SOAPOPERAFANZINE

#Weekly

SOAPMUSE: JOAN THIELE

// A wave of talent and musical honesty

AN INTERVIEW BY FEDERICO BORATTO

Have you ever fallen artistically in love with individuals who you have never actually met? A platonic interest in the thoughts and passion coming out from a voice?
Phone-calls in which you are lucky enough to talk to and interview those artists you incredibly admire and with whom you really wish you could spend more time with, to better ‘extract’ and capture the thoughts of whom is capable to assemble so much beauty through his/her art.

Joan Thiele is one of those individuals.
A multi-faceted artist with an appetite for experimentation, a brilliant talent and ability to translate her “hints” into texts, melodies, and charming walks among her cerebration.
Listening to her music is extremely refreshing for an Italian artist whom for roots, desires, and experiences sets her sight and influence outbound with an enviable fluidity. Extremely European, but with a sound influenced by Latin-America and a couple of Americas above too, she is able to reconcile trip-hop melodies with the sound of the great 80’s pop anthems, which I have personally always madly worshiped.

Born in 1991, Alessandra Joan Thiele “cracked” the music scene with the single Save Me, with which she climbed the music charts and a pan-European notoriety. With her parent company  Universal she released her first “namesake” album (aka Joan Thiele) in 2016, showcasing her talent to the “great audience”.
This phone call was beautiful, extremely beautiful. A long exchange of thoughts and beliefs and here, with the slightest editing possible, I’ll let you guys & girls read it.

P.s I can’t stress enough how much better your reading will be with a few tracks of J.T in the background (do it, it’s really worth it).

Federico. Like all interviews, let’s start with a question, sometimes cliché but necessary: where did your desire to become an artist came from?
Joan. The passion for music is something that has always resonated with me since I was little; I do not have a very precise memory of the first moment where I fell in love with the world of music. It was always a dream of mine to be part of this world.
When as a child they used to asked me “what job would you like to do when you grow up” my answer was always the same: “I would love to sing / become a musician“.
During Middle School, I was very fond of Led Zeppelin, I had fallen madly in love with them and i got to say they have been my gate openers to years and years of intense and “compulsive” music listening. Everything started with my babysitter at a time when I was about 10-11 years old. She was a fan of Led Zeppelin and gave me as a gift Led Zeppelin IV, so partially I have to give a big thank to her. However, the wish and the desire to search and discover new sounds and music genres was always there.

Federico. You carry within you a fascinating “luggage” of multiculturalism, how influential it was in and for your artistic growth?
Joan.
My father has Latin American origins, Colombian to be precise, but he carries numerous mixes and origins too. This multicultural aspect of my family has greatly influenced my artistic growth. Not so much in terms of DNA, but it has more to do with what this multiculturalism led me to discover. A matter of traveling, a matter of being contaminated by everything you see and experience. I am very curious by nature and I hope this plays through my music too.

Federico. It is often asked – especially to young artists – which artist are his/her inspiration to better identify the artist itself, instead I would like to ask you: how would you like to be identified?
Joan.
I find it difficult to describe myself. Personally, music is not a matter of genre but a matter of feeling, an array of details that together create the whole. I enjoy creating bonds in each and every song, each one has its own sound, every story you tell through music carries a distinct sound each time.

Federico. What choice led you to use English as your “singing language”? is it because you find IT more suitable to tell stories or a way to broaden the landscape of who can understand your music?
Joan.
I should start with a premise: my first approach to writing was in English when I was living in the UK. Therefore, when I started to seriously think about turning this into my real job, the use of English developed in a very natural way, mainly because my musical background is and was very Anglo-Saxon driven. Using one language instead of another does not really change your personal goals in making music; language must not become an artistic limit. Writing music is a visceral gut feeling, the language in which you write and sing is just a vehicle.

Federico. Each artist tries to convey his vision of beauty, how do you find your vision of beauty and how do you try to reach it?
Joan.
There are “dots” that coexist in my head. For “dots” I mean an universe of ideas, of circumstances that represent my ideal of beauty. Sometimes is a beauty made of melancholia that unfolds different moods. Personally, I believe that absolute beauty is never achievable, I’m never fully satisfied, but the thought of “I could have done this, I could have done that” is always the starting point for the creation of the next song, of future materials.

Federico. You are a young woman living in the music world, which has often been dominated, especially in the behind the scenes, by men. Where do you still encounter difficulties in your environment and how do you think the music scene should improve for your gender?
Joan.
I am very happy at this moment, I see around me the birth of interesting realities for women in the music business. Despite the music in the past being influenced by the male gender, today, the talent emerges regardless of the artist’s gender.

