// SoapOpera meets the magnetic and explosive italian actress.


From the 20th of February she’s back on tv with E’ arrivata la Felicità 2 and soon, still in the first evening, with Una Pallottola nel Cuore 3.

She arrives to us perfectly on time and alone instead, 9am in the morning at “The Area”, Milan.
We start from the photographic shots where, at the end of the service, we shoot one posing all togheter.
Then, sitting on a black leather sofa, Giulia, anti-diva for excellence, magnetic and explosive in a disarming neon light that is somehow charming, quotes Troisi, explaining how success is an amplifier of what you already were.
If you were humble, you will ne even more and, if you were stupid, you become double as stupid.

“You do not need to want to be respected because, if you respect the others, it will naturally come back to you”.


Silvia. From the 20th of February you’re back on tv with “E’ Arrivata la Felicità 2”.
Which definition would you give to happiness and when do you particularly feel that way off set?
Giulia. It is very difficult to give a definition of happiness because it is an elusive moment.
It is a momentary state that comes when you least expect it and it is often difficult to catch…
What I think should be one of the goals that each of us should set is just to notice its arrival and live it fully, enjoying it.
To me, fortunately, it often happens because I am a positive, solar person. Surely this is the result of the baggage that I carry and that comes from my family who has always had a very enthusiastic approach to life and, kind of childish somehow.
They taught me to capture all the beauty that life offers you. All of this is also given by a bit of luck: we are privileged, we have had the opportunity to study, to travel, to see so many beautiful things and when I speak of beauty I mean it in an absolute sense…
that’s why I refer to art, music, nature and everything that enriches the soul.

Silvia. You interpret a woman who loves another woman and finally becomes a mom.
Did you ever felt some kind of prejudices towards you? Referring also to the “work harassments boom” we’ve been hearing of lately.
Giulia. I become a mom already in the last episodes of the first serie and the birth scene is very funny thanks to a series of vicissitudes related to the fact that they do not want to let Rita, my partner, attend the birth: we are not married and being a couple of homosexuals we have to face the many limitations present in Italy and one of these was the failure to recognize civil unions (The institute, in force since 5 June 2016, was introduced by Article 1, paragraphs 1-35, of the Law No. 76 of 20 May 2016 – the so-called Cirinnà law, published in the Official Gazette of the Italian Republic on 21 May 2016 and named “Regulation of civil unions between persons of the same sex and discipline of cohabitation”).
Valeria, my character, decides not to give birth even if the water broke in the absence of Rita, despite contractions and expansion.
When the two finally meet in the delivery room, Rita faints.

I’ve never been a victim of prejudice and if it happened it was without my complete awareness, I did not perceive it.
I find Valeria’s struggle to defend her love very honourable: she is a strong woman with very high ideals.
Family and love are two fundamental values for her and I completely see myself in this, she and I look a lot alike.
In the series, for example, with great hidden pain but also with great irony and intelligence, she goes against her mother, who represents her direct antagonist and it is precisely in this that she sees how brave she is.
She confronts her until she changes his mind, abandoning bourgeois and retrograde beliefs.
I fully value her determination to fight against prejudices, I would do it exactly the same way.

Silvia. You are used to work with many women colleagues and I refer for example to “Due Partite”.
How do you create a winning female sisterhood?
Giulia. With intelligence and education that are the basis of everything: this statement may seems retro but it is absolutely the sum of these two things instead.
I was lucky enough to meet women with whom I have always had a good feeling with and with whom I have managed to create a bond because we have never competed against each other. We have actually tried to live together and work together.
The theatrical tour is very different from the movie set because you are together twenty-four hours a day, especially when you’re in small towns.
With all three (Caterina Guzzanti, Giulia Michelini and Paola Minaccioni) I’ve created a relationship of great friendship, complicity, built on much patience and wiseness: none of the four wanted to immediately create fake synergy.
Everyone has voluntarily decided to let some time pass before trusting others, and this gives you time to get to know each other, to rely on and trust, to understand what are the things that unite and those that differentiate.
When you go back home it is inevitable that you neglect a bit these new friendships to return to your old habits and then there are times when you do not hear and see each other for a long time but you are always in touch via messages… for example, all three were present at my wedding.

