SOAPOPERAFANZINE

#TheBotanicalIssue

Let's talk

MARIANA MARTINI

// Every House Has Its Tropical Side

AN INTERVIEW BY SIMONA DELL'UNTO

Mariana Martini, Brazilian-born architect and Milanese by adoption, told us about the birth of her passion for interior design and her close relationship with the tropical. In Milan, her namesake studio is a treasure chest where her dream of bringing a bit of Brazil to Italy has come true.
A dream that started from afar, which in reality has always been within her since she was very young.

*
*
*

Simona. How were you as a child and what did you dream of becoming growing up? Mariana. I’ve always wanted to have an office. I liked the idea of having a desk and live surrounded by the stationery. I grew up with the example of my engineer father and my architect aunt, as well as my mother, employed in the bank with her workstation. I imagined that when I’d grow up I too would have had my own place, with a table and all the necessary materials. Plus, I was practically obsessed with changing spaces. As a child, at least three times a year, I changed the arrangement of the furniture in my bedroom. I liked the idea of going to sleep and then waking up the next morning in a different room. At ten, I went to my friends’ house and did the same. It is really true when we say that we are born with a vocation.

Simona. Why did you decide to study Architecture in Brazil?
Mariana. I never wanted to do anything else. In my five years of architecture, my belief has consolidated even more and right there, my close relationship with botanical elements began. My university was immersed in tropical greenery: the structure of the building was juxtaposed with stones, mountains, and plants that gave you the illusion of being in a jungle. Between one building and another, I passed through the greenery and was immersed in nature. It is the wildest part of Rio de Janeiro and has always fascinated me a lot.

Simona. Then you came to Milan, you attended a master at the Marangoni Institute, gained experience at Matteo Thun & Partners and finally opened your studio. It seems that Milan has given you much in return. What is your relationship with the city?
Mariana. The first moment I arrived here, the city seemed strange to me. I was going to live alone for the first time and it was a time of enormous change for me. At the beginning my problem was the weather, it was so cold for me. I had lived in New York for a few months, but it is different when you know that you will not be passing through, but that you will have to get used to that new climate for you. I arrived in Milan in the autumn and it seemed to be a cold city, in every sense. Then spring came, the trees bloomed and I realized that it was not as frozen as I thought. It is full of green ‘corridors’ here and I started looking at it from another point of view. I was used to seeing beaches after beaches, instead of in Milan I got to know life in parks and I understood that there are other ways to experience a city and enjoy its nature. Somehow it brought me back to life, I had to start all over again, even human relationships. I like Milan, it is a lively and intimate city. Coming from a huge city like Rio, I appreciate the human dimension of this place.

Simona. On your Instagram profile, it reads “We bring the tropical to the city”. How did you do that
Mariana. For me, the tropical in the city is to imagine, for example, a Milanese in Rio. I imagine this person on vacation, in a house inserted in a seaside town. In such a situation, I like to think that one can realize the possibility of being able to work, but at the same time enjoy nature and the wonderful feeling of being on vacation. My idea is to bring this atmosphere here to Milan: the illusion of being, every day, in a beautiful hotel in Rio, staying at home.

Simona. I can’t imagine a house without natural elements. Whether they are plants, decorative elements or colors, it is automatic for me. Do you remember in your projects a job in which you had to insert your ‘Tropical’ unusually and unexpectedly for you?
Mariana. Yes, the first time I worked on an Airbnb project. In such a situation, you can’t always have plants, because maybe there isn’t someone who can take care of them as you should. Since I don’t particularly like fake plants, I had to re-invent. I started to insert botanical or animal print wallpaper, rattan wall lights, and materials that, by touch and sight, bring us closer to nature. It seemed a bit like being in a chiringuito. From that moment on, I started playing: papers, natural colored coverings, furnishings, everything can be functional and reinvented to build a tropical atmosphere in the city.

Simona. Being an interior designer allows you to enter people’s lives. Somehow we need to get to know each other a little, understand the needs and reinterpret the space available. Did this dialogue with the customer always come naturally to you or did you have to learn how to manage it?
Mariana. Both of the options. According to me, 90% of my work is residential, so I am very much in contact with people’s private lives. When I work on hotels or businesses, the approach is completely different. In residential, you work with people’s dreams, especially when it’s their first home. The projects and wishes are many and important. It is a very intimate relationship and you need a lot of delicacies. Most of the time I deal with couples and the last thing I would like is to have created a discussion, so you have to find the right way. I consider myself lucky because I have always had extreme ease in communicating and establishing a human relationship with others. I was born that way. When it comes to a project, however, this is not enough. Many times, it happens that you have to be able to make customers understand that certain requests do not apply to their space. There you have to find a way to make people change their minds, without going into discussions or generating fights. This part you learn to manage thanks to the experience and situations you face.

