quello mistico. E proprio come un alchimista settimanalmente andavo a sentire le profumazioni che mi venivano proposte attraverso una cannula di vetro… così sono nate le mie fragranze, un insieme diversissimo che può avvolgere sette differenti tipi di persone.

Silvia. Il nome cosa rappresenta? Che cosa vuoi trasmettere?
Alice.
HERE AFTER
è un nome che suona bene, mi piace l’idea che è legata soprattutto allo yoga nell’intendere “Qui: affrontiamoci, curiamoci, eleviamoci, cerchiamo di essere persone risolte ora, nel tempo moderno, esattamente dove siamo per poter essere migliori con noi stessi e anche con gli altri.
Cerchiamo di essere persone equilibrate, persone che stanno bene.
Persone aperte che non hanno bisogno di muri.
Devo farmi conoscere e vedere per quello che sono”.

Silvia. Dall’estetica alla cura interiore: le due cose vanno di pari passo?
Alice. Tantissimo. Io cerco immagini di donne, uomini o semplicemente spazi belli, bellissimi esteticamente, quello che ricerco è sempre una bellezza estrema in tutto e secondo me prima di arrivare ad una bellezza esteriore, prima di cercare un posto bello per le vacanze, un abito bello da indossare, un ristorante bello devi essere a posto con te stessa perché se non è così l’immagine splendida che ti trovi davanti non la sfrutti, non sei in grado di coglierla quindi per assurdo sei gratificata da un contorno incredibile ma tu stai male dentro. Non ha senso.

Silvia. Perché una LIMITED EDITION?
Alice. Gli oli sono in edizione limitata e questo accadrà spesso perché so già che vorrò cambiare delle miscele perché mi stuferanno o semplicemente perché scoprirò nuove cose.

Silvia. Come hai seguito la preparazione pratica dei prodotti?
Alice. Questa è stata la parte che mi ha portato via più tempo, un tempo che ho dato in maniera consapevole. Il signor Ermanno mi ha chiesto di partecipare attivamente alla miscelazione. Lui ha una logica più tecnica, io più di istinto. Una volta a settimana sono andata a provare i nuovi oli che lui preparava.
Coltiva di tutto: dalla salvia che poi io vendo, essiccata all’interno di serre – in HERE AFTER infatti ci sono anche due incensi da ambiente: PALO SANTO e SALVIA che puoi bruciare in casa per un effetto purificatorio e naturalissimo.
In sostanza io c’ho messo il naso e l’inclinazione verso qualche specifica profumazione. Sono un’amante del patchouli che ha un’anima a sé ed è l’unico ad avere vita propria.

Silvia. Quali sono i benefici che ne derivano?
Alice.
Metteteli sul torace, sul collo e sui polsi prima di praticare…
Durano molto di più e soprattutto vengono assorbiti dalla pelle in una maniera diversa dai soliti profumi. Alleviano dei momenti di tensione, di stress. E poi si possono utilizzare per l’ambiente quindi crei la tua profumazione all’interno di uno spazio facendo sentire parte di te. Si possono anche miscelare con delle creme da massaggio. E qualcuno è adattissimo a problemi respiratori.

Silvia. Sono sette: un numero casuale?
Alice.
È un numero venuto a caso a livello di preparazione perché non ne avevamo né più né meno di sette.
Ma pensandoci sono i sette giorni della settimana, importantissimi.
I pianeti. I sette chackra e i sette nomi dello spirito di Rudolf Steiner.

Silvia. C’è quindi un nesso con Rudolf Steiner?
Alice. Sì, il suo saggio esplora i vari step sulla conoscenza di se stessi che partono da un corpo, da un involucro per passare a uno spirito e per arrivare a un’anima quindi alla parte più interna, al fulcro di quello che siamo e che nessuno di noi riesce a vedere sulla faccia della terra in tutta la vita. Questi step rappresentano vari gradi di conoscenza e i miei oli, che non si riferiscono a un grado più lontano o più vicino, è come se fossero, sì, tutti sullo stesso piano per dare un aiuto, l’aiuto che ti può dare l’olfatto in un viaggio attraverso ricordi e sensazioni.

Silvia. Dove si trovano?
Alice. Attualmente sul mio sito. Ho poi diversi appuntamenti con realtà e una di queste la cito a prescindere da come andrà perché già l’interessamento mi rende orgogliosa: 10 CORSO COMO.

(Dopo il nostro incontro Alice ha avuto la conferma che i suoi oli sono stati apprezzati e inseriti nello store).

Silvia. Feedback e idee per il futuro?
Alice. Il direct su Instagram è quello che colpisce più di tutto. Ho anche spedito fuori dall’Italia. Credo sia un discorso più confidenziale della email o del sito.
È come se fosse un servizio face to face.
Certo non potrà essere così all’infinito perché è una messaggistica molto lunga, in futuro vorrei un buying più immediato ma oggi il prodotto deve farsi conoscere e mi sono data del tempo per “coccolare” e far entrare in questo mondo chi ha interesse verso i miei prodotti.
Mi sto muovendo per trovare contatti di negozi su Milano, Cesena e Romagna, parte data dalle mie origini.

Silvia. Cosa manca oggi per un reale benessere?
Alice.
Essenzialmente ascoltarsi tanto e volersi bene. Fare ciò che davvero si vorrebbe fare in quel preciso momento. Io mille volte ho perso tempo più a rimanere in delle circostanze che se ci penso ora… lì di essenziale c’era poco perché è tempo che è andato e non ritorna più.

Silvia. Se avessi una bacchetta magica e un unico desiderio che cosa ti regaleresti di certo ed eterno?
Alice.
La felicità che devo trovare prima di tutto in me stessa perché non la posso trovare in nessun altro ed è da qui che parte tutto il discorso fatto fino a ora: è un cerchio che si chiude…

Meet HERE AFTER here!

Intervista a cura di Silvia Pisanu
Traduzione Amanda Luna Ballerini.

FOLLOW US ON - INSTAGRAM - FACEBOOK - PINTEREST - VIMEO - YOUTUBE
#TheWorkIssue
placeholder
#TheItalianIssue
placeholder
#ThePuppyIssue
placeholder
#TheMovieIssue
placeholder
#The90sIssue
placeholder
SoapOpera
Culture is the best served on high heels
© SoapOpera Fanzine 2014-2018