Silvia. I I say “Nicola” and then I say “Love”, Do I say a bit the same thing?
Giulia. Absolutely yes. Yes and yes. He is the love of my life and I would say OF life.
Our beautiful meeting happened when it had to happen: I was ready.
Before him, perhaps I had not yet understood what I wanted from a man and then, totally unexpectedly, Nicola arrived into my life.
It was the “when you least expect it”, arriving when I was open to meet, listen…
There was immediately a sense of belonging, familiarity, from the first look it was as if I knew him from always and he had always been part of me.
I never even thought about marriage when I was a child: my dreams was to imagine me at the Oscar rather than at the altar.
Nicola’s proposal happened without any warning, I was not prepared and I did not believe he would have asked me, but with a rush I said yes between tears and with unconditional joy.
Now that things are done I’m even happier we took this step because I believe that our generation is too inclined to let it go, not to face the sacrifice, to surrender in front of obstacles and the fact of signing a contract in which both take the commitment to make this relationship last for life, even knowing that it will also mean renunciation because two people would always be two different people, no matter how much they love each other… I think this is a good message.
They asked me why I published the photos of my wedding: because it was beautiful and when you live the best day of your life you want to share it with everyone. We were really happy, it was simple and very felt, I saw so much love around us.
Everything was perfect and there was music constantly.

Silvia. How do you “feed” a relationship in times made of fear of engaging, likes and selfies?
Do you think that the greater courage is always going for it and being able also to let it go?
Giulia. It obviously depends on the type of relationship but, as I said before, we are not used to fight, to sacrifice.
In a healthy relationship we should learn to try, to resist. I don’t want to say to settle for something, it would seem a bit poor, but sometimes if feels like we always need something new, to experiment and so on, when instead we should be able to rediscover normality.

Silvia. A woman with a suitcase: there is a something that you always carry with you, like emotional remarks or good luck objects?
Giulia. Yes, it is a gold chain in which over the years I have adding several pendants that remind me of people important to me: the cross of my father’s baptism, a star from my best friend, a heart that Nicola gave me, another little heart that my brothers gifted me for my eighteenth’s birthday and a “cornetto” from my mother.

Silvia. A place, a film, a book and a song which belong to you.
Giulia. Not to mention Rome, which is my city even if it became really tiring lately, or Milan that is the where I live, now I would say Positano because it is the place where I got married and it is the place where my husband is from.
There you still breathe that golden age air.
As for the film I instinctively think of Pretty Woman because it’s what I’ve seen more times than ever and I loved because there is Julia Roberts to whom I was compared by a boy I liked.
Kent Haruf with his trilogy would be the book.
Regarding the song I would say Get Lucky by Daft Punk, something funny.

Silvia. Roles inversion. From actress to director. A movie about Giulia: which could be the (not) definitive title?
Giulia. I would never make a film about myself, in this I am very shy. In any case it would be an ironic thing.
Could it be something like “Without Filters“? I believe I am like that and it is a characteristic that I’m looking for in other people too.

Giulia Bevilacqua lensed by Andy Massaccesi, 9th of February 2018, Milan.

Styled by Sara Castelli Gattinara @ Factory4, make up by Giorgia Palvarini @Simone Belli Agency, hair by Giada Brunelli and Davide D’Aurelio @Beautick, producer Erika Grupillo and photo assistant Paolo Leonori.

Interview by Silvia Pisanu and translation by Amanda Ballerini.

Special thanks to Factory4 and Alice Manfroni.

In the first picture Giulia is wearing a shirt by Sara Battaglia, a vintage skirt by Valentino and shoes by Alexandre Birman; second and fourth picture black suit by Stella McCartney and shoes by Alexandre Birman while in the portrait she’s wearing a shirt by Sara Battaglia.



Dal 20 Febbraio è tornata in tv con E’ arrivata la Felicità 2 e, prossimamente, sempre in prima serata, con Una Pallottola nel Cuore 3.

Da noi, invece, arriva puntualissima e da sola, alle 9 della mattina al “The Area”.
Partiremo dagli scatti fotografici dove, a fine servizio, ci concediamo una posa tutti insieme.
Poi, sedute su un divanetto in pelle nera, anti diva per eccellenza, avvolgente ed esplosiva nella sua disarmante luce al neon che rapisce inconsapevolmente, cita Troisi spiegandomi come il successo sia un amplificatore di ciò che eri prima, quindi se eri umile diventi umilissima, se eri stupida diventi stupidissima.

“Non c’è bisogno di pretendere di essere rispettato perchè, se tu rispetti gli altri, questo ti torna indietro”.