Simona. Speaking of dialogue, on your social channels, there are several videos in which you tell about yourself. Besides being something extremely useful, I think it also creates a direct line with the people who follow you. How did this idea of telling yourself come to life?
Mariana. As I said, I have extreme ease in communicating. When I started I had no particular plans, I simply shared my thoughts or topics. These videos then accumulated, I put them together and I also started using IGtv. In short, I experimented. The views increased, people appreciated and interacted with me; as a result, I continued to share my thoughts with them. Then I met a video maker who proposed me to work together and we started shooting some videos in my studio. I let myself be inspired by the questions that come to me and together we found a format. Experimenting and trying has never frightened me, quite the contrary.

Simona. Let’s pretend we’re in an interview where you’re looking for a new young collaborator to join your team. What are you looking for in this person?
Mariana. Surely the first thing I look at is not experience. I’m interested in working with communicative and ironic people, it’s my personality, but in reality, the most important thing is the desire to do and learn. The interest is then the winning card and it is immediately clear whether it is alive or not, I would say from the first contact by e-mail. To collaborate with me, a person must be informed of my studio and have already our target clear. I believe this is the fundamental aspect: knowing what you want makes people unique.

Words by Simona Dell’Unto.
Images courtesy of Mariana Martini Studio

*
*
*

ITA

*
*
*

Mariana Martini, architetta Brasiliana di nascita e Milanese di adozione, ci ha raccontato la nascita della sua passione per l’interior design e il suo strettissimo rapporto con il tropicale. A Milano, il suo omonimo studio è uno scrigno dove il suo sogno di portare un po’ di Brasile in Italia è diventato realtà. Un sogno partito da lontano, in realtà sempre stato dentro di lei, fin da piccolissima.

*
*
*
Simona. Com’eri da bambina e cosa sognavi di diventare da grande?
Mariana. Ho sempre voluto avere un ufficio. Mi piaceva l’idea di avere una scrivania e di convivere con la cancelleria. Sono cresciuta con l’esempio di mio padre ingegnere e mia zia architetta, così come mia madre, impiegata in banca con la sua postazione. Immaginavo che da grande anche io avrei avuto un posticino tutto mio, con un tavolo e tutto il materiale necessario. In più, ero praticamente ossessionata dai cambiamenti degli spazi. Da bambina, almeno tre volte l’anno, modificavo la disposizione dei mobili della mia cameretta. Mi piaceva l’idea di andare a dormire e svegliarmi poi la mattina seguente, in una stanza diversa. A dieci anni, andavo a casa delle mie amiche e facevo lo stesso. E’ proprio vero quando diciamo che si nasce con una vocazione.

Simona. Perchè hai deciso di studiare Architettura in Brasile?
Mariana. Non ho mai voluto fare altro. Nei miei cinque anni di architettura si è consolidata ancora di più questa mia convinzione e proprio lì, è iniziata la mia strettissima relazione con gli elementi botanici. La mia università era totalmente immersa nel verde tropicale: la struttura dell’edificio era accostata a pietre, montagne e piante che ti davano l’illusione di essere in una giungla. Tra un edificio e l’altro, passavo in mezzo al verde ed ero totalmente immersa nella natura. E’ la parte più selvaggia di Rio de Janeiro e mi ha sempre affascinata tantissimo.

Simona. Poi sei arrivata a Milano, hai frequentato un master all’Istituto Marangoni, fatto esperienza presso Matteo Thun & Partners e infine aperto il tuo studio. Milano ti ha dato tanto insomma. Che rapporto hai con la città?
Mariana. Il primo momento che sono arrivata qui, la città, mi era sembrata strana. Andavo a vivere da sola per la prima volta ed era un momento di enorme cambiamento per me. All’inizio il mio problema credo sia stato il clima, faceva così freddo per me. Avevo vissuto per qualche mese a New York, ma è diverso quando sai che non sarai di passaggio, ma che ti dovrai abituare a quel clima, totalmente nuovo per te. Sono arrivata a Milano in autunno e mi era sembrata una città fredda, in tutti i sensi. Poi è arrivata la primavera, gli alberi sono fioriti e mi sono accorta che non era poi così tanto ghiacciata come credevo. E’ pieno di corridoi verdi qui e ho cominciato a guardarla sotto un altro punto di vista. Ero abituata a vedere spiagge su spiagge, invece a Milano ho conosciuto la vita nei parchi e ho capito che ci sono altri modi per vivere una città e godersi la sua natura. In qualche modo mi ha fatta rinascere, ho dovuto ricominciare tutto da capo, anche i rapporti umani. A me piace Milano, è una città viva e raccolta. Venendo da una città enorme come Rio, apprezzo molto la dimensione umana di questo posto.

Simona. Sul tuo profilo Instagram si legge “Portiamo il Tropicale in città”. Come ci sei riuscita?
Mariana. Per me il tropicale in città è immaginare, ad esempio, un milanese a Rio. Immagino questa persona in vacanza, in una casa inserita in una città di mare. In una situazione del genere, mi piace pensare che ci si possa rendere conto della possibilità di poter lavorare, ma al tempo stesso godere della natura e della bellissima sensazione dell’essere in vacanza. La mia idea è quella di portare questa atmosfera qui a Milano: l’illusione di essere, ogni giorno, in un bellissimo albergo di Rio, rimanendo a casa tua.