Federico. So it is not a gender issue but a matter of talent?
Joan.
Exactly, it is an extremely competitive world and if you do not have talent, you have to have other weapons at your disposal. For example, I am very uncompetitive by character; I have always been like this since I was little, this is why I had to find other “weapons”. Everyone has to do its own thing because, in the end, there is room for everyone that has something to say. This is why I’m not even sure that the word “competition” is the right word, perhaps it is more about the desire to be heard and the ability to don’t step on anyone’s toes.

Federico. In a world where art is now readily accessible to most, how can one distinguish myself-herself from the mass?
Joan.
It’s difficult, I’m fully aware that the level is incredibly high in the music scene, however, has always been as it is now, the only difference being more media coverage than in the past. What I’m noticing is that today’s sincerity and genuineness always wins. You have to be honest with what you do, you really have to believe in it. People start to value and appreciate you when you appreciate and value yourself too, you have to really love what you do. If you are not passionate about what you do you there will always be difficulties to emerge from the mass. This is perhaps the “secret” to stand out from the mass, to be truly sincere in what you do.

Federico. In your music there are multiple influences: from trip-hop to synth pop, passing to R’n’B and 60s acoustic rock sounds. How did your sound come about?
Joan.
Everything starts with the guitar, from the acoustic world and then, over time, it develops thanks to my passion for production, electronic music and so on. It’s a sound that has been changing and evolving over time and I do realize that my sound is in constant change, is alive, and is able to evolve every day with me and with my music research and listening. The new album that will be released in 2018 has very different sounds from the last EP. This is why I like to bring my sound towards a constant evolution given by my personal taste and surrounding contaminations.

Federico. Your videos are among the most interesting in the current music scene. There is a strong aesthetic research that goes into it, is it a directive of yours to have videos that reflect the music you sing? is it a process in which you like to take part in?
Joan.
Today, the combination of video and music is one of the most powerful tools of communication available to an artist. Unfortunately, or luckily, sometimes they are part of the same thing, sometimes one affects the other. I really do love it, and I like to “play” while making a video, because the beauty of creating a music video is the ability to play with it, to enjoy it like a game.

Federico. In the song In rainbow you tell the story of your mother through colors… there is a wonderful line “I’ll take care of your colors”.. what does this mean to you?
Joan.
 “
I’ll take care of your colors is a picture”, an image that I thought was beautiful to gift to my mother.
My mother has always taken care of me, just as every mother does or should do. The idea of comparing it to a rainbow, which is the thing that always comes after a moment of rain, a difficult moment, and comparing it to its colors perfectly represents her kindness, her importance, her grace.

Federico. And finally, what would you like your music to become over the years and what can your music lead you to become?
Joan.
I want music to “give me the power” to remain curious about the things I see, those that happen to me, i would like music  to make me grow. Music is an exchange, a do ut des, it allows me to become bigger, more mature, letting me see things in a different way.

Joan Thiele lensed by Andy Massaccesi, Milan, October 2017.
Joan is wearing Aquilano Rimondi, Weili Zheng, Annakiki and Voodoo Jewels.

Styling by Rebecca Baglini, Styling Assistant Cristina Archetti.
Interview by Federico Boratto.
Special thanks to Roberta Giucastro.

Meet Joan here:
25/11 Genova – Bangarang @CrazyBull
08/12 Salerno – Modo
09/12 Napoli – Cinema Hart

NEW VIDEO “FIRE” OUT SOON!

ITA

Vi siete mai intellettualmente innamorati di persone che in realtà non si è realmente incontrato, un platonico interessarsi a pensieri e sentori di solo voce? Succede in telefonate come queste, quando intervisti un artista che ammiri molto e con il quale vorresti davvero spendere del tempo per carpire al meglio i pensieri di colui/colei che, con la sua arte, riesce a riprodurre tanta bellezza.

Joan Thiele è una di queste.
Artista poliedrica con un gusto nello sperimentare e nel tradurre i propri “sentori” in testi, melodie e passeggiate di pensieri.
Ascoltare la sua musica è estremamente rinfrescante, e ci svela una cantante italiana che, per origini ed esperienza, tende verso l’estero con una naturalezza invidiabile.
Profondamente europea, ma vicina a suoni latino-americani e di un paio di Americhe più sù, riesce a conciliare melodie trip hop e il sound dei grandi anthem pop anni 80, che, personalmente, ho da sempre – follemente – adorato.

Classe 1991, Alessandra Joan Thiele si è imposta sulla scena musicale grazie al singolo dal titolo “Save Me“, con il quale ha scalato le classifiche e raggiunto una notorietà paneuropea. Attraverso la casa madre Universal nel 2016 è uscito il suo primo album omonimo (aka Joan Thiele), lavoro che ha definitivamente rivelato il suo talento al “grande pubblico”.