Silvia. Il 20 Febbraio sei tornata in tv con “E’ arrivata la felicità 2”. Quale definizione daresti della parola felicità e soprattutto quando, fuori dal set, tu lo sei stata o lo sei?
Giulia. È molto difficile dare una definizione di felicità perché è un momento quasi inafferrabile.
È uno stato momentaneo, passeggero, che arriva quando meno te lo aspetti ed è difficile spesso anche coglierlo per cui quello che secondo me dovrebbe essere uno degli obiettivi che ognuno di noi si dovrebbe prefissare è proprio quello di accorgersi del suo arrivo e viverlo a pieno, goderne.
A me – e dico fortunatamente – capita spesso perché sono una persona positiva, solare.
Sicuramente questo è frutto e merito del bagaglio che mi porto dietro e che deriva dalla mia famiglia che ha sempre avuto un approccio alla vita molto entusiasta e anche molto bambinesco. Mi hanno insegnato a cogliere tutto il bello che la vita ti offre.
Tutto questo è dato anche da una base di fortuna: siamo dei privilegiati, abbiamo avuto la possibilità di studiare, di viaggiare, di vedere tante cose belle e quando parlo di bello lo intendo in senso assoluto quindi mi riferisco all’arte, alla musica, alla natura, a tutto ciò che ti arricchisce l’animo.

Silvia. Interpreti una donna che ama un’altra donna e diventa mamma. Ti è mai capitato, ruoli a parte, di essere vittima di pregiudizi, pensando anche al recente tanto parlare di molestie sul lavoro?
Giulia. Divento mamma già nelle ultime puntate della prima serie dove la scena del parto si rivela molto divertente grazie a una serie di vicissitudini legate al fatto che non vogliono far entrare Rita, la mia compagna, ad assistere alla nascita: non siamo sposate ed essendo una coppia di omossessuali ci troviamo a dover affrontare i molti limiti presenti in Italia e uno di questi era il mancato riconoscimento delle unioni civili (L’istituto, in vigore dal 5 giugno 2016, è stato introdotto dall’art 1, commi 1-35, della Legge 20 maggio 2016, n. 76 – cosiddetta legge Cirinnà, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana il 21 maggio 2016 e denominata “Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze).
Valeria, il mio personaggio, decide in mancanza di Rita di non partorire anche se le si sono rotte le acque, ha le contrazioni e si è dilatata.
Quando finalmente le due si incontrano in sala parto, Rita sviene.

Io no, non sono mai stata vittima di pregiudizi e se è successo è stato a mia insaputa, non l’ho avvertito.
Trovo che la lotta di Valeria per difendere il suo amore sia molto onorevole: lei è una donna forte e con ideali molto alti.
Famiglia e amore sono per lei due valori fondamentali e in questo mi riconosco, io e lei ci somigliamo parecchio.
Nella serie, per esempio, con grande dolore nascosto ma anche con grande ironia e intelligenza, va contro sua madre, che ne rappresenta l’antagonista diretta, e proprio in questo si vede quanto lei sia coraggiosa.
L’affronta fino a farle cambiare idea abbandonando così credenze borghesi e retrogradi. S
ottoscrivo in pieno la sua determinazione a lottare contro i pregiudizi, lo farei nello stesso identico modo.

Silvia. Sei abituata a lavorare con molte colleghe donne, e penso per esempio a “Due Partite”. Come si crea un sodalizio vincente al femminile?
Giulia. Con intelligenza ed educazione che sono alla base di tutto: questa affermazione potrà sembrare retrò e invece è assolutamente la somma di queste due cose. Ho avuto la fortuna di incontrare donne con cui mi sono sempre trovata bene e con cui sono riuscita a creare un legame perché non ci si è mai messe in competizione, anzi abbiamo cercato di convivere e lavorare al meglio e insieme.
La tournée teatrale è molto diversa dal set cinematografico perché si sta insieme ventiquattro ore su ventiquattro, soprattutto quando sei nei piccoli paesi.
Con tutte e tre (Caterina GuzzantiGiulia Michelini Paola Minaccioni) si è creato un rapporto di grande amicizia, di complicità, tutto nato con molta pazienza ed è qui che c’è stata l’intelligenza: nessuna delle quattro ha voluto da subito creare finta sinergia. Ognuna ha volontariamente deciso di far passare del tempo prima di fidarsi delle altre, e questo ti dà il tempo di conoscersi, di affidarsi e appunto di fidarsi, di capire quali sono le cose che accomunano e quelle che invece differenziano.
Quando poi si torna a casa è inevitabile che si trascurino un po’ queste nuove amicizie per ritornare alle vecchie abitudine e quindi succede che ci sono periodi in cui non ci si sente e non ci si vede per molto ma siamo sempre in contatto via messaggi e, per esempio, tutte e tre erano presenti al mio matrimonio.