Simona. Non riesco a immaginare una casa senza elementi naturali. Che siano piante, elementi decorativi o colori, per me è automatico. Ricordi nei tuo progetti, un lavoro in cui hai dovuto inserire il tuo Tropicale in maniera per te insolita e inaspettata?
Mariana. Sì, la prima volta che ho lavorato sul progetto di un Airbnb. In una situazione del genere, non sempre si possono avere le piante, perchè magari non c’è qualcuno che se ne possa prendere cura come si dovrebbe. Dato che non amo particolarmente le piante finte, mi sono dovuta ingegnare. Ho cominciato quindi ad inserire la carta da parati botanica o a stampa animali, applique in rattan e materiali che, al tocco e alla vista, ci avvicinano alla natura. Sembrava un po’ come essere in un chiringuito. Da quel momento, ho cominciato a giocare: carte, rivestimenti dai colori naturali, elementi d’arredo, tutto può essere funzionale e reinventato per costruire un’atmosfera tropicale in città.

Simona. Fare l’interior designer ti permettere di entrare nella vita delle persone. In qualche modo bisogna conoscersi un po’, capire le esigenze e reinterpretare lo spazio a disposizione. Ti è sempre venuto naturale questo dialogo con il cliente o hai dovuto imparare a gestirlo?
Mariana.
Entrambe le cose. Per quanto mi riguarda il 90% del mio lavoro è residenziale, quindi sono molto a contatto con la vita privata delle persone. Quando lavoro sugli alberghi o attività commerciali, l’approccio è completamente diverso. Nel residenziale, lavori con i sogni delle persone, specialmente quando è la loro prima casa. I progetti e i desideri sono tanti e importanti. E’ un rapporto molto intimo e serve tanta delicatezza. La maggior parte delle volte ho a che fare con delle coppie e l’ultima cosa che vorrei è farli discutere tra loro, quindi bisogna trovare il modo giusto. Mi reputo fortunata, perchè da sempre ho avuto un’estrema facilità nel comunicare e nell’instaurare un rapporto umano con il prossimo. Ci sono nata. Quando si tratta di un progetto, però non basta solo questo. Tante volte, capita di dover riuscire a far capire ai clienti che certe richieste non sono applicabili al loro spazio. Lì bisogna trovare un modo per far cambiare idea alle persone, senza entrare in discussioni o generare asti. Questo si impara a gestire grazie all’esperienza e alle situazioni che ci si trova ad affrontare.

Simona. A proposito di dialogo, sui tuoi canali social ci sono diversi video in cui ti racconti. Oltre ad essere qualcosa di estremamente utile, penso che crei anche un filo diretto con le persone che ti seguono. Come è nata queste idea di raccontarsi?
Mariana. Come dicevo, ho un’estrema facilità nel comunicare. Quando ho iniziato non avevo particolari piani, condividevo semplicemente dei miei pensieri o argomenti. Questi video poi si sono accumulati, li ho messi insieme e ho cominciato anche ad utilizzare IGtv. Insomma, sperimentavo. Le visualizzazioni aumentavano, le persone apprezzavano e interagivano con me; di conseguenza, io continuavo a condividere con loro i miei pensieri. Poi ho conosciuto un video maker che mi ha proposto di lavorare insieme e abbiamo cominciato a girare qualche video nel mio studio. Mi lascio ispirare dalle domande che mi arrivano e insieme abbiamo trovato un format. La sperimentazione e il provare non mi ha mai spaventata, anzi.

Simona. Facciamo finta di essere ad un colloquio in cui stai cercando un nuovo collaboratore giovane da inserire nel tuo team. Cosa cerchi in questa persona?
Mariana. Sicuramente la prima cosa che guardo non è l’esperienza. Mi interessa lavorare con delle persone comunicative e ironiche, è il mio carattere, ma in realtà la cosa più importante è la voglia di fare e di imparare. L’interesse è poi la carta vincente e si capisce subito se è vivo o meno, direi già dal primo contatto via e-mail. Una persona per collaborare con me deve essersi documentato sullo studio e aver già capito il suo target. Credo che questa sia la cosa fondamentale.
Sapere cosa si vuole rende le persone uniche.

_

Testo di Simona Dell’Unto.
Foto di Mariana Martini Studio

FOLLOW US ON - INSTAGRAM - FACEBOOK - PINTEREST - VIMEO - YOUTUBE
#TheMysticIssue
placeholder
#TheTravelIssue
placeholder
#TheMenuIssue
placeholder
#TheWorkIssue
placeholder
#TheItalianIssue
placeholder
SoapOpera
Culture is the best served on high heels
© SoapOpera Fanzine 2014-2020