Questa telefonata è stata bella, davvero bella, e qui, con l’editing più magro possibile ve la lascio leggere ed ascoltare con un brano di di J.T in sottofondo (do it, it’s truly worth it).

Federico. Come tutte le interviste, iniziamo con una domanda, talvolta clichè ma necessaria: da dove nasce il tuo desiderio di diventare artista?
Joan. La passione per la musica è qualcosa che mi porta dietro da sempre, sin da quando ero piccola, per questo motivo non ho un ricordo ben preciso del primo momento in cui mi sia effettivamente resa conto di amare così tanto la musica, ma è sempre stato un po’ il mio sogno. Quando da bambina mi chiedevano “quale lavoro ti piacerebbe fare da grande” la mia risposta era sempre la stessa: “mi piacerebbe cantare / fare la musicista
Durante le scuole Medie mi sono appassionata molto ai Led Zeppelin, mi ero innamorata follemente della loro musica e sono stati capaci di aprirmi ad anni e anni di ascolto intenso e “compulsivo”. Tutto è nato grazie alla mia babysitter di quando avevo all’incirca 10-11 anni. Era una fan dei Led Zeppelin e per questo mi aveva regalato Led Zeppelin IV, quindi in parte devo ringraziare lei. Ma il gusto e la voglia di ricercare nuovi suoni o generi era innato.

Federico. Porti come tuo bagaglio un affascinante multiculturalismo, quanto è stato influente nella tua crescita artistica?
Joan.
Mio padre è di origini latinoamericane, colombiane per la precisione, ma porta con sé una miriade di miscugli e di origini. Questo aspetto multiculturale della mia famiglia ha influenzato tantissimo la mia crescita artistica. Non tanto per una questione di puro DNA, ma più per i viaggi che esso stesso comporta, un lasciarsi contaminare dalle cose che vedi, dalle esperienze che vivi.
Io sono di natura molto curiosa e questo – credo e spero – si percepisce anche dalla mia musica.

Federico. Spesso viene chiesto – soprattutto a giovani artisti – a quale artista ti ispiri per poter identificare meglio l’artista, io invece vorrei chiederti come tu vorresti essere identificata.
Joan.
Trovo difficile riuscire a definirmi. Per me la musica non è una questione di genere ma una questione di feeling, un insieme di dettagli che vanno a creare il tutto. A me piace creare un legame con il brano stesso, ogni canzone ha il suo suono, ogni storia che vai a raccontare attraverso la musica porta con sé un sound differente, ogni volta.

Federico. Quale scelta ti ha portato ad utilizzare l’inglese come lingua del tuo cantare? è una lingua che vedi più adatta a raccontare te stessa o un modo per ampliare il panorama di chi può comprendere la tua musica?
Joan.
Parto con una premessa: Il mio primo approccio alla scrittura è stato in inglese quando vivevo in Inghilterra. Il momento in cui ho iniziato seriamente a pensare che questo potesse essere il mio lavoro. L’utilizzo dell’inglese si è sviluppato in maniera molto naturale quindi, dal momento che, comunque, il mio background musicale è molto anglosassone. Ma credo che la scelta di una lingua rispetto ad un’altra in realtà non va a cambiare il fine ultimo del fare musica; la lingua non deve diventare un limite artistico. Scrivere musica, è una sensazione di pancia, viscerale, la lingua ne è solo il mezzo.

Federico. Ogni artista porta la sua visione di bellezza all’interno del proprio lavoro, tu come la individui e per lo meno come tenti di raggiungerla?
Joan.
Ci sono dei “pallini” che convivono nella mia testa. Per “pallini” intendo un universo di idee, di stati che rappresentano il mio ideale di bellezza. Una bellezza talvolta malinconica, triste che va a racchiudere diversi stati d’animo.
Personalmente la bellezza assoluta non la raggiungi mai, io non sono mai totalmente soddisfatta, ma il pensiero fisso “potevo fare questo, potevo fare quello” diventa poi lo spunto per la creazione del prossimo brano.

Federico. Sei una giovane donna che vive in un mondo, come quello della musica, da sempre dominato – soprattutto nel dietro le quinte – da uomini. Dove si incontrano tuttora le difficoltà nel tuo ambiente e come, secondo te, dovrebbe migliorare il panorama musicale per il tuo gender?
Joan. Sono molto contenta al momento perchè vedo attorno a me la nascita di interessanti realtà al femminile in ambito musicale. Questo mi fa pensare che, nonostante la musica in passato sia stata fortemente improntata dal genere maschile, oggi, quando vi è talento, questo emerge indipendentemente dal gender dell’artista.