Silvia. Se dico “Nicola” e poi dico “Amore”, dico la stessa cosa?
Giulia. Assolutamente sì. Sì, sì. È l’amore della mia vita e aggiungerei della vita.
Il nostro è stato un incontro bellissimo capitato nel momento in cui doveva capitare: io ero pronta.
Prima di lui forse non avevo ancora ben capito cosa volessi da un uomo e poi, totalmente a sorpresa, è arrivato Nicola, così inaspettatamente.
È stato il “quando meno te l’aspetti” arrivato però nel momento in cui ero aperta all’incontro, in ascolto, e da subito c’è stato senso di appartenenza, di familiarità, dal primo sguardo è stato come se lo conoscessi da sempre e fosse sempre stato parte di me.
Al matrimonio non ho mai pensato nemmeno quando ero piccola: tra i miei sogni c’era quello di vedermi agli Oscar piuttosto che all’altare.
Quella di Nicola è stata una proposta senza alcun preavviso, io non ero preparata e non credevo me l’avrebbe chiesto, ma di slancio ho detto sì tra le lacrime e con una gioia incondizionata.
E ora a cose fatte sono ancora più felice di questo passo perché credo che noi di questa generazione siamo troppo portati a lasciarci andare, a non affrontare il sacrificio, ad arrenderci di fronte agli ostacoli, e il fatto di firmare un contratto in cui tutti e due prendiamo l’impegno che questa relazione duri per tutta la vita, pur sapendo che significherà anche fatica e rinunce perché due persone per quanto si amino alla follia sono diverse, credo sia un bel messaggio.
Mi hanno chiesto perché ho pubblicato le foto del mio matrimonio: perché è stato bellissimo e quando vivi il giorno più bello della tua vita lo vuoi condividere con tutti.
Eravamo proprio felici, è stato semplice e molto sentito, intorno a noi ho visto tantissimo amore.
Tutto è stato perfetto e c’è stata costantemente musica.

Silvia. Come si alimenta una relazione in un tempo fatto di paura di impegnarsi, likes e selfies? Pensi che il coraggio maggiore stia nel provarci sempre e comunque o lasciar andare?
Giulia. Dipende ovviamente dal tipo di relazione ma, come dicevo prima, non siamo abituati a lottare, al sacrificio.
In una relazione sana dovremmo imparare a provarci, a resistere. Non dico ad accontentarci, sembrerebbe brutto, però abbiamo sempre troppo bisogno di qualcosa di nuovo, di sperimentare, quando invece dovremmo riscoprire la normalità.

Silvia. Una donna con la valigia: c’è qualcosa che porti sempre con te, come ricordo emotivo o oggetto scaramantico?
Giulia. Sì, è una catenina d’oro in cui negli anni ho inserito diversi ciondoli che mi ricordano persone per me importanti: la croce del battesimo di mio padre, una stella della mia migliore amica, un cuore che mi ha regalato Nicola e un altro cuoricino che mi hanno regalato i miei fratelli per i diciotto anni, un cornetto che mi ha dato la mia mamma.

Silvia. Un luogo, un film, un libro e una canzone del cuore.
Giulia. Per non dire Roma, che è la mia città ma in questo periodo è tanto faticosa, o Milano che è la città in cui vivo, adesso ti direi Positano perché è il luogo in cui mi sono sposata ed è il luogo di semi appartenenza di mio marito. Qui si respira ancora quell’aria del periodo d’oro.
Per quanto riguarda il film d’istinto mi viene in mente “Pretty Woman” perché è quello che ho visto più volte in assoluto e amavo perché c’è Julia Roberts a cui sono stata paragonata da un ragazzino che mi piaceva.
Kent Haruf con “La trilogia della pianura” è il libro. Per la canzone direi “Get Lucky” dei Daft Punk, divertente.

Silvia. Inversione di ruolo. Da Attrice a Regista. Un film su Giulia che si racconta: quale potrebbe essere il titolo (non) definitivo.
Giulia. Non farei mai un film su me stessa, in questo sono molto timida. In ogni caso sarebbe una cosa ironica.
Potrebbe essere “Senza Filtri”? Io credo di essere così ed è una caratteristica che cerco tantissimo anche negli altri.

Giulia Bevilacqua fotografata da Andy Massaccesi, 9 Febbraio 2018, Milano.

Styling a cura di Sara Castelli GattinaraFactory4, make up Giorgia Palvarini@Simone Belli Agency, hair Giada Brunelli e Davide D’Aurelio @Beautick, producer Erika Grupillo assistente fotografia Paolo Leonori.

Intervista a cura di Silvia Pisanu e traduzione a cura di Amanda Ballerini.

Un ringraziamento speciale a Factory4 e ad Alice Manfroni.

Nella prima foto Giulia indossa camicia Sara Battaglia, gonna vintage Valentino e scarpe Alexandre Birman; secondo e quarto scatto tuta nera Stella McCartney e scarpe Alexandre Birman, nel ritratto invece camicia Sara Battaglia.

Culture is the best served on high heels
© SoapOpera Fanzine 2014-2018