Federico. Quindi non è una questione di genere ma una questione di talento?
Joan.
Esattamente, è un mondo estremamente competitivo e, se non hai talento, devi avere altre armi a tua disposizione. Io ad esempio che sono molto poco competitiva di carattere, da sempre, sin da piccola, ho dovuto trovare altre “armi”. Ognuno deve fare il suo perchè alla fine, c’è spazio per tutti quando qualcuno ha qualcosa da dire. Che poi non sono nemmeno sicura che “competizione” sia la parola più indicata… forse è più la voglia di farsi ascoltare e non di pestare i piedi agli altri.

Federico. In un mondo dove l’arte è ormai facilmente raggiungibile ai più, come ci si riesce a distinguere nella massa?
Joan.
È difficile, mi rendo conto che c’è anche un livello altissimo attualmente nel panorama musicale, c’è sempre stato ma la differenza è che in passato vi era meno copertura mediatica a riguardo. Quello che noto è che, oggi, vince sempre la sincerità. Bisogna essere sinceri in quello che fai, bisogna crederci veramente. Le persone cominciano ad apprezzarti e a stimarti nel momento in cui tu stesso ti apprezzi e ti stimi, amando quello che fai. Se non ami quello che fai avrai sempre difficoltà ad emergere. È forse questo il “segreto” per distinguersi dalla massa, quello di essere veramente sinceri in ciò che si fa.

Federico. Nella tua musica si trovano influenze multiple: dal trip-hop al synth-pop, passando per R’n’B ma con note di rock acustico anni 60. Come sei andata a costruire il tuo suono?
Joan.
Tutto nasce dalla chitarra, dal mondo acustico e poi nel tempo si è andato sviluppando attraverso la mia passione per la produzione, per la musica elettronica e per tutto quelle che ne consegue. È un suono che ,quindi, è andato cambiando nel tempo e mi rendo conto io stessa che il mio sound cambia in continuazione, è vivo, si evolve tutti i giorni insieme a me e alle mie ricerche e ai miei ascolti musicali. Il nuovo album che uscirà nel 2018 ha sonorità molto diverse rispetto a quelle presenti nell’ultimo EP. Questo perchè mi piace portare il mio suono verso una costante evoluzione dettata dal mio gusto e dalla contaminazione di ciò che mi circonda.

Federico. Credo che i tuoi video siano tra i più interessanti nel panorama musicale del momento. Si nota infatti una forte ricerca estetica, è una tua direttiva quella che i video debbano rispecchiare la musica che canti? è un processo al quale ti piace prender parte?
Joan.
Oggi, il connubio tra video e musica è uno degli strumenti di comunicazione più potenti di cui un artista può disporre. Purtroppo o per fortuna. A volte è un tutt’uno e a volte l’uno condiziona l’altro. Io ci tengo molto, mi piace giocare nel realizzare i miei videoclip, perchè il bello del creare un video è proprio la possibilità di interagirci, di viverlo come un gioco.

Federico. Nel brano In Rainbow racconti attraverso i colori la figura di tua madre, all’interno c’è una frase meravigliosa “i’ll take care of your colors” che cosa significa questo per te?
Joan.
“I’ll take care of your colors” è un’immagine, un’immagine che credo sia bellissima da regalare a mia madre. Perchè mia madre si è sempre presa cura di me, come ogni madre fa o dovrebbe fare. L’idea di paragonarla ad un arcobaleno – che è ciò che arriva sempre dopo la pioggia, quindi un momento difficile – e paragonarla ai suoi colori, rappresenta alla perfezione la sua dolcezza, la sua importanza, la sua delicatezza.

Federico. Ed infine, cosa vorresti che la tua musica possa diventare negli anni e cosa ti possa portare a diventare?
Joan.
Vorrei che la musica mi “dia il potere” di continuare ad essere sempre curiosa nei confronti delle cose che vedo, che mi accadono e che mi faccia crescere. Perchè la musica è uno scambio, un do ut des, che continua a farmi crescere, maturare e che mi fa vedere le cose in modo diverso.

Joan Thiele  fotografata da Andy Massaccesi, Milano, Ottobre 2017.
Joan veste Aquilano Rimondi, Weili Zheng, Annakiki and Voodoo Jewels.
Styling by Rebecca Baglini, Styling Assistant Cristina Archetti.
Intervista a cura di Federico Boratto.
Un grazie speciale a Roberta Giucastro.

Prossime date live:
25/11 Genova – Bangarang @CrazyBull
08/12 Salerno – Modo
09/12 Napoli – Cinema Hart

NUOVO VIDEO “FIRE” PRESTO ONLINE!

FOLLOW US ON - INSTAGRAM - FACEBOOK - PINTEREST - VIMEO - YOUTUBE
#TheTravelIssue
placeholder
#TheMenuIssue
placeholder
#TheWorkIssue
placeholder
#TheItalianIssue
placeholder
#ThePuppyIssue
placeholder
SoapOpera
Culture is the best served on high heels
© SoapOpera Fanzine 2014-2019